Google+

Un santo mi ha insegnato che il lavoro è molto più di una professione

ottobre 21, 2015 Pippo Corigliano

san-josemaria-escriva-canonizzazione-ansa

Pubblichiamo la rubrica di Pippo Corigliano contenuta nel numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

La professionalità è di moda. Se dico a una persona “lei ha professionalità” la rendo felice. Ma quali sono le motivazioni per lavorare con impegno? Spesso lo stimolo è il guadagno, l’autosoddisfazione, la considerazione sociale, mantenere la famiglia oppure semplicemente il senso del dovere.

Ho incontrato una persona che mi ha insegnato a lavorare per amore: è san Josemaría Escrivá. E ho conosciuto un Papa che mi ha fatto capire che «l’uomo può partecipare all’operare di Dio nella creazione del mondo» (Benedetto XVI, Parigi 12 settembre 2008).

Nel lavoro si riflette il mio atteggiamento nei confronti di Dio. Nell’Antico Testamento è predominante l’invito a riconoscere la potestà dell’unico Dio. Nel Nuovo Testamento Dio è presentato come un Padre che ci richiede amore (per Dio e per il prossimo: parabola del buon samaritano) e l’atteggiamento umile (parabola del fariseo e del pubblicano).

Devo riscoprire come fondamentale l’atteggiamento di umiltà e di amore mentre talvolta il cristianesimo mi è stato presentato erroneamente come una morale rigida, un sistema dottrinale o un’ideologia. Umiltà e amore mi devono accompagnare anche al momento di lavorare e ciò comporta l’accoglienza verso chiunque, lo sforzo di far bene e riconoscere serenamente i miei limiti. Detto meglio: santificare il lavoro, santificarsi nel lavoro e santificare gli altri col lavoro.

Ogni sentiero porta a una destinazione. Il sentiero dei figli di Dio porta in Paradiso, perciò si può e anzi si deve lavorare con allegria.

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. SUSANNA ROLLI scrive:

    O caro Pippo, non è facile sempre lavorare con allegria!!
    Però mettercela tutta sì, perchè al Padreterno non interessano i buoni risultati, ma i buoni proporiti.
    “Padre, in negozio non ne potevo più!, il tale sbraitava, la tale non aveva dormito bene e secondo lei il pane non era ben cotto, la tipetta con la puzza al naso, il prosciutto troppo fresco, la mortadella tagliata troppo grossa non va bene perchè perde in sapore, poi alla fine mi arriva quello che invece di un chilo di pane mi chiede un chilometro di pane ed io non ce l’ho fatta più, e li homandati a fare un giretto a quel paese, dove dicono si stia molto bene!!”
    “Figlia carissima, grazie che me lo hai detto, la prossima volta andrà meglio!”.
    Così ci vuole Dio, schietti e confidenti. Poi la gioia ce la darà Lui…
    Grazie, Pippo, sì, per me tutto fa brodo per il Paradiso, pure il lavoro quotidiano, anzi, soprattutto quello.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Arexons lancia un’applicazione per rispondere a dubbi e curiosità sui prodotti più indicati per la cura e la manutenzione dell’auto.

La monovolume coreana, disponibile anche a sette posti, beneficia di un restyling di metà carriera che porta in dote inedite dotazioni multimediali e di sicurezza. Grazie a un nuovo pack tecnico si riducono i consumi del 1.7 td da 115 cv.

Debutta a Parigi l’edizione limitata a 50 esemplari della serie speciale ispirata al marchio nautico italiano. Alla dotazione full optional e alle finiture ricercate si accompagnano motori a benzina 1.2 aspirato da 69 cv o 0.9 TwinAir turbo da 85 o 105 cv.

Grazie alla partnership con l'azienda di Asolo, l'airbag per motociclisti entra nella collezione BMW Motorrad. Ci sono proposte di vari colori, per uomo e donna.

Gli atleti dello scatto fisso saranno a Milano, il 1 ottobre, per giocarsi la vittoria finale del Red Hook, il criterium più ardito del mondo.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana