Google+

Dossier – Salvata dal degrado, Villa Argentina a Viareggio è pronta per un nuovo inizio

gennaio 15, 2015 Mariapia Bruno

Foto storicaE’ sempre una bella notizia la riapertura di una sede storica. In questo caso, a vedere una nuova luce dopo 30 anni di abbandono e degrado, è la Villa Argentina a Viareggio, splendido esempio di Liberty italiano. Il restauro è stato condotto dalla Provincia di Lucca, proprietaria dell’immobile, che ha reso la dimora un centro di documentazione e studi sul Liberty e sede di eventi culturali e mostre, come quella attualmente dedicata alla Grande Guerra. Ma passiamo alla storia della Villa. E’ il 1926 quando Francesca Racca Oytana presenta un progetto di ampliamento di una preesistente Villa, che viene citata per la prima volta in questa occasione col nome di “Villa Argentina”, in onore della terra di provenienza della proprietaria.  E’ di questo periodo l’intervento sulla facciata di Galileo Chini, celebre artista e maestro delle maioliche che inserirà una copertura in ceramica. Un successivo ampliamento avvenne nel 1939 quando la baronessa Arborio di Sant’Elia, figlia della Oytana, completerà la costruzione della torretta, progettata da Alessandro Lippi, rinunciando però ad abbellimenti in ceramica, anche a causa delle direttive del Fascismo, che imponeva di costruire seguendo i dettami del razionalismo.

Pannellatura ChiniAllo scoppio della Seconda Guerra Mondiale, Villa Argentina si presenta col suo aspetto attuale. Sopravvissuta alla guerra, viene utilizzata dai proprietari fino agli anni Cinquanta, quando diventa una pensione. Negli anni Ottanta, dopo la chiusura della struttura alberghiera, la Villa viene abbandonata. Fortunatamente l’ipotesi della sua trasformazione in appartamenti è stata scartata ed oggi possiamo ammirarne il valore visitandone gli eleganti interni: la grande sala da ballo del piano terra, con il soffitto e le pareti interamente decorate con stucchi dorati in mecca d’argento, il lucente pavimento in marmo nero del Belgio, il monumentale trittico dipinto su tela da Giuseppe Biasi (Sassari 1885 – Andorno Micca 1945) e incastonato fra gli stucchi nella parete di fondo del salone che raffigura un matrimonio persiano, il “Ritratto di famiglia”, due pannelli con suonatrici e altre tre tele raffiguranti paesaggi esotici. Il razionalismo fascista è visibile nella struttura della sala da pranzo, collegata alle cucine, in cui sono stati recuperati i lavabi originali, da corridoi segreti, che all’epoca rendevano la servitù invisibile agli ospiti. A chiudere il cerchio è il grazioso giardino di impronta esotica organizzato in aiuole fiorite con cespugli tipici dei giardini di inizio secolo. Al centro delle aiuole si ammirano ancora rare piante di origine sudamericana tra cui l’Erythrina crista-galli, detta anche albero dei coralli, il cui fiore è il simbolo dell’Argentina.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana