Google+

Murano mette in mostra le opere in pasta di vetro di Amalric Walter

gennaio 29, 2013 Mariapia Bruno

Tra Otto e Novecento l’ingegnoso Amalric Walter (Sèvres, 1870 – Lury-sur-Arnon, 1959) scopre, insieme all’amico professore Gabriel Lévy e dopo innumerevoli prove, esperimenti e studi basati sulle pubblicazioni di predecessori come Henry Cros e Albert Dammouse, il misterioso “legante” per lavorare la “pasta di vetro”, una tecnica che già egizi, fenici, greci e romani padroneggiavano nei secoli da loro vissuti e il cui segreto era custodito come un tesoro soltanto dai più esperti maestri. Il risultato è indubbiamente delizioso, il colore sfumato si perde nello spessore dell’impasto vitreo come se provenisse dall’interno dell’oggetto stesso, che lo sprigiona con tutta la sua forza.

Sono molte le opere prodotte con questa tecnica e il Museo del Vetro di Murano ne raccoglie quattrocento, organizzandole cronologicamente all’interno della mostra intitolata Amalric Walter. La riscoperta della pasta di vetro, che aprirà i battenti dal prossimo 2 febbraio al 12 maggio 2013. Alle numerose testimonianze creative si affiancano documenti cartacei, foto originali, pezzi unici e oggetti con simbologia religiosa che completano il racconto personale dell’artista francese.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La berlina sportiva del Tridente può ora contare su dotazioni multimediali e di sicurezza allineate alle rivali tedesche. Il V6 3.0 biturbo della versione d’ingresso a benzina eroga 350 cv anziché i precedenti 330 cv. Debuttano i pacchetti Luxury e Sport.

Il contest musicale King Of The Flow accompagna al debutto la crossover compatta giapponese. Tra chi voterà uno degli artisti protagonisti c'è in palio proprio una Toyota C-HR

L'Honda X-ADV potrebbe diventare capostipite di un nuovo genere: quello degli scooter medi con vocazione da giramondo. Nelle piccole cilindrate, però, il matrimonio tra scudo e tassello funziona già da molto tempo, come insegna il Booster

La piccola di Russelsheim debutta al Salone di Parigi in una nuova versione che strizza l'occhio al mondo dei Suv. Ha un assetto rialzato di 18 mm e un look fuoristradistico

Le auto dettano tendenze di stile nella società ma chi le disegna si è trovato spesso in difficoltà quando è stato chiamato a vestire una moto. Anche Pininfarina e Giugiaro hanno fatto fiasco

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana