Google+

L’Anti Form alla Brand New Gallery di Milano

gennaio 11, 2013 Mariapia Bruno

«L’indeterminatezza della disposizione delle parti connota l’esistenza fisica dell’oggetto». È questo il concetto da cui muove la mostra Beyond the Object, un group show che mette in relazione alcune opere di artisti diversi per origine e generazione, uniti dal desiderio di esplorare la produzione dell’oggetto, la sua forma, il modo in cui questo viene costruito e investito di un proprio linguaggio. È un concetto che sposa l’idea dell’Anti Form, sigla coniata da Robert Morris alla fine degli anni 60 che sottendeva una sfida radicale all’idea tradizionale di produzione artistica.

Secondo l’Anti Form infatti, sono i materiali gli elementi principali per la costruzione dell’opera d’arte e non l’idea ben chiara di quello che si vuole raggiungere. In questo modo, all’interno della creazione viene meno il bisogno di programmare prima l’impostazione del lavoro e il risultato che ne deriva non può essere determinato a prescindere. I protagonisti della mostra che aprirà le sue porte il 15 gennaio fino al 9 marzo 2013 alla Brand New Gallery di Milano sono accomunati, allora, dallo stesso linguaggio post minimalista, che in alcuni casi diviene pittorico, in altri sfocia nell’istallazione e nell’assemblaggio di materiali d’uso quotidiano, ma che in fondo si concretizza come un dialogo fisico che permette una conoscenza empirica dell’oggetto.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana