Google+

La Bella e la Bestia: meglio il cartone

marzo 17, 2017 Amedeo Badini

Mimesi: questa è la parola chiave per la Bella e la Bestia, ennesima versione live action di un cartone la-bella-e-la-bestia-poster-italianoDisney, cominciata con Alice in Wonderland e proseguita fino al Libro della Giungla, i primi tasselli di una catena che si annuncia terribilmente lunga, con almeno altri dieci film pronti per uscire nei prossimi anni. Il remake del classico animato del 1991, primo cartone ad essere mai nominato agli Oscar come miglior film, si rivela un piatto copia e incolla dell’opera originale, con poche ed ininfluenti modifiche. La storia immortale di Belle e della Bestia, prigioniera di un castello incantato ricolmo di magici oggetti, viene riproposta uguale con un lavoro quasi certosino, inquadratura per inquadratura, in uno sconvolgente abisso di monotonia e di mancanza di fantasia. Inevitabilmente, il confronto è impari e vede questo film precipitare in un vuoto cosmico di idee. Le novita sono abbastanza maldestre e poco utilizzate. Il LeTont gay, che tanto ha fatto scalpore in Russia, e poco più che una macchietta e risulta abbastanza fastidioso, niente affatto nel suo orientamento sessuale politicamente corretto, ma nel suo renderlo un personaggio positivo e pieno di tormenti ad ogni costo, senza peraltro mostrare alcun rilevante segno di redenzione.

Il film trae comunque respiro dalle canzoni, vera punta di diamante del cartone, e d’altronde Alan Menken, autore della colonna sonora insieme al compianto Howard Ashman, aggiunge nuove canzoni e pesca dalla versione musical di Broadway. Anche qui, comunque, la messa in scena, oltre ad essere debitrice dell’originale, non raggiunge particolari emozioni e il pezzo più celebre, Stia con Noi, è una svogliata danza. D’altronde, uno degli aspetti iconici del cartone era la presenza di Lumiére, Tockins, Mrs. Bric, gli oggetti animati cui lo stile Disney dava quell’indimenticabile soffio vitale. La cgi del film, per quanto ben realizzata, non raggiunge la squisita caratterizzazione originale, restando appesa ad un realismo ecessivo, anche se le tristi scene finali alla fine dell’incantesimo risultano toccanti. La Bestia semplicemente non funziona, ma più disturbante purtroppo risulta essere la Belle di Emma Watson. La bella attrice ha una perenne smorfia di disgusto e di fastidio, come se volesse essere da tutt’altra parte: le movenze dell’originale animata da James Baxter e da Mark Henn avevano maggior sostanza. Solo il Gaston di Luke Evans risulta gustoso, gigionesco e cattivo quanto l’originale.

In definitiva, spiace dire che la limpida sintesi dell’originale in  84 minuti si trasforma in un peso da 129′, senza aggiungere nulla di particolare. Non sappiamo come procederà in termini qualitativi la futura ondata di remake live action, ma finora non ci sono stati esempi positivi. Con questa versione la Disney ha purtroppo toccato il fondo, mancando di qualsiasi inventiva. Il film molto probabilmente andrà bene al botteghino, aiutato dall’effetto nostalgia di un film amatissimo. Ma noi sinceramente consigliamo di recuperare l’originale, e di scavare nella memoria per trovare le canzoni della nostra infanzia, o per accompagnare un bambino che scopre l’opera per la prima volta: è una storia sai…

La Bella e la Bestia, 2017, di Bill Condon, con Emma Watson, Luke Evans, Ewan McGregor, Ian McKellen, Kevin Kline, Emma Thompson, 129′, dal 16 marzo nei migliori cinema

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Audi accelera sulla strada dell’elettrificazione della gamma. Dopo la presentazione della nuova A8, proposta al lancio nelle configurazioni V6 3.0 TFSI e TDI “mild hybrid”, vale a dire con impianto elettrico a 48 volt, ora anche le famiglie A4 e A5 beneficiano d’inedite motorizzazioni mHEV che portano in dote tutti i vantaggi fiscali e di […]

L'articolo Audi A4 e A5, è tempo di micro ibrido proviene da RED Live.

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download