Google+

Dice che l’aborto è «omicidio». Viene attaccato. Dalla Chiesa cattolica belga

marzo 30, 2017 Leone Grotti

Va avanti in Belgio la caccia alle streghe. L’università cattolica di Lovanio sospende il docente “sacrilego” Stéphane Mercier e la Chiesa lo scarica (salvo aggiustare il tiro dopo le proteste dei fedeli)

stephane-mercier

«Parlare di omicidio nel caso dell’aborto è esagerato». Dopo l’università cattolica di Lovanio, anche la Conferenza episcopale belga scarica Stéphane Mercier, docente di filosofia, colpevole di aver proposto ai suoi studenti universitari un testo (La filosofia per la vita), nel quale si affronta, «da un punto di vista filosofico e non teologico», il problema dell’interruzione di gravidanza. Il testo, al termine di diverse argomentazioni razionali, afferma che «l’aborto è l’omicidio di una persona innocente. E un omicidio particolarmente abietto, perché l’innocente è senza difese».

PORTAVOCE DELLA CHIESA. Dopo che un gruppo di femministe ha sollevato un putiferio, nel nome del «diritto all’aborto», l’università cattolica ha sospeso il professore, sostenendo che le sue tesi «sono inaccettabili e in contraddizione con i valori dell’università». Anche il portavoce della Conferenza episcopale belga, padre Tommy Scholtès, è intervenuto: «Le parole di Stéphane Mercier mi sembrano caricaturali. La parola “omicidio” è troppo forte: suppone una violenza, un atto commesso in piena coscienza, con un’intenzione e questo non prende in considerazione la situazione delle persone, spesso nel più grande disagio». Dopo aver ricordato che la difesa della vita si trova comunque al centro della dottrina cattolica, ha aggiunto che «papa Francesco ricorda anche la misericordia: noi dobbiamo mostrare comprensione e compassione».

PROTESTA E SFUMATURE. Le parole hanno scatenato la protesta di molti fedeli, 3.000 dei quali sono scesi in piazza a Bruxelles per esprimere il loro sostegno a Mercier, vittima ormai di una vera e propria caccia alle streghe. Anche i vescovi hanno poi corretto il tiro, scrivendo in una nota che «c’è bisogno di una riflessione serena nella società» e che «noi rimaniamo contro l’aborto per rispetto della vita», anche perché «nel diritto belga non esiste un diritto all’aborto». Infine, confermando esattamente le parole di Mercier, scrivono che «in quanto tale l’aborto resta un delitto». Nonostante questo, aggiungono, «bisogna sempre distinguere tra la persona e l’atto» e per rispetto delle donne in situazioni di difficoltà e disagio «parlare sempre con tatto di chi fa questa scelta».

ACCUSE DI OMOFOBIA. Mercier è stato anche accusato di omofobia e transfobia per aver tenuto un corso contro la teoria del gender, come viene esposta dalla filosofa americana e femminista radicale Judith Butler. Il docente ha risposto così alle accuse in un’intervista a La Libre: «Sono accuse senza fondamento. In un corso ho esposto una critica filosofica all’ideologia del gender, soprattutto del gender queer di Butler. Ho presentato le argomentazioni di Drieu Godefridi e Bérénice Levet, alla quale Michel Onfray ha scritto la prefazione. Io sono d’accordo con le critiche che questi pensatori esprimono, pubblicate da case editrici rispettabili, e non credo di poter essere tacciato di omofobia e trasnfobia per aver proposto delle tesi filosofiche. Ho citato poi anche Tony Anatrella, Pascal Bruckner, Butler e Naomi Wolf. Tutti questi autori non mi sembra siano stati censurati. Ma se è così, fatemelo sapere e fatelo sapere anche alle librerie che li vendono».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download