Google+

La signora Lü «trascinata ad abortire» al settimo mese dagli ufficiali cinesi. «Il bambino è “fuori quota”»

marzo 26, 2013 Leone Grotti

La signora Lü, 33 anni, è stata costretta ad abortire dagli ufficiali comunisti cinesi della città di Chuzhou, nella provincia di Anhui, al settimo mese. L’aborto forzato è avvenuto lo scorso 22 marzo e a darne la notizia è stato il marito, che ha anche diffuso la foto del piccolo abortito. La donna è stata obbligata a interrompere la gravidanza perché il figlio era “fuori quota”. Per questo gli ufficiali dell’Ufficio per la pianificazione familiare hanno preso la donna, l’hanno trascinata in ospedale e qui, sotto l’autorità del signor Cui, che lavora alla pianificazione familiare, ha subito un’iniezione letale per il piccolo.

LEGGE SUL FIGLIO UNICO. In Cina, a causa della legge sul figlio unico le famiglie non possono avere più di un bambino. In casi particolari (quando il primo bambino è malformato o quando si tratta di famiglie rurali e il primo bambino è femmina o se entrambi i coniugi sono figli unici) è permesso avere due figli. In caso di trasgressione, le donne sono costrette ad abortire, vengono sterilizzate e la famiglia obbligata a pagare una multa pari anche a 40 volte lo stipendio annuale di un lavoratore comune. In nessun caso, però, è concesso avere un figlio “fuori quota”, cioè che fa sforare al villaggio, al comune o alla provincia la quota di figli autorizzati a nascere in un determinato periodo. La quota è stabilita dall’Ufficio per la pianificazione familiare. Il governo comunista cinese si vanta di avere impedito la nascita di 400 milioni di bambini dal 1979, anno in cui la legge sul figlio unico è stata approvata.

FENG JIANMEI. Dopo il caso che ha fatto il giro del mondo di Feng Jianmei, obbligata ad abortire al settimo mese, il governo aveva vietato gli aborti forzati e all’ultima riunione dell’Assemblea nazionale del popolo è stato formata la nuova Commissione della salute nazionale e della pianificazione familiare. Nonostante le condanne, che nel caso di Feng sono piovute addosso alla Cina da tutto il mondo, il caso di Lü dimostra che niente è cambiato, nonostante alcuni osservatori avessero prematuramente dichiarato, l’anno scorso e quest’anno, che la politica del figlio unico ormai era finita.

PARLA IL MARITO. Il caso è stato originariamente riportato dal sito ufficiale della città di Chuzhou, che dopo poche ore dalla pubblicazione ha cancellato l’articolo dal sito. La notizia è stata ripresa da ChinaAid, che è riuscita a raggiungere telefonicamente il marito di Lü. Mark Shan, portavoce di ChinaAid, ha dichiarato a tempi.it: «Non sappiamo se la coppia avesse già un figlio o meno. Il marito ci ha detto che il loro bambino era “fuori quota” e per questo hanno costretto la moglie ad abortire. Ora la donna sta bene e il marito è andato a parlare con il governo perché l’azione venga condannata e la sua famiglia risarcita. Ancora non è dovuto ricorrere a un avvocato, anche perché gli aborti forzati sono proibiti dalla legge cinese, ma visto che nessuno rispetta la legge non è da escludere che debba condurre una battaglia legale».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

2 Commenti

  1. giuliano scrive:

    la ferocia criminale del comunismo non ha piu’ limiti. E pensare che in Italia un 30 % di persone sbava per questa ideologia

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Audi accelera sulla strada dell’elettrificazione della gamma. Dopo la presentazione della nuova A8, proposta al lancio nelle configurazioni V6 3.0 TFSI e TDI “mild hybrid”, vale a dire con impianto elettrico a 48 volt, ora anche le famiglie A4 e A5 beneficiano d’inedite motorizzazioni mHEV che portano in dote tutti i vantaggi fiscali e di […]

L'articolo Audi A4 e A5, è tempo di micro ibrido proviene da RED Live.

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download