Google+

«Il Gay Pride non è una pagliacciata», dice Boldrini. Vero. Basta guardare queste foto

giugno 14, 2013 Redazione

La presidente della Camera, che domani parteciperà alla marcia dell’orgoglio omosessuale, lancia un appello perché anche in Italia la politica faccia quelle scelte che «una società matura reclama»

«Stiamo oggi parlando di diritti, e nessuno ha diritto di ridicolizzare questo nostro incontro. Non sono pagliacciate, ma diritti negati sulla base della differenza sessuale e dell’identita di genere». Queste le parole usate dalla presidente della Camera Laura Boldrini, che è intervenuta oggi a Palermo al convegno inaugurale del Gay Pride.
Boldrini, che con il ministro Josefa Idem parteciperà alla marcia dell’orgoglio omosessuale, ha aggiunto su twitter che, siccome «ce lo chiede l’Unione Europea», anche «l’Italia deve prevedere finalmente tutele per le vittime di omofobia e leggi per diritti a coppie omosessuali». E in un altro messaggio sul social network ha aggiunto: «Non c’è contrasto tra diritti LGBT e sostegno alla famiglia. Dare diritti a chi non ne ha non significa toglierne agli altri. Siamo in tanti oggi a Palermo per parlare di diritti e nessuno deve permettersi di ridicolizzare il nostro impegno».

Secondo la presidente della Camera, «la maggior parte dei paesi Ue prevede sanzioni penali per chi commette violenze omofobe e ha introdotto il movente omofobo quale circostanza aggravante. Anche qui in Italia l’azione politica e legislativa deve essere tesa a prevedere finalmente tutele per le vittime di omofobia e di discriminazioni omofobe, nonché fattispecie di reato per chi aggredisce una persona solo perche lesbica, gay, bisessuale o transgender».
Per questo le istituzioni devono «compiere scelte politiche, mettere in atto azioni legislative che allarghino la tutela dei diritti a coloro che oggi ne sono ancora esclusi. La politica, in tema di diritti, avrebbe il compito di fare da apripista. E invece troppo spesso si muove in ritardo, a rimorchio delle scelte che una società matura reclama».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

26 Commenti

  1. arge says:

    grandissimi

  2. giuliano says:

    cara Boldrini i sessi sono 2 maschile e femminile e il matrimonio è riservato solo a questi. L’articolo 29 della Costituzione afferma che il matrimonio è un legame NATURALE per formare una famiglia e 2 gay non formano un legame NATURALE. Se proprio vogliono godere le tutele della legge i gay si rivolgano al codice civile per stipulare contratti ad hoc ( se non sono in malafede)

    • Emanuele says:

      E dove sarebbe scritto che il matrimonio tra uomo&donna è una cosa naturale?

      • Lorem Ipsum says:

        Mai giocato coi Lego?

      • Paolo says:

        Da nessuna parte a se ad alcuni piace immaginare così (tra le tante cose che si immaginano). Come è assolutamente infondata e chiaramente ideologica che une famiglia omoparentali non sia naturale.

      • franco viola says:

        Il matrimonio (è inutile specificare” tra uomo e donna” essendo questo l’unico matrimonio che abbia senso)non è naturale.Questo però non lo squalifica,anzi:il matrimonio è la forma-istituzione che crea un ponte fra natura(la differenza dei sessi) e cultura.Esso con la filiazione e i rapporti di parentela è una fonte inesauribile di simboli culturali.Non mi pare che l’omosessualità possa essere messa sullo stesso piano:che mostri le sue credenziali,professi i suoi propri valori e la propria specificità.Le imitazioni sono sempre ridicole…..Quanto al pride,è vero che non tutti quelli che vi partecipano fanno i pagliacci,ma la sola adesione la dice lunga su quel che pensano e sui loro “valori”.Tempo fa mi trovavo a discutere con un amico gay che vive un pò lontano dalla mia città:non ricordo perchè uscì fuori l’argomento del pride ma mi colpì moltissimo il fatto che lo definisse una manifestazione intrisa di tristezza.Esattamente quella che ho provato anch’io assistendo alla parata.Bisogna essere proprio ingenui per credere che tanto sfoggio di colori e allegria sia sincer;,anzi proprio l’ esibizione sopra le righe mostra ciò che si sforza di nascondere e al massimo può trattarsi di divertimento (da “divertere” eh..)ma non di vera gioia.

  3. Andrea says:

    ce lo chiede l’Unione Europea o ce lo chiede il maligno?

  4. giovanni says:

    Tempi duri ci aspettano, questi non si fermeranno fino a che avremo toccato il fondo.

    • giuliano says:

      caro Giovanni, il fondo dovremo toccarlo per forza e solo allora la gente toglierà gli occhiali rosa e solo allora questi pagliacci e i loro mandanti spariranno. Il prezzo da pagare però sarà spaventoso ma necessario

  5. marzio says:

    Con la boldrini Presidente della Camera, che Parlamento ,ragazzi!

  6. Ines says:

    Un non raro esempio di ipocrisia politica. A quale scopo, se non il mero accaparramento dei voti, promettere azioni normative, quando con l’ultima legislatura la proposta di legge contro l’omofobia sollevava un Pregiudizio Costituzionale grande tanto quanto il Palazzo del Governo?

  7. filippo says:

    ahahahah che pagliacci sti DEVIATIIIIIIIIIIIIII riapriamo i manicomi così stanno tutti lì dentro, poi possono fare quello che vogliono pure provare a generare vita se ci riescono! BABBiiiii

  8. albo says:

    Ah perché le manifestazioni con vescovi vestiti, agghindati e igiogliellati come madonne di Pompei non sono pagliacciate? Quelle vanno rispettate i Pride no?

    • Lorem Ipsum says:

      Se per te il livello di decoro è lo stesso, pensati a un bambino che assiste alle due diverse scene.

    • Luke says:

      Paragone ridicolo ed oltremodo aberrante: rivelatore di una mente ideologizzata e fortemente instabile. Equiparare poi la Madonna a dei luridi personaggi, trans e abbattone d’ogni sorta è oltremodo schifoso, blasfemo e perverso.
      Solo a pensarla una cosa simile o si è particolarmente dementi, o schizzati oppure consapevolmente malvagi. Persone, che dovrebbero usare la bocca non per dire tali ed immani boiate, ma tutt’al più solo per respirare, o al massimo per fare altro.

  9. Giorgio says:

    Chiedo ufficialmente a Paolo Pedote di emigrare in luoghi virtuali a lui più culturalmente affini, quelli che si merita una personcina sensibile ed evoluta quale la sua. Ci lasci, per cortesia, nella nostra arretratezza e nella nostra più totale abiezione: le sembrerà strano, ma ci stiamo davvero bene !!!

  10. giovanni says:

    Cara Michela non sprecare il tuo tempo a dialogare con quei poveretti, mandali amabilmente a fare quello che vogliono, che è anche l’unica cosa che sanno fare.

  11. Cisco says:

    Da quando, nei lontani anni sessanta, il diritto a usare la ghiandola prostatica a fini ludici ha iniziato farsi strada, si è assistito a un crescendo imperioso di queste buffonate, una erezione tantrica con spreco di vaselina e coriandoli da fare invidia al carnevale di Rio. Spero che almeno loro si divertano, anche se dai video su YouTube sembra di assistere a un vano tentativo di resistere a una parossistica crisi depressiva a suon di decibel. Mi auguro che i loro ( veri ) desideri vengano soddisfatti.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download