Google+

Le spese dell’asilo nido si possono detrarre? Qui la risposta

luglio 19, 2013 Massimiliano Casto

Anche per i genitori di bambini e bambine che frequentano l’asilo nido sono previste delle detrazioni fiscali nella dichiarazione dei redditi. Come si fa? Così

Massimiliano Casto, autore di questo articolo, è Tributarista e Consulente del Lavoro. Chi avesse interrogativi particolari o volesse sottoporre domande su questioni riguardanti la fiscalità può scrivere a studiocasto@virgilio.it, specificando nell’oggetto: “Fisco semplice”. Altri quesiti li potete trovare qui.

Buonasera, avrei un quesito da porle: In dichiarazione 2013 ho indicato tutto a carico mio i figli, mio marito può comunque scaricarsi le spese dell’asilo nido? Grazie della disponibilità.
Cordiali saluti
Nicoletta Ceraolo

Risposta
Ormai è ampiamente risaputo che sono detraibili dalla dichiarazione dei redditi, nella misura del 19 per cento, le spese sostenute per la frequenza di corsi di istruzione secondaria, universitaria, di perfezionamento e/o di specializzazione universitaria, tenuti presso istituti o università italiane o straniere, pubbliche o private, in misura non superiore a quella stabilita per le tasse e i contributi degli istituti statali italiani.
Però ancora non tutti sono a conoscenza che anche per i genitori di bambini e bambine che frequentano l’asilo nido sono previste delle detrazioni fiscali nella dichiarazione dei redditi. Vediamo le particolarità di questa detrazione.

QUANTO SI PUÒ DETRARRE
La detrazione Irpef del 19% spetta per le spese sostenute dai genitori per il pagamento di rette relative alla frequenza di asili nido per un importo complessivamente non superiore a euro 632 annui per ogni figlio. Per godere della detrazione in oggetto non è necessario che l’asilo nido sia pubblico, potendo essere indifferentemente sia pubblico che privato. Non esistono nemmeno vincoli legate all’età anagrafica del figlio per cui si sostiene la retta dell’asilo.

A CHI SPETTA
La detrazione asilo nido spetta ai genitori in misura del 50 per cento ciascuno oppure in base alla percentuale di spesa effettivamente sostenuta che può essere di qualsiasi entità, da annotare sul documento giustificativo. È importante che sul documento giustificativo sia annotato il nome del genitore che ha effettivamente provveduto al pagamento.

I DOCUMENTI
La documentazione necessaria per godere della detrazione asilo nido è costituita dalla fattura, bollettino di versamento (postale, bancario), quietanza di pagamento. Infine si sottolinea che la detrazione in questione spetta per ciascun figlio a carico, iscritto all’asilo nido pubblico o privato.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. mario scrive:

    Salve volevo chiedere 2 cose
    1. Posso chiedere la detrazione di un figlio non naturale che pero e nel mio nucleo familiare coniugato con sua mamma?

    2.posso detrarre il costo sostenuto per scuola materna.privata?
    Attendo vostre. Notizie
    Grazie

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana