Google+

Gli specchi di Jason Gringler e le architetture di Martin Kobe a Milano

settembre 17, 2012 Mariapia Bruno

Una piattaforma di noia, dove la tavolozza limitata definisce forme moderne e banali, è la scelta creativa ed espositiva di Jason Gringler, artista canadese nato a Toronto nel 1978 protagonista di Black Mass, la prima personale italiana a lui dedicata. Si tratta di un’installazione monumentale site-specific da parete intitolata Untitled (Biography / Second Version), ideata appositamente per la Brand New Gallery di Milano, che ospita l’evento dal prossimo 26 settembre al 31 ottobre 2012, dove una griglia di specchi frammentati invitano l’osservatore a riflettersi al loro interno, a scomporre la propria sagoma tra i materiali industriali come il plexiglas, l’acrilico e la vernice spray che lo avvolgono. È un’estetica della violenza quella di Gringler, che rimanda ai concetti di distruzione, decostruzione, scomposizione e ricomposizione, dove i simboli iconografici delle croci, che prendono forma dalle giunture dei telai e dalle x incastonate, rimandano a un linguaggio primordiale e raccontano il desiderio dell’artista di sollecitare un approccio non tradizionale alle opere da lui create.

Di tutto altro stampo la retrospettiva dystown, che la galleria milanese dedica nello stesso periodo a Martin Kobe (Dresda 1973), artista tedesco ossessionato dall’architettura, nato nel periodo della Repubblica Democratica Tedesca e cresciuto durante la pianificazione socialista urbana. Le sue tele sono abitate da immagini visionarie, in bilico tra realtà e finzione, dove le forme architettoniche vengono idealizzate, sussurrate, suggerite per poi quasi svanire nell’ebrezza del colore, accarezzati da una luce netta che illumina le superfici, tra i molteplici punti di fuga che guidano il nostro sguardo da una parte e dall’altra della composizione.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La show car a batteria al debutto al Salone di Parigi può contare su di un motore da 170 cv e un’autonomia di 600 km. È una hatchback compatta disponibile a guida autonoma e anticipa 30 futuri modelli elettrici Volkswagen. Una rivoluzione.

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana