Google+

Il “nido” nell’arte al Refettorio delle Stelline di Milano

maggio 25, 2012 Mariapia Bruno

La famiglia del pastore (1929) di Mario Sironi, in cui un bambino tende le braccia alla madre sotto gli occhi rassicuranti del padre, i Bambini che studiano (1918) di Armando Spadini, una scena domestica che abbiamo visto tante volte sui libri di scuola, un piccolo presepe dipinto – Automne ou Nazareth (1948) di Georges Rouault -, la Sacra Famiglia con San Giovannino (1535) di Moretto. Sono queste e tante altre le opere protagoniste della mostra La vita condivisa. I gesti della famiglia nelle immagini dell’arte, aperta fino al 1 luglio alla Galleria Gruppo Credito Valtellinese – Refettorio delle Stelline di Milano; un percorso espositivo che, nato in occasione VII Incontro Mondiale delle Famiglie (in programma a Milano dal 30 maggio al 3 giugno), racconta l’idea di nido, di protezione e di accoglienza attraverso i lavori di artisti che nell’arco di otto secoli, dal Trecento a oggi, hanno affrontato il tema del vivere familiare.

Trasmettono un senso di quiete e familiarità queste pitture del quotidianoche, nelle quattro sezioni del percorso espositivo – La Famiglia, L’Accoglienza, La Relazione, Nel Quotidiano-, raccontano l’esigenza profonda dell’uomo di condivisione della vita. Ed ecco allora madri e figli, sorelle e fratelli, padri (San Giuseppe con Gesù bambino, scultura di bottega sardo-napoletana di fine XVI – inizio XVII secolo), coppie di anziani e ragazzi, colti in quei gesti naturali – dall’abbraccio, al cullare, al faccendare – delle nostre tradizioni. Un ruolo di primo piano, quasi inutile dirlo, lo assume l’immagine della Madonna, regina della (Sacra) Famiglia, simbolo ancestrale di maternità (Pietro Lorenzetti, Madonna con il Bambino, 1342), di accoglienza e tanto altro ancora.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Debutta a Parigi la nuova gamma elettrica della city car tedesca. Il motore a zero emissioni eroga 82 cv ed è disponibile sia per la biposto fortwo coupé/cabrio sia per la cinque porte forfour. Autonomia di 160 km e ricarica più rapida che in passato.

La berlina sportiva del Tridente può ora contare su dotazioni multimediali e di sicurezza allineate alle rivali tedesche. Il V6 3.0 biturbo della versione d’ingresso a benzina eroga 350 cv anziché i precedenti 330 cv. Debuttano i pacchetti Luxury e Sport.

Il contest musicale King Of The Flow accompagna al debutto la crossover compatta giapponese. Tra chi voterà uno degli artisti protagonisti c'è in palio proprio una Toyota C-HR

La Casa svedese torna a proporre una wagon di grandi dimensioni (4,96 metri). Al design ricercato e ai sistemi di sicurezza d’ultima generazione si affiancano moderni quadricilindrici sovralimentati a benzina e gasolio. La guida è un’esperienza sensoriale fatta di lusso e sostanza.

L'Honda X-ADV potrebbe diventare capostipite di un nuovo genere: quello degli scooter medi con vocazione da giramondo. Nelle piccole cilindrate, però, il matrimonio tra scudo e tassello funziona già da molto tempo, come insegna il Booster

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana