Google+

Catalogna. Così l’idolatria identitaria rischia di trasformarsi in una via crucis per tutta la Spagna

settembre 29, 2015 Rodolfo Casadei

Senza concessioni di Madrid, la roadmap di 18 mesi annunciata da Artur Más per realizzare l’indipendenza può finire in un dramma. Non solo per la regione

spagna-catalogna-indipendenza-ansa-ap

Anticipiamo un articolo tratto dal prossimo numero di Tempi, che sarà nelle edicole a partire da giovedì 1 ottobre (vai alla pagina degli abbonamenti

Una vittoria che assomiglia tantissimo a una sconfitta. Si può sintetizzare così il risultato delle elezioni regionali di Catalogna che il governatore uscente Artur Más ha trasformato in un referendum per l’indipendenza della regione.

Il voto ha consegnato la maggioranza dei seggi agli indipendentisti, ma non la maggioranza assoluta dei voti espressi (il 53 per cento degli elettori ha votato per partiti ostili alla secessione), né la possibilità di dare vita a una maggioranza di governo coerente. La lista Junts pel Sí, che riuniva indipendentisti di centro e di sinistra, ha conquistato 62 seggi sui 135 disponibili, e per dare vita a una maggioranza di governo pro-secessione dovrebbe imbarcare l’estrema sinistra del Cup (Candidatura d’Unitat Popular). La condizione che quest’ultima pone per entrare nel governo regionale è che a presiederlo non sia più Más, bensì l’ex europarlamentare verde Raül Romeva, capolista di Junts pel Sí.

Ma questo è ancora niente rispetto alla difficoltà di negoziare un programma di governo col Cup, partito dei centri sociali e delle case occupate, euroscettico e fautore di una trasformazione socialista dell’economia. Senza concessioni da parte di Madrid, la roadmap di 18 mesi a partire dalle elezioni regionali ventilata da Más per portare la Catalogna all’indipendenza rischia di trasformarsi in una via crucisIl debito catalano resterebbe senza garanzie e l’automatica uscita dalla Unione Europea e dall’euro successivamente all’indipendenza costringerebbe Barcellona a creare una sua valuta in condizioni drammatiche.

L’esigenza identitaria è profonda, si dice, e la maggioranza dei catalani è pronta a soffrire problemi materiali per una conquista politica che per loro ha contenuti spirituali. Questo però rischia di innescare una reazione uguale e contraria in casa spagnola: anche gli spagnoli che credono nell’unità hanno un forte senso dell’identità, e sono disposti a soffrire e a far soffrire i catalani per dare soddisfazione a questo loro bisogno intimo.

In tempi di secolarizzazione, l’idolatria identitaria prende il posto della religione e impone sacrifici per la salvezza. Che però non arriva.

Foto Ansa/Ap


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

5 Commenti

  1. Alessandro says:

    Non capisco tutta questa invettiva contro gli indipendentismi in Europa. Tutto ciò che oggi possa mettere in discussione il rregime significativo europeo andrebbe incoraggiato per abbattere il lievitano che ci hanno costruito. Come furono fatti referendum tra l’ altro falsi per unificare l’ Italia non vedo perché non possano essere fatti oggi forse più democratici per il fenomeno inverso…ovvio non bisogna generalizzare…ma da entrambi le parti….potremmo un giorno noi cattolici in Europa combattere per ottenere una terra ancora nostra ed utilizzare stessi metodi…facciamo attenzione!

  2. recarlos79 says:

    indipendenza con piena responsabilità: si prendessero pure la loro parte di debito pubblico e di pensioni da pagare.

  3. Cisco says:

    Sono d’accordo con Casadei, perché la Spagna non è una dittatura e la Catalogna già gode di ampia autonomia; peraltro i secessionisti, a parte l’estrema sinistra, poi vorrebbero restare in Europa, il che è abbastanza schizofrenico. Peraltro la probabilità che i catalani formino un proprio stato e’ vicina allo zero, sia per motivi politici che per motivi giuridici. E’ solo materia per riempire le pagine dei giornali.

  4. Artur MAS si è dichiarato oggi “democraticamente ribelle” davanti allo Stato che lo trascina in Tribunale per aver convocato una consultazione popolare.
    E noi, da democratici e soprattutto Cattolici, siamo con lui.

  5. beppe says:

    la spagna soffre talmente , che ogni anno si prende una trentina di miliardi di residuo fiscale dalla catalogna. e pensate cosa dovrebbe fare la lombardia che di miliardi ne lascia per strada quasi il doppio. non vorrete mica far piangere roma?

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi