Google+

Connessi a un satellite meraviglioso che tutto può, eppure sempre più soli

maggio 28, 2017 Walter Veltroni

Il telefono ha riempito la nostra vita di comunicazioni inutili e superflue che alimentano un flusso massiccio e greve di coriandoli di relazioni o di notizie che sempre più facciamo fatica a organizzare

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Togliete il cellulare a un cittadino moderno e andrà in crisi respiratoria in breve tempo. Il telefono è diventato un arto, un prolungamento delle orecchie e degli occhi, una protesi del cervello, un surrogato della memoria. Il telefono è noi stessi, non possiamo vivere senza. È la prima volta, nella storia, che succede qualcosa di simile con una tecnologia. Nessuna, nemmeno l’automobile, ha assunto un ruolo così insostituibile nella dimensione quotidiana della vita umana.

Se passate la mattina davanti a una fermata dell’autobus vedrete solo occhi chini sugli schermi luminosi degli smartphone. Le persone camminano parlando, come un tempo si pensava facessero gli svitati. In auto nei casi migliori si vedono anziani signori che gesticolano nel vuoto di un bluetooth e nel peggiore altri che tengono il cellulare al posto del cambio o del volante. Si dice che ormai sia altissimo il numero degli incidenti stradali causati da guidatori che invece di guardare la strada osservavano ansiosi il testo dell’ultimo sms. Si cita sempre, non senza ipocrita nostalgia, il tempo delle pile dei gettoni con i quali, non meno ansiosi, si telefonava a casa per sapere le novità del giorno. Ma le tecnologie non dovrebbero servire a ridarci tempo, a toglierci ansia, a farci vivere meglio?

Il telefono ha riempito la nostra vita di comunicazioni inutili e superflue che alimentano un flusso massiccio e greve di coriandoli di relazioni o di notizie che sempre più facciamo fatica a organizzare e definire in un quadro coerente e riconoscibile. Importante e inutile, gatti che sanno far di conto e attacchi terroristici fluiscono allo stesso modo, come un torrente che porti rose e vecchi armadi rotti. In fondo il tema del nostro tempo è la capacità di distinguere, di analizzare, di pesare. Sentiamo di essere tutti collegati a tutto. Ma sappiamo che è una pia illusione. Sotto al satellite meraviglioso che tutto può c’è, in verità, una grande, diffusa solitudine.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

SCS, ovvero come ti rivoluziono il concetto di frizione. Anche MV Agusta debutta nel segmento delle trasmissioni “evolute” e lo fa con un sistema leggero e versatile. Sarà questo il futuro del cambio?

L'articolo Prova Mv Agusta Turismo Veloce Lusso SCS <br> addio frizione proviene da RED Live.

Il Biscione di Arese trova da sempre il suo habitat naturale tra i boschi del Nürburgring. È dal 1932 che le Alfa Romeo hanno un feeling particolare con i 20,832 chilometri di saliscendi dell’Inferno Verde tedesco, da quando cioè le Gran Premio Tipo B di Caracciola, Nuvolari e Borzacchini monopolizzarono un podio divenuto nel tempo […]

L'articolo Alfa Romeo Giulia e Stelvio Quadrifoglio NRING proviene da RED Live.

I circa 21 km della Nordschleife percorsi dalla super SUV ceca in poco più di 9 minuti. Con una veterana dell'Inferno Verde al volante: Sabine Schmitz

L'articolo Skoda Kodiaq RS, la SUV a 7 posti più veloce del Nürburgring proviene da RED Live.

ECCO I MIGLIORI CASCHI DA BAMBINO La legge parla chiaro: fino al raggiungimento dei 5 anni di età, i bambini non possono essere trasportati su un mezzo a due ruote. C’è di più: oltre all’età, la piccola creatura deve avere le caratteristiche fisiche necessarie (deve arrivare con i piedi alle pedane) e soprattutto indossare attrezzatura […]

L'articolo I migliori caschi da bambino proviene da RED Live.

C’è un dato curioso che riguarda la popolazione italiana a due e quattro zampe. Sembra che negli ultimi cinque anni, il numero di bipedi che si accompagna a un quadrupede sia cresciuta del 15%… Se da un punto di vista socio-psicologico, questo dato fotografa una voglia di affetto (spesso anche la scelta di darne e […]

L'articolo Prova Nissan X-Trail Trainer: “Hulk approved” proviene da RED Live.