Google+

John Latham e Lee Ufan, due artisti a confronto a Milano

febbraio 1, 2012 Mariapia Bruno

Un’amante degli assemblage e dei book reliefs (dipinti che incorporano libri) accanto a un artista tradizionale a tutto tondo (pittore, scultore, poeta e pittore). Sono i due protagonisti della mostra John Latham/Lee Ufan, aperta al pubblico dal prossimo 10 febbraio fino al 16 marzo alla Lisson Gallery di Milano. Rivoluzionario in modo diverso, i due artisti testimoniano attraverso le loro opere un’indagine continua rivolta alla comprensione dell’universo e delle leggi che ne regolano ogni aspetto. John Latham (Livingstone, Zambia, 1921-2006) fu un artista attivo dagli anni 40, appassionato dei nuovi mezzi espressivi – è stato uno dei primi a usare la pittura spray – e delle performance, fu anche attratto dalla Teoria Quantistica. Padre della “Time-Base Theory” secondo cui ogni cosa dell’universo, dagli oggetti agli essere viventi, viene descritta a intervalli temporali da un sistema onnicomprensivo, il suo obiettivo era il superamento della tradizionale distinzione tra materia e coscienza, che cercava di raggiungere anche attraverso l’uso del vetro, materiale che per la sua naturale caratteristica di trasparenza era diventato simbolo di un’onnipresenza a-temporale. Le sue tele sono spesso presentate non incorniciate o parzialmente arrotolate in modo tale da non consentire la visione totale dell’immagine che contengono.


Lee Ufan (Haman-gun, Corea, 1936), uno dei maggiori esponenti del gruppo d’avanguardia Mono-ha, attivo in Giappone alla fine degli anni 60, è stato un artista intellettuale che rifiutava la nozione occidentale dell’Ego. All’Io solitario preferiva l’Io con l’altro, l'”arte dell’incontro“: per Ufan l’individuo si identificava soltanto in relazione con l’altro. Da questo concetto nascono, infatti, composizioni definite da una giustapposizione di materiali non lavorati come le pietre e le lastre di ferro di provenienza industriale felicemente accoppiate a formare delle sculture appartenenti alla serie Relatum. «Se pongo un forte accento sullo spazio, combinando una pietra naturale con una lastra di ferro neutra – diceva l’artista – l’aria intorno all’opera, piuttosto che l’opera stessa, acquista densità e il luogo dove questi oggetti sono posti si rivela chiaramente come un mondo aperto». Una descrizione dell’operato che è anche slogan a favore di quell’energia che solo lo spazio vuoto può colmare.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download