Google+

Ecco un altro che usa il crocefisso per dare scandalo (roba da benpensanti, non da cristiani)

settembre 2, 2012

Ci risiamo. Ecco un altro signor Cretinetti che cerca di rubacchiare qualche spicciolo di fama e di euro a spese di Nostro Signore. Sto parlando del regista austriaco Seidl che nel film “Paradise Faith”, presentato al Festival di Venezia, piazza una scena in cui la protagonista si masturba con un crocefisso.

Immagino che questo genio della cinepresa voglia fare scandalo, ma si sbaglia di grosso. Dileggiare e oltraggiare i simboli della fede è ormai storia trita e ritrita; non c’è serie televisiva di quart’ordine in cui, prima o poi, non salti fuori un serial killer con ossessioni religiose che cita la Bibbia meglio del Papa.

Soprattutto un cristiano non si scandalizza. Lo scandalo è un sentimento da benpensanti, di chi trova inappropriato un comportamento rispetto a una situazione. Il cristiano prova dolore. E’ tutta un’altra cosa.

Il cristiano prova dolore come se a essere oltraggiato fosse suo padre o sua madre; più ancora, prova dolore poiché riconosce in quell’insulto la stessa radice del male che lui stesso ogni giorno compie, se non altro sotto forma di dimenticanza.

Aspetto con ansia il prossimo film del signor Ulrich Cretinetti Seidl. Magari userà il Corano per fare qualche maialata. Dite di no? Avete ragione, quelli mica provano dolore, quelli si scandalizzano di brutto.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

6 Commenti

  1. Enrico Ventura scrive:

    In questi casi dovrebbero essere gli uomini di cultura, laici atei o credenti, a dire il NON CI STO’.
    Perchè tacciono? Non si tratta di scandalizzarsi o fare pubblicità gratuita a chi insulta un credo, ma “solo” di demolire con la Ragione, la Storia, l’Onestà intellettuale queste manifestazioni di violenza pseudoartistica.
    C’è chi si indigna e si offende per molto meno. Se invece vince il silenzio e il “rispetto umano”, il prossimo che mi viene a parlare di Laici e di Concilio lo mando a cagare al volo.

  2. Mappo scrive:

    Chissà perché, ma sono sicuro che se anche non lo avessero ammazzato Theo Van Gogh non avrebbe mai ricevuto un invito a partecipare a Venezia come invece è successo a Herr Seidl.

    • Ghazi scrive:

      savino scrive:La sirgnoa Brachetto sulla pagina FB ( aperta da poco) parla dell’Ecopass che lei ha tolto ( ??? era stato riconfermato a Gennaio x tutto l’anno-) in quanto e8 stato raggiunto l’obiettivo ecc.ecc, cosa che invece Pisapia vuole mantenere facendo pagare a tutti 10 euro . ..omissis ..(Per tutti questi motivi e per l’attuale congiuntura economica intendiamo rendere gratuito Ecopass per i cittadini milanesi che non pagheranno pif9 l’ingresso nella Cerchia dei Bastioni . DALL’OPPOSIZIONE una tassa indiscriminata per tutte le categorie sino 10 EURO Il candidato Pisapia prosegue propone invece una tassa indiscriminata per tutte le categorie di veicoli privati e commerciali fino a 10 euro ) Incomincia a fare marcia indietro e ripercorrere i passi falsi, continuando sui toni aggressivi. Giuliano io toglierei subito l’Ecopass, unica citte0 in Italia ad istituire una fandonia del genere, inoltre mantenerlo e8 come ..acconsentire a quello che lei aveva fatto. Sposo l’idea di Alessio, come gie0 detto in altro post, di andare nei posti dove ci sono gli anziani , negli ospedali, battere le zone di passaggio. Ora non dobbiamo mollare 1 cm, un respiro, un battito di ciglia. Forza Giuliano forza ragazzi.

  3. tribute to Thomas More scrive:

    Martinelli: guardi che abbiamo capito che odia Antonio Socci ….non serve che ce lo ripeta di continuo.

    Di cristiani come lei che dalla bocca sputano solo veleno, invidia, disprezzo e odio sono pieni i bar…vada a confessarsi che è meglio…soprattutto in un momento come questo….

    Socci potrà anche pensarla diversamente da lei (e ne ha tutto il diritto) ma il suo ( Carlo Gaetano Maria) ha tutta l’aria di essere un attacco personale….si vergogni.

    lei mi fa paura …soprattutto in quella foto in cui sembra Hannibal Lecter

    • Charlie scrive:

      Lei invece mi fa orrore per le stupidità mega-galattiche che esprime.
      Non odio proprio nessuno e non ho sputato né veleno, né invidia, né disprezzo, né odio.
      Solo una personalità disturbata come la sua, caro coraggioso anonimo che abusa di un nome splendido, può vomitare questi deliri.

      Ma le dirò di più: ho letto libri di Socci e li ho apprezzati.

      Ciò che me lo ha squalificato enormemente è stato il suo incredibile giudizio positivo sullo spettacolo blasfemo di Castellucci, definito ” preghiera ” .

      E siccome ho avuto con lui un nutrito scambio di mails, le posso assicurare che l’accusa di fanatismo da lui formulata nei confronti delle autorevoli personalità ecclesiali e laiche che condannavano la ” pièce ” ,
      mi ha scioccato e ha ridotto al lumicino la mia stima nei suoi confronti.

      Riduzione corroborata anche dal suo modo spocchioso di rapportarsi, molto diverso da quello garbato usato ieri sera in televisione a ” L’ Infedele ” coi suoi interlocutori, non tutti proprio condividenti le sue opinioni.

      Ciononostante, essendo un lettore di ” Libero “, ho avuto occasione di leggere anche il suo ultimo articolo sul Cardinal Martini e l’ho abbastanza condiviso, pensi un po’.

      Meno su un punto, però: quando si proclama un ardente ” defensor fidei ” .
      Per me la patente se l’è giocata con quella sua esternazione disgraziata, proprio come fece Enrico VIII.

      Del resto, se lei avesse letto quanto sopra affermato dal cortese signor Casadei, avrebbe avuto modo di rendersi conto che perfino lo stesso giornalista di ” Tempi ” ha definito ” scoraggianti ” il comportamento di Socci e dei suoi sodali di quella circostanza.

      Mi dispiace di non essere Hannibal Lecter, caro anonimo demonizzatore degli avversari, e solo di somigliargli.
      L’avrei invitata volentieri questa sera da me per cena.

  4. Loretta scrive:

    Solo per pochi. BEATA IGNORANZA! Molto meglio sorvolare, il buon gusto e la dignità non sono più di moda……………!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

Sino a pochi anni fa parlare di auto a guida autonoma era credibile quanto prevedere lo sbarco degli alieni sulla Terra o aderire alla religione dei pastafariani che, per inciso, credono in un creatore sovrannaturale somigliante agli spaghetti con le polpette. Questo almeno sino a ieri, dato che oggi, con l’immissione sul mercato delle prime […]

L'articolo Guida autonoma: quanto ne sai? proviene da RED Live.

Ennesimo capitolo della Saga Monster, l’821 2018 si adegua all’Euro4 ed eredita le peculiarità stilistiche della sorella maggiore 1200. Più snello e slanciato torna all’essenzialità originale del primo Monster

L'articolo Ducati Monster 821 my 2018, come eravamo proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download