Google+

Connessi a un satellite meraviglioso che tutto può, eppure sempre più soli

maggio 28, 2017 Walter Veltroni

Il telefono ha riempito la nostra vita di comunicazioni inutili e superflue che alimentano un flusso massiccio e greve di coriandoli di relazioni o di notizie che sempre più facciamo fatica a organizzare

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Togliete il cellulare a un cittadino moderno e andrà in crisi respiratoria in breve tempo. Il telefono è diventato un arto, un prolungamento delle orecchie e degli occhi, una protesi del cervello, un surrogato della memoria. Il telefono è noi stessi, non possiamo vivere senza. È la prima volta, nella storia, che succede qualcosa di simile con una tecnologia. Nessuna, nemmeno l’automobile, ha assunto un ruolo così insostituibile nella dimensione quotidiana della vita umana.

Se passate la mattina davanti a una fermata dell’autobus vedrete solo occhi chini sugli schermi luminosi degli smartphone. Le persone camminano parlando, come un tempo si pensava facessero gli svitati. In auto nei casi migliori si vedono anziani signori che gesticolano nel vuoto di un bluetooth e nel peggiore altri che tengono il cellulare al posto del cambio o del volante. Si dice che ormai sia altissimo il numero degli incidenti stradali causati da guidatori che invece di guardare la strada osservavano ansiosi il testo dell’ultimo sms. Si cita sempre, non senza ipocrita nostalgia, il tempo delle pile dei gettoni con i quali, non meno ansiosi, si telefonava a casa per sapere le novità del giorno. Ma le tecnologie non dovrebbero servire a ridarci tempo, a toglierci ansia, a farci vivere meglio?

Il telefono ha riempito la nostra vita di comunicazioni inutili e superflue che alimentano un flusso massiccio e greve di coriandoli di relazioni o di notizie che sempre più facciamo fatica a organizzare e definire in un quadro coerente e riconoscibile. Importante e inutile, gatti che sanno far di conto e attacchi terroristici fluiscono allo stesso modo, come un torrente che porti rose e vecchi armadi rotti. In fondo il tema del nostro tempo è la capacità di distinguere, di analizzare, di pesare. Sentiamo di essere tutti collegati a tutto. Ma sappiamo che è una pia illusione. Sotto al satellite meraviglioso che tutto può c’è, in verità, una grande, diffusa solitudine.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download