Google+

Strage in Connecticut. Non è (solo) un problema di armi

dicembre 17, 2012

Quello che è successo in Connecticut, ci lascia senza fiato. E non potrebbe essere diverso. Quello che è successo in Connecticut rimette in circolo tutte le grandi perplessità sulla nostra società, sul nostro modo di stare insieme, sul nostro mondo. È successo in America, ma per qualche giorno è come se fosse successo qui. Poi, invece, di fronte a quel dramma senza un senso che possiamo afferrare, che possiamo toccare, che possiamo imbavagliare per darci una spiegazione, quel dramma diventa la solita lotta politica. Quel dramma viene ridotto alla solita lotta intellettuale, alla solita lotta da avvocati, alla solita lotta di chi, da dentro una campana di vetro, osserva il mondo e lo giudica.

Quello che è successo in Connecticut ha rimesso in pista una battaglia importante: la battaglia per dire basta alle armi. Una battaglia giusta, che è anche una battaglia di civiltà, una battaglia culturale che va fatta e che non può attendere. Ma quella battaglia non è quel senso, quella sottile linea di gentilezza che chiediamo di fronte a quel dramma. La battaglia è una conseguenza, di questo caso. Senza le armi, avremmo evitato quella tragedia. Avremmo evitato quel dramma. E quindi quella battaglia va fatta.

Ma di fronte a quel dramma, non possiamo rispondere solo dicendo no alle armi. Se ci fermiamo a questo, lo facciamo solo per spezzare quel grido di senso, quella matta voglia di significato che uno ha di fronte alle cose che non capisce. Se ci fermiamo, dicendo soltanto il nostro no alle armi, beh, abbiamo fallito. Come hanno fallito tutti quelli che per spiegare, per darsi una ragione, hanno scritto che la strage è colpa dell’autismo. Come tutte le altre volte che siamo di fronte a fatti simili, vogliamo spiegare tutto con i disturbi della personalità, con i sintomi della pazzia. Non si può spiegare tutto con i limiti.

Per essere uomini, non dobbiamo soffocare quel grido di senso, quella voglia matta di significato che di fronte a quei drammi ci sorge come spontanea. E che non possiamo controllare. Di fronte a quel dramma è lecito chiedersi se quel senso di vuoto che sentiamo, quel sento senso di vuoto che vorremmo colmare non è anche lo stesso che sentiamo di fronte alla morte di un nostro caro, alla ferita della nostra impotenza, al morire della nostra giovinezza. Di fronte a quel dramma, si apre un interrogativo enorme, che chiede di avere risposta. Non facciamolo morire, per non morire anche noi con un’arma che non spara, ma fa male. Il nichilismo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. marco scrive:

    Articolo bellissimo, certamente la posizione più intelligente che ho visto finora.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un accessorio può fare la differenza? Snob Milano, giovane realtà della provincia di Varese, ne è convinta. E difatti rimpolpa il suo catalogo, già ricco di occhiali da sole e da vista, con le due nuove maschere da moto Café Bubble e Café Flat, ricercate nel design e nei contenuti tecnici.  I punti in comune  Amate […]

L'articolo Snob Milano Café Bubble e Café Flat proviene da RED Live.

Il Wörthersee Meeting, vale a dire il più grande raduno tuning dedicato alle vetture del Gruppo VW, è da sempre una ghiotta occasione per i dipendenti della Casa tedesca per mostrare al mondo delle concept che, spesso, anticipano i modelli destinati a entrare in produzione. Così è avvenuto per la Golf GTI Clubsport. E così […]

L'articolo VW Golf GTI First Decade: la prima volta dell’ibrido proviene da RED Live.

La SUV nipponica si rinnova puntando su di una linea aggressiva e un telaio dalla superiore rigidità torsionale. Confermata la gamma motori che ai benzina 2.0 e 2.5 vede affiancarsi un 2.2 td. Debutta il sistema G-Vectoring Control.

L'articolo Mazda CX-5: a me gli occhi proviene da RED Live.

Compatta, anzi compattissima, e a zero emissioni. La e.Go Life rappresenta ad oggi il progetto più concreto di city car elettrica “indipendente”, vale a dire nata fuori dalla sfera di controllo dei grandi costruttori. Una vettura che fa dell’economia il proprio fiore all’occhiello, dato che in Germania è già ordinabile con prezzi a partire da […]

L'articolo e.Go Life: indipendenza elettrica proviene da RED Live.

Era arrivato il momento… In effetti dalla presentazione del Diablo Scooter sono passati dodici anni: correva l’anno 2005 e ad oggi l’evoluzione dei mezzi è stata incredibile, soprattutto in termini di prestazioni. Per Pirelli si è trattato di un investimento importante che ha dato due frutti che coprono la quasi totalità di tipologie di scooter presenti […]

L'articolo Prova Pirelli Angel e Diablo Rosso scooter proviene da RED Live.

Strategie di Content Marketing - Video Academy di MailUp - banner iscrizione
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana