Google+

In stato vegetativo da dodici anni dicevano che «non sente nulla». Ma ora Scott «ha dimostrato di essere cosciente»

novembre 13, 2012 Benedetta Frigerio

Scoot Routley, ritenuto incosciente per 12 anni, ha la percezione di ciò che accade. A rivelarlo il team del professor Owen che sta scoprendo altri pazienti come lui: «I manuali di medicina vanno riscritti»

«I manuali di medicina dovranno essere riscritti». Sono le parole di Bryan Young, neurologo presso l’ospedale dell’Università di Londra, dopo aver scoperto che un suo paziente in stato vegetativo è riuscito a dire di non soffrire.

«SA CHI E’ E DOVE SI TROVA». Young seguiva da un decennio Scott Routley, il paziente di 39 anni in stato vegetativo da 12. Per tutti questi anni le diagnosi del medico erano sempre le stesse: «Routley non sente nulla». Contrari solo i genitori e i parenti dell’uomo che, notando il movimento della lingua e degli occhi, avevano sempre sostenuto che quello era il suo modo di comunicare. Lo staff medico, però, aveva pensato si trattasse dell’ostinazione disperata di chi non accetta la malattia. Finché Adrian Owen, neuro-scienziato presso l’università di Western Ontario, ha esaminato l’uomo con una macchina per la risonanza magnetica funzionale, dichiarando che «Scott ha dimostrato di essere cosciente». Owen ha spiegato che «esaminando parecchie volte il paziente la sua attività celebrale ha mostrato chiaramente che lui sceglie di rispondere alle domande. Siamo convinti che lui sappia chi è e dove si trova». Di più, se Routley ha detto persino di non soffrire.

NON E’ UN’ECCEZIONE. Sempre il neurologo Young ha commentato i risultati dello screening così: «Sono rimasto impressionato e meravigliato dalle risposte cognitive che ha dato. Lui è un paziente con il quadro clinico tipico di coloro che sono definiti pazienti in stato vegetativo: i libri di testo dovranno essere aggiornati includendo le tecniche del professor Owen». In effetti l’episodio non è isolato e non si può dunque parlare di eccezione. Il team del professor Owen ha seguito diversi pazienti in stato vegetativo e di “minima coscienza” per più di un anno facendo altre scoperte: oltre a Routley anche Steven Graham, un paziente in stato vegetativo, ha mostrato di avere memoria di fatti avvenuti dopo la lesione celebrale seguita a un incidente di cinque anni fa, rispondendo di sì alla domanda se sua sorella avesse una figlia (sua nipote era nata dopo l’incidente); un altro paziente, con diagnosi parziale di stato vegetativo, ha manifestato una certa coscienza di sé.

COVINZIONI RIBALTATE. «Gli esiti degli esami precedenti – come ha ricordato Young – sono stati ribaltati». E i nuovi studi, ha ripetuto Owen, «costringono a rimettere in discussione il modo di trattare questi pazienti, come quello di relazionarci a loro e quello in cui li accudiamo, li laviamo e li nutriamo».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Enrico scrive:

    Possiamo dire che la scienza sta arrivando dove il cuore è arrivato da un pezzo?

  2. tribute to Thomas More scrive:

    Un saluto a Lucrezia e Max !! :-)

    PS: stasera vi ricordo nelle mie preghiere

  3. Emilio Tettamanti scrive:

    Chissà se quel tal dottore, ora senatore (e sedicente cattolico), che pontifica e straparla di scienza su tutti i giornaloni laicisti e sulle radio dei radicali e di confindustria, saprà di questa notizia, visto che questa è vera scienza.
    Beh, ma la storia ci ha insegnato che, purtroppo, gli stessi che parlavano di “grumo di cellule” rispetto all’embrione umano in gestazione, hanno girato gli ochci da altre parti dopo l’avvento dell’ecografia.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana