Elogio della femmina che tiene a bada il mondo

L’Istat fotografa il tramonto dell’era delle casalinghe e a noi sfugge il senso della perdita di un angolo dove la donna sa reinventarsi per non boldrinizzarsi, «reinventarsi per non mangiarsi il cuore»