Google+

La Coppa Africa vi annoia? Il “tacco di Allah” e altri bomber vi faranno cambiare idea

gennaio 3, 2013 Emmanuele Michela

Tra pochi giorni parte la Coppa Africa. Ecco le storie di alcuni goleador che hanno fatto la storia della competizione: nomi poco celebri in Europa, ma autentiche leggende in patria.

Quel balletto propiziatorio alla bandierina è diventato una delle immagini che più lo ha reso celebre. E la data di quelle immagini, giugno 1994, dice perché quello di Roger Milla è un record: aveva ben 42 anni quando firmò il Mondiale statunitense con quella rete alla Russia. Fu il giocatore più anziano ad andare in gol in una Coppa del Mondo e la cosa fece ancor più notizia perché Milla aveva deciso di smettere con la Nazionale 4 anni prima. Una gran carriera la sua: due Coppe Africa, il titolo di “Leoni indomabili” guadagnato al Mondiale dell’82 con il suo mai sconfitto Camerun, e più di 100 reti confezionate nel campionato francese. Nel 1990 voleva smettere, ma il presidente del Camerun Biya gli telefonò: «Roger, ripensaci, abbiamo bisogno di te». All’inizio disse di no, poi si convinse e fece le valigie: fu una delle stelle di Italia ’90, dove siglò ben 4 gol, conducendo i suoi fino ai quarti di finale. Aveva addirittura 38 anni, e quello fu l’apice della sua carriera sportiva.

L’ALGERIA CASTIGA LA GERMANIA. Roger Milla è uno dei bomber più forti del Continente Nero, campioni semi-sconosciuti di cui gli annali del calcio africano pullulano. Dimenticatevi Weah, Kanu, Eto’o, Drogba, Kanouté, Adebayor… La 29esima edizione della Coppa Africa è alle porte, e oggi vi raccontiamo storie al limite dell’anonimato, passate sotto traccia o a volte mai arrivate in Europa, ma proprio per questo ancor più affascinanti, quasi leggendarie. Solo qualche settimana fa il Vecchio Continente ha scoperto le imprese di “Ucar” Chitalu, inossidabile punta maledetta degli anni Settanta, per il quale la Federazione dello Zambia rivendica il record di reti siglate in un anno solare: non le 91 di Leo Messi, bensì le 107 dell’attaccante deceduto nel ’93. Meno nota è quella di Lakhdar Belloumi, miglior giocatore del Continente nell’81, per le statistiche l’inventore del “Blind pass”, ovvero il passaggio “no look”. Centrocampista algerino dal piede delicato, non ha mai giocato in nessuno stadio europeo, se non quelli spagnoli del Mondiale ’82. Ma qui era destinato a lasciare il segno: suo fu il gol del 2-1 con cui l’Algeria batté nel match inaugurale niente meno che la Germania. I club dei campionati più prestigiosi si misero in fila per lui: Barcellona, Juventus… Ma all’epoca agli algerini era vietato lasciare il Paese se non avevano ancora compiuto 27 anni, e quando tre primavere dopo la legge gli aprì le porte del club di casa Agnelli, un duro infortunio bloccò tutto.

IL “TACCO DI ALLAH” E “GOALSFATHER”. Fu davvero sfortunato, non come Rabah Madjer, coetaneo di Belloumi e autore della rete dell’1-0 in quel Algeria-Germania dell’82. A detta di tutti Madjer era meno forte, ma fece più carriera: è diventato celebre come il “Tacco di Allah” per quella rete pazzesca segnata nella finale di Coppa Campioni del 1987, con cui permise al suo Porto di salire sul tetto d’Europa. Coi lusitani vinse pure tre campionati nazionali e un’Intercontinentale, ma mai una volta venne meno agli impegni in Nazionale. Insieme a Belloumi fu il cardine della selezione algerina degli anni Ottanta, quattro volte sul podio in sei edizioni. E rimanendo in Portogallo, da qui è transitato un altro ragazzotto africano dal gol facile: il nigeriano Rashidi Yekini, due volte capocannoniere della Coppa Africa e nel ’92 vincitore del Pallone d’oro del Continente nero. Il “Goalsfather” è morto lo scorso marzo, ucciso dai disturbi mentali che lo perseguitavano da almeno un anno. Tutta la nazione africana ha pianto la perdita di una vera e propria leggenda locale, indimenticato per quell’esultanza a Usa ’94: statuario dentro la porta avversaria, le mani contro la rete guardando il pubblico, il viso duro che si scioglie in lacrime. Fu la prima rete delle Super Aquile in un Mondiale.

IL “BOMBER DEFUNTO” SI COSTRUISCE UNA NUOVA VITA. La sua è una storia triste. Come quella di Pierre Ndaye Mulamba: 9 sono i gol che siglò nella Coppa Africa del 1974, record ancora imbattuto che portò il suo Zaire sul tetto del continente. Divenne l’idolo del Paese: per tutti era “Volvo”, o “Mutumbula”, l’assassino. Ma nello stesso anno andò ai Mondiali di Germania: rimediarono una figuraccia, persero persino 9-0 contro la Jugoslavia, con la minaccia del dittatore Mobutu di non lasciarli tornare in patria. Ma meno di vent’anni dopo la popolarità costò caro a Mulamba: il dittatore Mobutu non ammetteva altre figure modello nel Paese, e i soldati si misero sulle sue tracce convinti che avesse soldi da parte, volevano le sue medaglie. Gli spararono ad una gamba. Evitò di poco l’amputazione dell’arto, ma fu costretto a fuggire: finì a vivere in Sudafrica, in totale povertà. Lì una Ong lo raccolse dalla strada, lo aiutò e gli trovò lavoro come allenatore di una squadra di calcio amatoriale. Si è sposato con Anne, la donna a capo dell’organizzazione. E ora a Cape Town il “bomber defunto” cerca di costruirsi una nuova vita.

Seguici su Tempi Sport

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana