Google+

Perché Giovanni Paolo II non si stupì della caduta del Muro di Berlino

novembre 6, 2014 Redazione

Oggi sulla Radio Vaticana è stata pubblicata una bella intervista a Joaquin Navarro-Valls, ex direttore della Sala stampa della Santa Sede e fra gli uomini più vicini a san Giovanni Paolo II. L’occasione è stata fornita dall’avvicinarsi del venticinquesimo anniversario della caduta del Muro di Berlino.
Quando giunse la notizia in Vaticano, racconta Navarro-Valls, papa Wojtyla non si mostrò particolarmente sorpreso: «Curiosamente, era quasi come se lui se lo aspettasse. Entrava questa possibilità pienamente nel suo modo di pensare e per lui era quasi una non notizia».

ERRORE ANTROPOLOGICO. Il Papa credeva fermamente nella caduta del Muro di Berlino e nella fine dell’impero sovietico perché aveva capito che «il più grave errore, l’errore fondamentale del socialismo, del socialismo reale, era antropologico. Questa era una cosa che fu sorprendente anche a livello delle cancellerie europee e anche americane. Lui capiva benissimo che l’errore di base di questo socialismo reale era di natura antropologica e cioè una visione sbagliata dell’uomo: quell’uomo nuovo che il comunismo voleva ricreare, perché la società che loro immaginavano funzionasse, era un mito, un grande errore. Quindi lui se lo aspettava, aspettava questo cambiamento e per questo continuava a ripetere il suo messaggio, che fu perfettamente capito in tutto il centro-est europeo».

LIBERTA’ E VERITA’. La risposta più bella, Navarro-Valls la dà all’ultima domanda dell’intervistatore Alessandro Gisotti ricordando lo storico discorso del 1996 alla Porta di Brandeburgo. «Giovanni Paolo II, che adoperava spesso la parola “libertà”, la abbinava sempre al concetto di verità: se è possibile per l’essere umano essere libero e decidere è perché può conoscere la verità e quindi questa conoscenza della verità è quello che gli permette poi di decidere e alla fine di agire. Nel contesto del socialismo reale questo era completamente nuovo, perché era l’impero della menzogna organizzata. Era questo, era il rivendicare la verità delle cose. E questo va strettamente unito al concetto di libertà».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

2 Commenti

  1. Cavaliere di S. Michele scrive:

    Giovanni Paolo II MAGNO!

  2. mike scrive:

    grande giovanni paolo II. l’uomo non è fatto per essere schiavo e cioè col cervello chiuso, ma per essere libero e col cervello che funziona.
    oddio il comunismo è rinato in occidente, ha solo fatto un giro più largo. infatti le idee diffuse solo quelle di sinistra. da noi è stato più soft, ha puntato sulla carta stampata e sulla televisione, e alla fine anche sul vinile.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Svelata la concept che anticipa la nuova WRC del Double Chevron, attesa ai vertici del Campionato mondiale rally 2017. Esteticamente simile a una Gruppo B degli Anni ’80, può contare su di un 1.6 turbo benzina da 380 cv.

La concept spagnola ama l’off road. Al 2.0 TDI da 190 cv si accompagnano il cambio a doppia frizione DSG, le 4WD e un allestimento estetico degno di una 4x4 nuda e pura. Potrebbe derivarne una versione di serie.

Debutta la variante tutto terreno della wagon tedesca. Può affrontare facili sterrati grazie all’assetto regolabile, all’altezza da terra superiore allo standard e a protezioni specifiche. Motori turbodiesel di 2,0 e 3,0 litri da 195 e 258 cv.

Il lieve restyling della berlina/wagon nipponica porta in dote una superiore insonorizzazione dell’abitacolo e il sistema di gestione dell’erogazione G-Vectoring Control. Confermati i propulsori, arricchito il capitolo sicurezza.

Un'aerodinamica di nuova generazione caratterizza il telaio della nuova top di gamma del marchio veneto. Tecnologia Balanced Design, manubrio integrato e freni direct mount per un prezzo che parte da 4.600 euro

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana