Google+

Contrappello per la più grande Italia

settembre 27, 2017 Edoardo Sylos Labini

Una federazione di gente non conforme al pensiero unico. Perché ributtarsi con entusiasmo nella “battaglia persa” per dare un’anima al centrodestra

tricolore patriottismo ansa

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Sabato scorso sulla pagina OFF de Il Giornale, spin-off del webmagazine che ho fondato 4 anni fa, ilgiornaleOFF.it, il direttore Giuli ha scagliato una volta ancora la nostra sfida alle stelle, come avrebbe detto FT Marinetti. Parlando di un irripetibile allineamento di pianeti, ha esortato il mondo della cultura, dell’arte, del giornalismo non conforme al pensiero unico (ex “de sinistra” ora globalista) a federarsi in una nuova realtà capace di fare sistema, di interagire e proporre un nuovo modello culturale. Lo stavo quasi per abbracciare! Perché è la nuova ardita scommessa che in queste settimane ho lanciato dalle pagine de ilgiornaleOFF.it con la Rete #CulturaIdentità. Un nuovo gruppo trasversale di intellettuali, artisti, associazioni, imprenditori che credono che il rilancio del nostro paese debba ripartire dal patrimonio artistico-culturale che ci invidia tutto il mondo.

Schermata 2017-09-21 alle 12.18.35Più di cento anni fa Marinetti con i suoi vagoni colmi di artisti italiani portava la nostra cultura con il Futurismo in giro per il mondo. E sappiamo bene cosa hanno prodotto questi viaggi in treno: l’unico movimento artistico (e non solo) italiano del Novecento di fama mondiale che ha aperto le porte all’Avanguardia. Con #CulturaIdentità i viaggi però li dovremmo fare in giro per l’Italia, perché la sfida vera è proprio qui, in questo ponte sul Mediterraneo tra Oriente e Occidente che è la nostra penisola. In questo ponte che il burattinaio Soros con le sue Ong cerca, con la complicità di “politici” alla Boldrini o alla Fiano, di usare (con il business dello sbarco dei migranti economici) come mezzo di realizzazione del disegno globalista.

Non è una pratica da sbrigare
Cultura Identità, due parole che il progetto di globalizzazione mondiale vorrebbe cancellare dal vocabolario. Due parole sulle quali invece si reggono le migliaia di città più o meno piccole, con le loro straordinarie tradizioni e opere d’arte, che formano il nostro stivale. E dentro queste città, migliaia di associazioni culturali formano piccole comunità che, nella maggior parte dei casi in silenzio o in punta di piedi, portano avanti nobili battaglie. A loro vuole dare voce la nostra Rete, a loro che organizzano – con l’elemosina delle casse dei loro Comuni spesso bloccati dallo scellerato Patto di Stabilità – mostre, convegni, festival, presentazioni di libri e tutte quelle attività culturali che potrebbero avere un effetto moltiplicatore su molti comparti della nostra economia. A loro che non si sono fatte inglobare dalle Arci di turno, a loro che non hanno mai seguito il gregge che chiedeva sostegno economico in cambio della militanza nell’ex Pc-Ulivo-Pd-Sel-Antifà e compagnia bella, a loro che sono la maggioranza, anche per qualità, ma non hanno mai avuto una rappresentanza politica – tantomeno nell’area di centrodestra – a loro va la nostra attenzione.

C’è bisogno insomma di un immaginario simbolico nuovo, in un’area vasta come una prateria. Per questo raccolgo la provocazione di Alessandro Giuli che giustamente ha ammonito che non basterà mettere qualche titolato professore a sbrigare la “pratica cultura” come Berlusconi fece nel 1996. Ci sono molti artisti come me lontani da sempre dal coro del “politicamente corretto” che hanno bisogno di un punto di riferimento nuovo che aggreghi e sia credibile per qualità e proposta. Insomma, niente più nani e ballerine o gente col cuore a sinistra e il portafogli a destra, che per un incomprensibile complesso di inferiorità chi ha governato a destra ha messo in posizioni di comando. E a molti degli intellettuali (dissidenti) che dovrebbero cominciare con noi a diventare sorridenti, propongo di superare quel cliché, ormai polveroso, dell’individualismo che porta solo a un nichilismo inconcludente.

Nel nome di mia figlia
Assonanze a parte, la novità sarebbe nel difendere la bellezza della nostra Italia, cominciando dai nostri figli, la classe dirigente del futuro. Sperando che crescano con una sensibilità culturale che oggi in Parlamento (e quindi nel paese) è merce rara. Mia figlia l’ho chiamata Luce, in onore dell’ultima figlia del fondatore del Futurismo, Luce Marinetti. Lei, della quale sono stato amico fino alla sua morte nel 2009, negli anni Settanta rilanciò il movimento del padre dall’Università di Yale grazie all’aiuto dell’editore ebreo Robert Strauss. Lei, che mi raccontava quando spiava bambina dalle tende della casa di piazza Adriana a Roma il padre discutere e creare con Balla, Depero e Luigi Russolo, è stata un modello di forza e tenacia, un esempio da seguire.

“È una battaglia persa… ma chi te lo fa fare?”. È la frase più ricorrente che mi sento ripetere. Lo faccio per mia figlia, perché il suo nome ha per me un significato profondo. Luce la figlia del Futurismo o, se preferite, la Luce, quella del Caravaggio. La Luce che deve tornare a splendere sulla nostra bella Italia. Non possiamo dimenticarci chi siamo, da dove veniamo, cosa abbiamo creato e cosa potremmo creare ancora di stupefacente. Facciamolo per i nostri figli, senza aspettare più Godot.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Audi accelera sulla strada dell’elettrificazione della gamma. Dopo la presentazione della nuova A8, proposta al lancio nelle configurazioni V6 3.0 TFSI e TDI “mild hybrid”, vale a dire con impianto elettrico a 48 volt, ora anche le famiglie A4 e A5 beneficiano d’inedite motorizzazioni mHEV che portano in dote tutti i vantaggi fiscali e di […]

L'articolo Audi A4 e A5, è tempo di micro ibrido proviene da RED Live.

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download