Google+

Ecco come ho smascherato i “furbetti dell’Isee” a Pesaro (recuperando 45 mila euro)

gennaio 28, 2014 Dario Andreolli

Il caso più eclatante è rappresentato da una famiglia che ha modificato il proprio Isee da 1.500 a 41.000 euro, passando dall’esenzione al massimo della tariffa.

L’idea che molte coppie non si sposino o si separino solo sulla carta per risparmiare sul fisco è da sola una buona ragione per impegnarsi in politica per chi, come me, vede nella famiglia il nucleo fondante della società. Grazie a Tempi sono venuto a conoscenza di un’opportunità straordinaria che andava incontro al mio desiderio di “buona politica”.

Leggendo su queste pagine l’esperienza della consigliera comunale Valentina Castaldini in merito ad un suo odg approvato a Bologna che ha portato cambiamenti e risultati sul calcolo Isee, decisi di seguirne l’esempio. L’Isee è un indice che tiene conto di quattro differenti parametri per stabilire la ricchezza effettiva di un nucleo familiare: la somma dei redditi, il 20 per cento del patrimonio mobiliare e di quello immobiliare, e la composizione della famiglia.

L’obiettivo era chiaro: occorreva equiparare anche a Pesaro la condizione economica delle coppie non sposate aventi domicili diversi con quella delle famiglie sposate ai fini del calcolo Isee che determina le tariffe per i servizi educativi. Il documento, presentato lo scorso anno, ha seguito l’iter istituzionale prima di essere votato all’unanimità sia in commissione che in consiglio comunale. Adottato con delibera di Giunta, il provvedimento che rivoluzionava i criteri di formazione delle tariffe è diventato esecutivo a settembre, prima dell’inizio di quest’anno scolastico. 

Grazie a questo cambiamento ora non ci sono più scappatoie e non sarà più possibile aggirare le graduatorie e le tabelle contributive, poiché questa modifica ha colmato un vuoto normativo che penalizzava le vere ragazze madri che vedevano equiparata la loro difficile condizione a situazioni ben più privilegiate e le coppie sposate, magari monoreddito, costrette a pagare di più i servizi educativi per bilanciare i costi del sistema.

Dalla comparazione 2013-2014 del sistema, infatti, è emerso che ben 39 famiglie (60 circa nel sistema complessivo) in seguito all’adozione di tale criterio hanno modificato la loro situazione per una maggior entrata annua di 32.000 euro (45.000 euro totali). Il caso più eclatante è rappresentato da una famiglia che ha modificato il proprio Isee da 1.500 a 41.000 euro, passando dall’esenzione al massimo della tariffa.

La soddisfazione di questi risultati contrasta con la consapevolezza di una politica fiscale che penalizza le famiglie, ma, per una volta, l’idea di aver fatto qualcosa di concreto, seppur possa apparire una goccia nel mare, è riuscita a regalarmi un sorriso sincero e un crescente desiderio di proseguire su questa strada.

L’autore di questo articolo è consigliere comunale Nuovo Centro Destra – Pesaro
www.ultimocapoverso.wordpress.com

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. Terrùn scrive:

    Questo è un esempio che esistono persone che si impegnano in politica per il bene comune, per questo motivo io devo avere la possibilità di scegliere chi voglio votare.

    W le preferenze simbolo di libertà e di merito

  2. Francesco scrive:

    Questa notizia mi ha illuminato la giornata. GRAZIE !!!

  3. Dario Andreolli scrive:

    Grazie a tutti per le belle parole che mi danno la forza per andare avanti e fare sempre meglio

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana