Google+

«Se conta solo l’amore, perché non estendiamo il matrimonio anche alle sorelle e ai poligami?»

maggio 31, 2013 Leone Grotti

Ex arcivescovo di Canterbury: «Se l’unica cosa che conta è l’amore e l’impegno, allora non c’è niente di illogico nella poligamia»

Alla vigilia del voto sul matrimonio gay nel Regno Unito, previsto per lunedì prossimo alla Camera dei Lord dopo l’approvazione alla Camera dei Comuni, è tornato ad esprimersi sulla «pericolosa ridefinizione del matrimonio nella nostra società» Lord Carey, anglicano, ex arcivescovo di Canterbury, tra i principali oppositori della legge voluta dal premier David Cameron: «Questa nuova legge dovrebbe preoccuparci perché porterà a conseguenze oggi impreviste».

SE CONTA SOLO L’AMORE. «Una volta che diamo il benservito all’esclusività del rapporto tra un uomo e una donna, in grado di procreare, perché dovremmo fermarci?», si chiede Lord Carey. «Se l’unica cosa che conta è l’amore e l’impegno, allora è del tutto logico estendere il matrimonio a due sorelle che vogliano crescere un bambino insieme, allora non c’è niente di illogico nelle relazioni multiple, nella poligamia, nei rapporti tra due donne e un uomo (come già avvenuto in Olanda, ndr)».

«PRECEDENTE PERICOLOSO». L’ex arcivescovo di Canterbury ha anche criticato l’avvocato americano William Eskridge, che ritiene illogico fissare per legge il numero dei contraenti di un rapporto matrimoniale, e il ministro inglese Theresa May, la quale ha dichiarato che le persone che si prendono cura l’uno dell’altro e vogliono spendere la propria vita insieme devono avere il diritto di sposarsi. «Questa lettura del matrimonio è del tutto inadeguata», ha risposto Lord Carey. «Chi di noi è stato accusato di essere dalla parte sbagliata della storia non ha fatto altro che implorare il governo di prendere in considerazione le nostre preoccupazioni. Estendere il matrimonio alle persone dello stesso sesso non è solo poco saggio ma costituisce anche un precedente pericoloso».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

10 Commenti

  1. Q.B. scrive:

    Oppala. Anche gli anglicani sono omofobi? Attendiamo che i noti commentatori plurilaureati e onniscienti ci indichino, tra una blasfemia e un insulto, la corretta interpretazione di questa notizia.

    • albo scrive:

      L’omofobia come sessuofobia è diffusa presso tutte le religioni, soprattutto in quelle monoteistiche. Reprimere la sessualità altrui ( tra adulti consenzienti ) è sempre stata la chive di accesso e di dominio del clero (salvo poi che il clero, di nascosto, si faccia gli “affari” propri) sulle persone. La repressione della sessualità genera mostri (vedi i preti pedofili etero sessuali o omosessuali che siano). E’ la castità volontaria ad essere contro natura.

      • Gmtubini scrive:

        Bravo Albo, sette più!
        E ora puoi anche dar prova di coerenza con le bischerate che scrivi andando a (ri)prendertelo nel solito posto.

  2. Quercia scrive:

    Ma non è una gran notizia sinceramente, Finalmente se ne sono accorti…

    In olanda i rapporti poligami li hanno già “legalizzati”, in Brasile quasi, in Canada e Australia i rappresentati dei poligami si stanno muovendo con cause “ad hoc”. Per quanto riguarda l’incesto in Italia i radicali hanno proposto nel 2010 la depenalizzazione dell’incesto.

    Ormai la strada è questa. Poi cominceranno a spuntare nuovi slogan tipo: poligamofobo, incestuofobo, perchè vuoi impedire a 3 fratelli di adottare? ecc ecc

    Fanno ridere i cosidetti “progressisti” che si indignano quando gli si fanno notare queste cose ovvie. Anzi pensandoci bene danno un po’ fastidio. Perchè sanno benissimo qual è la direzione ma fanno gi gnorri.
    Come è successo nel parlamento francese quando dovevano discutere i matrimoni gay.
    Vi ricordate che mitragliata di critiche superficiali ha ricevuto Galli della Loggia per un editoriale sul Corriere in cui parlava proprio di questo argomento?

    O si considera il matrimonio l’unione vita natural durante fra 1 uomo e 1 donna oppure il matrimonio diventa qualsiasi accordo che si autodefinisce tale.
    E la società non sarà più fondata su delle famiglie eterosessuali, monogame, stabili che durano vita natural durante, che educano i figli e una volta vecchi i figli stessi si prenderanno cura dei genitori, ma su accordi fra 2 o più parti (di sesso e parentela le più svariate) che, nella stragrande maggioranza dei casi, saranno molto precarie.
    Una società basata su questi presupposti, soddisferà sicuramente i desideri dei più “forti” però temo abbia vita molto breve. Però, chi lo sa, magari mi sbaglio. Speriamo.

    http://www.telegraph.co.uk/news/worldnews/southamerica/brazil/9504746/Three-people-enter-into-civil-union-in-Brazil.html
    http://www.brusselsjournal.com/node/301
    http://www.out.com/news-commentary/2012/04/26/polyamory-relationship-franco-diluzio-mark-lander-glounge-vinny-vega
    http://www.bastabugie.it/it/articoli.php?id=2431
    http://www.cbc.ca/news/canada/british-columbia/story/2011/04/14/bc-polygamy-hearing-polyamorists.html
    http://m.theglobeandmail.com/news/british-columbia/multiple-marriage-advocate-tests-the-waters-on-polygamy-law/article4348809/?service=mobile
    http://www.lastampa.it/2012/08/29/esteri/celebrato-in-brasile-il-primo-matrimonio-a-tre-9JdnmSLBwys1MUV1nz3HPL/pagina.html

  3. Paola scrive:

    Quoto:
    “Se l’unica cosa che conta è l’amore e l’impegno, allora è del tutto logico estendere il matrimonio a due sorelle che vogliano crescere un bambino insieme”
    A volte rimango basita e mi chiedo che cosa hanno al posto dei neuroni alcune persone.
    Se fosse così allora anche adesso un fratello ed una sorella potrebbero bla bla bla (coppia etero). Ma non è così. Si chiama incesto. E il divieto vale tanto per le coppie etero che omo.

    • Q.B. scrive:

      Incestuofoba. E’ ora di porre fine a questa inumana discriminazione. Matrimonio incestuoso per tutti. Avanti savoia.

  4. Lil scrive:

    Ma infatti son d’accordo. Il matrimonio non va esteso agli omosessuali, va abolito per tutti, è una istituzione retrograda. Si possono benissimo dare garanzie fiscali e decisionali a coloro con i quali decidiamo di condividere le nostre vite senza bisogno di sposarsi con qualcuno, basta che lo stato lo permetta. Ovviamente parlo del valore legale del matrimonio. Poi se uno si vuole sposare secondo il rito Cattolico, Islamico, Ebraico, Neopagano ecc son fatti suoi.

    • Annalisa scrive:

      Il matrimonio serve x tutelare i figli e i genitori tra loro nei confronti dei figli. Che poi la gente se ne freghi altamente di questo particolare e vada tradendo il marito o la moglie ad ogni piè sospinto, non significa che l istituzione sia vecchia, ma che a molti non interessa più. A parte quando bisogna percepire gli assegni di mantenimento ovviamente.

      • beppe scrive:

        brava annalisa! non bisogna mai stancarsi di stanarli e mettere in evidenza la malafede e la menzogna insita nelle nuove mode contronatura. vogliono mettere le mani sui bambini e sui soldi: fanno solo schifo e si imbestialiscono contro chi li sbugiarda.

  5. Samuel scrive:

    Esimio Lord, lei ha perfettamente ragione, la conaca già parla di tutto ciò. Ma quando l’ideologia prevale la ragionevolezza se ne va via. Penso che a questo punto sia gusto abolire il matrimonio, dato che è diventata una pagliacciata per “riconoscere” che due o più persone “si amano”, come se bastasse un sentimento, e non un impegno, per godere di alcuni diritti. Una coppia che si impegna a fare figli dovrebbe avere più tutele di quelle che passano la vita a cazzeggiare, ma il Grande Fratello ha deciso diversamente, così oggi siamo tutti a prostrarci verso l’uso improprio della prostata.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

COSA: BIKE FESTIVAL GARDA TRENTINO, quest’anno dura un giorno in più  DOVE E QUANDO: Riva del Garda, Trento, 28-30 aprire e 1° maggio Tra le più importanti rassegne outdoor del comparto ruote grasse il Bike Festival Garda Trentino quest’anno aggiunge un giorno in più al suo (sempre) ricco programma di iniziative. Eventi speciali, escursioni, gare, test, un […]

L'articolo RED Weekend 28-30 aprile e 1° maggio, idee per muoversi proviene da RED Live.

A volte ritornano. Oltretutto quando meno te lo aspetti. Dopo dodici anni di assenza dal panorama europeo, lo storico marchio inglese MG annuncia il rientro nel Vecchio Continente. Un’operazione che avrà inizio nel 2019 e che vedrà protagonista la cinese Saic, dal 2005 proprietaria del brand. Il successo con le spider negli Anni ‘60 La […]

L'articolo MG, il ritorno in Europa è in salsa cinese proviene da RED Live.

Il marchio Seat ha la sportività incisa in modo indelebile nel proprio DNA. Un’inclinazione caratteriale impossibile da nascondere persino quando a Martorell hanno a che fare con una SUV. Ecco allora che la Ateca, la prima sport utility della storia della Casa spagnola, beneficia della versione FR (Formula Racing), sinora riservata alle “cugine” Ibiza e […]

L'articolo Seat Ateca FR: il SUV ha un’anima sportiva proviene da RED Live.

Prenderà il via dall’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola sabato 29 e domenica 30 aprile il Campionato monomarca MINI Challenge 2017, organizzato con il supporto di ACI Sport. Le sei tappe previste, da aprile a ottobre, si correranno sui più celebri circuiti italici e, chi non potrà partecipare o assistere, potrà godersi la visione in streaming su Dplay, la piattaforma on […]

L'articolo MINI Challenge, al via la nuova edizione proviene da RED Live.

Ci sono eventi che arrivano immediatamente ai fasti della cronaca e altri, non meno importanti, che vuoi per casualità, vuoi perché comunicati con meno forza, passano quasi sotto silenzio. Mentre il Salone di Shangai, tuttora in corso, celebra una miriade di modelli e versioni dedicati pressoché esclusivamente al mercato cinese, resta inspiegabilmente in secondo piano […]

L'articolo Jeep Yuntu: l’ora dell’ibrido plug-in proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana