Google+

Mistero Blockbuster, i giornali annunciano la chiusura ma l’azienda smentisce

gennaio 31, 2012 Paola D'Antuono

Stando ai giornali la più grande catena di videonoleggio sarebbe a un passo dalla chiusura dei negozi in Italia. Ma l’azienda smentisce i rumors con un comunicato ufficiale sulla pagina Facebook e annuncia grosse novità. Il dubbio però rimane: Blockbuster chiude o no?

«Scusi, dove trovo il dvd di Drive?». Il commesso scuote la testa e risponde un po’ seccato: «Non ce l’abbiamo e non ce l’avremo mai!». L’ignaro cinefilo sgrana gli occhi incredulo, prende la porta ed esce da uno degli ultimi Blockbuster ancora aperti a Milano. Da un po’ di tempo sui giornali la voce di un’imminente chiusura della catena di videonoleggio più famosa al mondo è sempre più insistente. Quasi a turno i giornali suonano la campana a morto del franchising sbarcato in Italia nel 1994 e che per una decina d’anni non ha temuto confronti. Oggi Giacomo Ferrari su Libero scrive un elogio funebre del Blockbuster e annuncia la chiusura della catena il prossimo 10 marzo.

«Ecco perché il commesso mi aveva risposto cosi in malo modo», avrà pensato il fedele noleggiatore alla ricerca di Drive. Ma bastano poche ricerche sulla rete per scoprire che una data definitiva di chiusura in realtà non c’è, al contrario sulla pagina Facebook di Blockbuster compare un comunicato ufficiale che smentisce qualsiasi notizia circolata: «Cari amici, nell’ultimo anno avrete letto o sentito un susseguirsi di notizie sul destino di Blockbuster in Italia. Qualcuno ha parlato di fallimento, qualcuno di vendita dei negozi, altri di trasformazioni in parafarmacie o centri benessere, riteniamo corretto fare luce sull’argomento al fine di chiarire la situazione attuale e i probabili scenari futuri. (…). I nostri negozi Blockbuster in franchising sono vivi e vegeti e gli imprenditori si sono uniti dando vita ad un progetto ambizioso ma assolutamente realizzabile, creare un network di negozi che punti decisamente sull’Entertainment a 360 gradi, un Villaggio commerciale del divertimento».

Il comunicato quindi non solo smentisce la chiusura ma annuncia la nascita del nuovo marchio Blockbuster Village, sotto il quale prenderà vita un villaggio del divertimento che dovrebbe costituire il rilancio della catena di noleggio. Capirne di più però sembra difficile: l’indirizzo del nuovo sito internet rimanda alla pagina Facebook, le mail di contatto sono errate e il vecchio portale del marchio è ancora in piedi e apparentemente funzionante. Un po’ di indizi per credere seriamente che Blockbuster stia per calare il sipario rimangono nonostante le rassicurazionei del comunicato ufficiale. Non resta che aspettare e accontentarsi di scaricare legalmente i film da vedere (anche perché scaricarli illegalmente è diventato impossibile) o rivolgersi a insospettabili videoteche di provincia super fornite (nella redazione di Tempi si contano numerosi fan della cineteca Tuttovideo di Seregno, ricca di titoli introvabili) per rinnovare la tradizione di una serata tra divano e pop corn.

Twitter: @paoladant

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. misspoccioi scrive:

    Invito cortesemente la signora D’Antuono ad informarsi sulle dinamiche legate al marchio BB e alla sua eventuale chiusura. I negozi in franchising sono una minima parte del parco store dell’azienda, la quale sta chiudendo e mandando a casa diverse centinaia di persone. Blockbuster Village è una “costola” dell’azienda originaria ed infatti, pur conservando una parte del nome, si chiamerà “Village”.
    Blockbuster Italia CHIUDE. Giù le serrande. Fuori gli impiegati. Fine di un’epoca e di un tipo di commercializzazione.

  2. Paola Dantuono scrive:

    Gentile lettore,
    come specifico nell’articolo ho tentato di contattare l’azienda ma non ci sono riuscita. La quale azienda, attraverso la sua pagina Fb, smentisce tutte le voci di fallimento: il dubbio rimane e lo sottolineo più volte ma non sono in possesso di elementi per affermare con sicurezza che il Blockbuster stia per chiudere
    Paola D’Antuono

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana