Google+

Melissa, Susie, Christina: tre ragazze scampate all’aborto che ora salvano altre vite

aprile 24, 2013 Benedetta Frigerio

Dalla sofferenza per la scoperta di essere scampate all’aborto all’amore per la vita. La storia di tre donne che danno tutto per salvare altri bambini

Spesso è chi è stato ferito a medicare. Chi ha rischiato la vita a capirne il valore. A dirlo sono Susie Araujo, Melissa Ohden e Christina Martin. Tre ragazze scampate all’aborto che oggi ridanno la vita salvandone altre.

MELISSA. Melissa, 35 anni, di Kansas City, scampata a un aborto salino, da quando ha incontrato Janna Jessen, una donna con la sua  stessa storia, e averne conosciuto la vicenda descritta nel film “October Baby”, nel 2011 ha deciso di aprire un sito dove altre persone come lei la contattano ogni giorno. Ma prima di arrivare qui Melissa ha dovuto passare attraverso una grande prova e molta sofferenza. A dirle cosa le era successo i suoi genitori adottivi. La ragazza, appena 14enne, scoprendo che sua madre e suo padre naturali non la volevano, cominciò a sentirsi «in colpa per essere sopravvissuta e per essere in salute», spiega al portale internazionale Lifenews.com. Poi la vergogna di vivere «in un mondo che pensa che l’aborto sia un diritto». Melissa crede per anni di essere di troppo, finché 29enne conosce Jessen. Convertita al cattolicesimo si sposa e oggi ha una bimba di 5 anni, «nata nell’ospedale dove io dovevo morire». Oggi la giovane, oltre che curare il sito, gira il mondo per testimoniare la sua storia: dal dolore fino al perdono e alla scoperta che «i miei genitori adottivi non sono scontati (…). Sono cresciuta in una casa piena di amore. E ora mi rendo conto di che dono sia la mia vita».

SUSIE. Susie, 36 anni, di Corona (California), è venuta al mondo grazie all’errore di un medico abortista. Sua madre è una giovane immigrata messicana che, quando rimane incinta, si ritrova sola davanti a suo padre e al suo ragazzo che non vogliono la bimba. Poi il riavvicinamento dei parenti che si offrono di accompagnarla a una visita d’accertamento. La ragazzina accetta e, una volta in ospedale, firma delle carte in inglese che non comprende. Sono per il consenso all’aborto, fortunatamente però quel giorno mancano gli strumenti per l’operazione. La minorenne sarebbe dovuta ritornare più tardi, ma prima di uscire un medico si lascia scappare la parola “aborto” e lei comprende l’inganno. La giovane va su tutte le furie, convince il ragazzo che poi la sposa, e partorisce Susie, che oggi è la maggiore di cinque fratelli e, oltre a raccontare la sua storia, offre aiuti alle donne che «spesso sono sole, isolate e si sentono costrette ad abortire».

CHRISTINA. Christina, 31 anni, di Washington, vive ricordando le parole di sua madre: «Era un angelo». La mamma è in una clinica abortiva quando una signora afroamericana la avvicina chiedendole se vuole tenere il bambino. Alla risposta affermativa la signora le sussurra: «Dio ti darà la forza di tenere questo bambino». Sentendo quella voce la madre di Christina cambia idea, ma girandosi per cercare la donna non la trova più. Così va dal medico abortista, gli spiega che se ne vuole andare e così fa, anche se quello è infuriato «perché temeva che anche altre donne presenti se ne sarebbero andate». Circa dieci anni fa, quando era incerta se l’aborto fosse ammissibile o meno, Christina scopre che avrebbe potuto non esserci se non fosse stato per quell’afroamericana. Non solo, appena la madre svela alla figlia la verità accadde qualcosa per cui oggi Christina dedica la sua vita ad aiutare donne disperate che vogliono abortire: «Il mio cuore cambiò improvvisamente. Ero stata salvata da Dio. Mi aveva soccorsa; mi sono sentita amata da Lui. E ho cominciato a capire quanto mi volesse viva desiderando che aiutassi altri bambini a vivere».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana