Google+

La speranza di vedere la cristianità unita da Lisbona a Vladivostok

febbraio 15, 2016 Pippo Corigliano

papa-francesco-kirill-ansa-apPubblichiamo l’articolo contenuto nel numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

L’incontro fra papa Francesco e il patriarca Kirill fa sperare non solo nella saldatura di una frattura storica tra Oriente e Occidente ma anche nella creazione di un nuovo scenario storico, culturale e religioso. Una cristianità unita da Lisbona a Vladivostok è una prospettiva che apre alla speranza di una nuova entità che si sottragga all’egemonia del capitalismo cupo di marca calvinista che affonda le sue radici nell’empirismo inglese di Hobbes, quello dell’homo homini lupus: una concezione della persona e dei rapporti umani lontana da quella solidaristica cristiana che proprio in questi anni sta mostrando il suo volto più feroce, triste e avido.

La linea politica di Putin incoraggia questa speranza. Il leader russo, molto amato in patria, non condivide l’individualismo disgregatore di marca angloamericana, non permette che i bambini orfani russi siano adottati dalle coppie omosessuali occidentali e ha addirittura regalato a papa Francesco un’icona della Madonna, baciandola lui per primo.

Un gesto che appare epocale a chi ricorda la profezia di Fatima e la paura di chi paventava i cosacchi russi che avrebbero abbeverato i loro cavalli nelle fontane di San Pietro, inviati da “Baffone”, il terribile Stalin. Ora la minaccia viene da un Occidente che dal ’68 in poi diffonde la droga, il libero amore, la mortificazione del matrimonio, la permissività dell’aborto, gli esperimenti sugli embrioni umani, l’eutanasia e compagnia cantando. La Provvidenza provvede: preghiamo e speriamo.

Foto Ansa/Ap


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

7 Commenti

  1. Giovanni Maspes scrive:

    Il leader russo, molto amato in patria, non permette che migliaia di bambini malati negli orfanotrofi vengano adottati all’estero da qualsiasi tipo di coppia possa farsi carico di cure altrimenti impossibile ad una normale coppia russa, parandosi le terga con un peloso amore a valori cristiani totalmente assente al di fuori della propaganda ideologica di totalitaritica memoria (e lo scrive chi in Russia ci vive)

    • Filippo81 scrive:

      Non mi risulta,Giovanni Maspes,io comunque la penso come Pippo Corigliano,Viva la Russia di Putin !

      • Giovanni Maspes scrive:

        Non ti risulta, ma e` cosi`. La seconda parte del mio post e` un mio giudizio da credente che vive SUL POSTO sulla dialettica del rapporto tra potere e chiesta patriarcale; ammetto che si possa non condividere. La prima parte, purtroppo sono fatti. La legge sulle adozioni internazionali e` stata cambiata dopo le sanzioni, prendendo a pretesto valori morali fin li` ignorati (e qui si spiega il pretesto), e bloccando negli orfanotrofo decine di bambini che avevano gia` conosciuto la loro famiglia adottiva. Il mio accenno a “migliaia di bambini” e` una proiezione in considerazione che questa legge non venga cambuata a breve termine. Grazie dell’osservazione, Viva la Russia di Sacharov

    • Menelik scrive:

      Il presidente Putin è stato eletto ben due volte e con ampia maggioranza entrambe.
      Non come chi ci governa, che spesso arriva al potere per meccanismi burocratici ovvero rimpasti di governo senza passare attraverso il voto.
      E appena insediatosi al potere presenta un’agenda e a metà legislatura si mette a fare leggi che non erano comparivano nell’agenda.
      (Riferimento a Renzi e alle leggi Scalfarotto-Cirinnà-Fedeli).
      I nostri politici stanno al potere facendo il giochino delle tre carte, caro mio.
      Putin è andato al potere DUE VOLTE CON SUFFRAGIO POPOLARE VINTO CON AMPIA MAGGIORANZA.
      Dunque è leader legittimo della Nazione che l’ha votato liberamente.

      • Giovanni Maspes scrive:

        Nessuno nega che sia un leader legittimo. Penso che sia lei che io potremmo fare un lungo elenco di leader legittimamente eletti che avremmo preferito avessero perso le elezioni (non ultimo il buon Obama con la sua agenda sponsorizzata da lobby massone e lgbt). Comunque, se non sbaglio, anche da voi al governo c’e` il segretario del partito che, a partire dal vostro sistema elettorale, ha vinto le elezioni… Non mi risulta, poi, dalla lettura dei giornali, che la legge Cirinna` sia un Decreto Governativo.

        • recarlos79 scrive:

          giovanni ma il parere dei siriani se vogliono assad o l’isis conta qualcosa? io non vivo in siria e mi affido alle informazioni riportate da chi ci è stato. ho seguito i reportages di jean micalessin in quelle zone, le sue interviste alla popolazione che scappa e che è rimasta (fatti circa un anno fa). lo so che suona male ma occorre essere realisti e scegliere il male minore. non è stata una sollevazione di popolo a ribellarsi al regime ma infiltrazioni di combattenti stranieri e da stranieri finanziata. prima di tutto ciò stavano meglio.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

“Più potenza, meno pressione” è il claim con cui i progettisti Northwave raccontano le nuove Ghost XC, scarpe dedicate all’off-road. Riprendono le principali innovazioni lanciate lo scorso anno con le sorelle stradali Extreme RR (leggi la nostra prova), caratterizzate dalla tecnologia XFrame® studiata per eliminare il problema dei punti di pressione sulla tomaia. CALZATA ADERENTE […]

L'articolo Northwave Ghost XC, il futuro off-road proviene da RED Live.

Gli strani casi della vita. La Lotus meno apprezzata dell’epoca moderna è anche la sportiva di Hethel più potente mai realizzata. La Evora, coupé 2+2 caratterizzata dalla scocca in alluminio e dalla collocazione centrale del motore, in vista del Salone di Francoforte beneficia dello step più spinto di sempre del V6 3.5 Supercharged: ben 436 […]

L'articolo Lotus Evora GT430: prima in tutto proviene da RED Live.

A ricreare l’atmosfera della Ville Lumière c’erano la voce inconfondibile di Edith Piaf, i vol-au-vent e il bistrot al 10 di Corso Como. Ma soprattutto lei, La Parisienne. Una versione esclusiva di Twingo che riprende, nella particolarità dei motivi scozzesi sulle fiancate, uno dei successi di Renault degli anni ’60, la R4 Parisienne. Ispirazione vintage […]

L'articolo Renault Twingo La Parisienne proviene da RED Live.

Giunge alla terza generazione una delle compatte sportive più apprezzate dai puristi della guida oltre che una delle “piccole pesti” più pepate in circolazione. La Suzuki Swift Sport, sinora proposta esclusivamente con un propulsore 1.6 16V aspirato da 125 o 136 cv, si appresta a cambiare cuore, optando per un’unità sovralimentata di derivazione Vitara S. […]

L'articolo Suzuki Swift Sport: piuma col turbo proviene da RED Live.

Prodotto da Peugeot e allestito dal celebre preparatore francese il Partner Dangel porta all’estremo il concetto di auto tuttofare. L’abbiamo messa alla prova nel cimento più duro la vacanza con famiglia.

L'articolo Prova Peugeot Partner Tepee Dangel, l’Ultra Utility Vehicle proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana