Google+

John Latham e Lee Ufan, due artisti a confronto a Milano

febbraio 1, 2012 Mariapia Bruno

Un’amante degli assemblage e dei book reliefs (dipinti che incorporano libri) accanto a un artista tradizionale a tutto tondo (pittore, scultore, poeta e pittore). Sono i due protagonisti della mostra John Latham/Lee Ufan, aperta al pubblico dal prossimo 10 febbraio fino al 16 marzo alla Lisson Gallery di Milano. Rivoluzionario in modo diverso, i due artisti testimoniano attraverso le loro opere un’indagine continua rivolta alla comprensione dell’universo e delle leggi che ne regolano ogni aspetto. John Latham (Livingstone, Zambia, 1921-2006) fu un artista attivo dagli anni 40, appassionato dei nuovi mezzi espressivi – è stato uno dei primi a usare la pittura spray – e delle performance, fu anche attratto dalla Teoria Quantistica. Padre della “Time-Base Theory” secondo cui ogni cosa dell’universo, dagli oggetti agli essere viventi, viene descritta a intervalli temporali da un sistema onnicomprensivo, il suo obiettivo era il superamento della tradizionale distinzione tra materia e coscienza, che cercava di raggiungere anche attraverso l’uso del vetro, materiale che per la sua naturale caratteristica di trasparenza era diventato simbolo di un’onnipresenza a-temporale. Le sue tele sono spesso presentate non incorniciate o parzialmente arrotolate in modo tale da non consentire la visione totale dell’immagine che contengono.


Lee Ufan (Haman-gun, Corea, 1936), uno dei maggiori esponenti del gruppo d’avanguardia Mono-ha, attivo in Giappone alla fine degli anni 60, è stato un artista intellettuale che rifiutava la nozione occidentale dell’Ego. All’Io solitario preferiva l’Io con l’altro, l'”arte dell’incontro“: per Ufan l’individuo si identificava soltanto in relazione con l’altro. Da questo concetto nascono, infatti, composizioni definite da una giustapposizione di materiali non lavorati come le pietre e le lastre di ferro di provenienza industriale felicemente accoppiate a formare delle sculture appartenenti alla serie Relatum. «Se pongo un forte accento sullo spazio, combinando una pietra naturale con una lastra di ferro neutra – diceva l’artista – l’aria intorno all’opera, piuttosto che l’opera stessa, acquista densità e il luogo dove questi oggetti sono posti si rivela chiaramente come un mondo aperto». Una descrizione dell’operato che è anche slogan a favore di quell’energia che solo lo spazio vuoto può colmare.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana