Google+

Storia di un affetto che ho potuto solo guardare in lacrime e affidare a Dio

marzo 17, 2017 Aldo Trento

padre-aldo-trento-paraguay-parrocchia-san-rafael-asuncion-messa

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

Una storia che resterà scolpita per sempre nella mia memoria. Erano le 7.30 di mattina di martedì 14 febbraio e nella nostra clinica Amada stava morendo. Di fianco a lei, la figlia di 14 anni le stava cantando una canzone che spesso sentiamo in chiesa: «Non so se è la terra che è salita o il cielo che è sceso…». Prima che fosse finita la canzone, la madre era già morta. Che peccato, che dramma, e che bellezza!

Amada, ancora giovane, aveva avuto una figlia da un uomo – uno delle centinaia che riempiono il Paraguay e che al posto del cervello hanno i genitali – che dopo un inutile tentativo di convincerla ad abortire, decise di abbandonarla. Amada si vide sola, buttata per strada, disperata. Che fare? Abortire? La sua decisione fu irreversibile: «Non commetterò mai un omicidio». Figlia di povera gente di campagna, aspettò nella sua capanna la nascita della figlia. Ma le difficoltà la obbligarono ad affidare la figlioletta Nadia alla madre di quel cinico uomo. Non aveva alternativa, quella signora avrebbe potuto garantirle un futuro. Grande fu il dolore quando dovette privarsi di sua figlia, ciò che di più caro ha una madre. Compiuto il gesto, prese il bus e, come molti connazionali, andò a lavorare a Buenos Aires, dove patì solitudine e sfruttamento.
Passarono gli anni e un giorno Nadia seppe che sua mamma era tornata in Paraguay. Un ritorno disperato, che portava con sé la delusione, il fallimento dei sogni. Amada era tornata distrutta, quasi irriconoscibile, e in compagnia dell’Aids. Arrivò nella clinica che era quasi incosciente. Il volto pallido, il corpo uno scheletro. Ma si vedeva ancora l’antica bellezza che l’Aids stava distruggendo.

Il cielo e la Chiesa
Quando l’ho vista avvolta nelle bianche lenzuola, a fianco la figlia Nadia, mi si è stretto un nodo alla gola. Nadia mi ha raccontato la sua storia, che conserverò per sempre nel cuore, una storia ingiusta, assurda, di violenza, senza senso, incomprensibile, se non esistesse Cristo. Non è possibile che una ragazza di 14 anni abbia vissuto tanto dolore. Il suo volto bellissimo, il suo sorriso, i suoi occhi esprimevano il contrasto terribile con il dolore che le triturava il cuore. «Padre ho sofferto molto, non ho avuto l’affetto di una madre… Mio padre mi ha rifiutata e continua a ignorarmi. Da quando mia mamma è tornata ho lasciato la scuola, senza ascoltare mia nonna che non era d’accordo. Sono rimasta notte e giorno con la mia mamma. Sono due mesi che vivo in questo sanatorio. Non voglio che mia mamma non abbia l’affetto che non ha potuto dare a me. Lei mi ha messo al mondo anche se mio “padre” non voleva, le sono grata per il dono della vita».

Tutti i giorni gli occhi mi lacrimavano guardando la madre nel letto, simile a una candela che si andava spegnendo, e la figlia al suo fianco. Una scena che nessuno può descrivere. Si poteva solo guardare e uscire piangendo da quella stanza, tormentati da molte domande. Quante volte mi sono venute alla mente le parole di san Gregorio Nazianzeno che don Giussani citava sempre: «Se non fossi tuo, mio Cristo, sarei una creatura finita»!

Ogni tanto Amada apriva gli occhi, guardava la figlia, mi guardava… e piangeva. Con gli occhi, suo unico mezzo di comunicazione, trasmetteva alla figlia il suo amore di madre, pieno di gratitudine. Infine è arrivata la sua ora, l’ora in cui si manifesta la gloria di Dio. Nadia le stava cantando una bella canzone che parla del cielo che scende e della Chiesa che sale. Ossia del Mistero dell’incarnazione, morte e resurrezione di Cristo. Non è riuscita a terminare la canzone perché gli occhi della madre si sono chiusi. È morta. Ora Nadia è sola al mondo. Figlia indesiderata dal cinico padre, desiderata dall’umile madre, ora non ha più nessuno che le dia quel che solo una madre può dare. Povera figliola mia!

Figlia dei Tuoi occhi
Ho celebrato il funerale e Nadia con un’amica ha voluto cantare ancora quella canzone. Una scena lacerante. Il mio sguardo passava dalla madre stesa nella bara (finalmente tornata ad avere i suoi tratti originari, perché la morte restituisce la bellezza che il dolore distrugge) alla figlia che le accarezzava il volto. Ho offerto per entrambe la Santa Messa, ma in particolare per Nadia. «Signore, ora è sola al mondo, per favore ricordati che Tu l’hai disegnata sul palmo delle Tue mani, ricordati che è la figlia dei Tuoi occhi. Ti prego che senta la bellezza del Tuo amore nella pazienza del tempo e che il suo sorriso non si spenga mai». Momenti drammatici quando la preghiera diventa autentica, perché diventa grido, supplica, abbandono. Abbandono all’Unico che dalla croce di questo Venerdì Santo può capire e rispondere completamente al dolore di Nadia. Davvero, se non fossi Tuo, mio Cristo, sarei una creatura finita!
paldo.trento@gmail.com

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Audi accelera sulla strada dell’elettrificazione della gamma. Dopo la presentazione della nuova A8, proposta al lancio nelle configurazioni V6 3.0 TFSI e TDI “mild hybrid”, vale a dire con impianto elettrico a 48 volt, ora anche le famiglie A4 e A5 beneficiano d’inedite motorizzazioni mHEV che portano in dote tutti i vantaggi fiscali e di […]

L'articolo Audi A4 e A5, è tempo di micro ibrido proviene da RED Live.

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download