Google+

Act of Valor, dura la vita dei Navy Seals

aprile 11, 2012 Simone Fortunato

Una pellicola a metà tra il documentario di propaganda e l’action movie che racconta le rischiosissime missioni di alcuni giovani militari appartenenti al corpo scelto della Marina degli Stati Uniti.

Ibrido a metà tra il documentario di propaganda e l’intrattenimento di pura azione. La genesi del film è interessante e a suo modo unica. Due registi con un passato da stuntman, si prendono la briga di realizzare un documentario di reclutamento per i corpi speciali della Marina degli Stati Uniti. La cosa riesce talmente bene che decidono di farne un film. Il piglio di Act of Valor è proprio quello del documentario in soggettiva: scene dal vivo, grossi quantitativi di sangue e un uso massiccio della violenza. L’incipit in cui un terrorista provoca un’esplosione terrificante che causa la morte di alcuni bambini dice già tutto: poche parole – ma quelle poche che vengono pronunciate grondano retorica – e tanta azione che rimane di certo la parte migliore del film. La coppia di registi McCoy e Vaughn ha un’unica idea da portare avanti, quella del realismo immersivo in una guerra sporca dove i buoni rimangono solo da una parte. Così, si fa un largo uso della camera a mano e abbondano lunghe sequenze in soggettiva in situazioni che replicano spesso l’immaginario e persino la cadenza narrativa di alcuni videogame sparatutto in soggettiva come Call of Duty.

Tante ambientazioni diverse, da alcuni Paesi sudamericani alle Filippine fino 

alla Somalia come tanti sono i livelli di combattimento di un videogioco. L’operazione dal punto di vista del ritmo, frenetico e concitato, riesce: la soggettiva aggancia lo spettatore, nonostante la prevedibilità di molte situazioni, e le sequenze di combattimento, assai crude, restituiscono un grande realismo. D’altro canto, lo schematismo dei personaggi in campo (la sceneggiatura mediocre è di Kurt Johnstad, autore dello script di un altro film patriottico ma ben più riuscito, 300) e un tasso di retorica che diventa insopportabile sul finale rendono il film in alcuni momenti indigesto. La cosa più grave e controversa del film è però un’altra: ridurre a puro spettacolo e videogioco una guerra, come quella al terrore, complessa e problematica, è rischiosissimo perché veicola un messaggio falso che non è tanto il legittimo parteggiare per una parte piuttosto che per l’altra, ma il far apparire la guerra come un gioco adrenalinico in cui certamente hanno un ruolo importante gli eroi e il sangue ma anche dove, proprio come nei videogame a cui i registi si ispirano, si prova anche un po’ di piacere o almeno liberazione a sparare le pallottole e a far scoppiare le teste dei terroristi.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rialzata, “rinforzata” nel look ma con lo stesso grande comfort di ogni Classe E, la All Terrain entra di forza nel segmento delle Statio Wagon rialzate. Offre tanto spazio e un comfort sontuoso, ma la sua attitudine off road è reale

L'articolo Prova Mercedes E 220 CDi All Terrain proviene da RED Live.

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi