Google+

Giovane padre con figlio a carico. Che modulo compilare per le detrazioni?

gennaio 20, 2014 Massimiliano Casto

La mia domanda è: quale e/o che tipo di modulo devo compilare e dare al mio datore di lavoro per figlio a carico? L’esperto risponde

Massimiliano Casto, autore di questo articolo, è Tributarista e Consulente del Lavoro. Chi avesse interrogativi particolari o volesse sottoporre domande su questioni riguardanti la fiscalità può scrivere a studiocasto@virgilio.it, specificando nell’oggetto: “Fisco semplice”. Altri quesiti li potete trovare qui.

Salve, sono Teo, uno dei pochi giovani lavoratori in Italia perché ho 25 anni è lavoro già da 3 anni. Da pochi giorni sono diventato padre e proprio perché  sono così giovane molte cose non le so, ma le sento dire. La mia domanda è: quale e/o che tipo di modulo devo compilare e dare al mio datore di lavoro per figlio a carico? Ringrazio anticipatamente per il tempo accordatomi. Cordiali saluti.
Teo

Risposta:

I genitori dipendenti, alla nascita di un figlio, hanno diritto sia alle detrazioni per familiari a carico, sia agli assegni per il nucleo familiare. Vediamo nel dettaglio:

Le detrazioni d’imposta

Ogni dipendente che abbia dei familiari a proprio carico può godere di una detrazione fiscale sulle ritenute irpef nella retribuzione mensile. È necessario presentare al proprio datore di lavoro una dichiarazione per ritenute e detrazioni d’imposta (art. 23 D.P.R. n. 600/73 e successive modificazioni), facilmente reperibile su internet.  Per i lavoratori dipendenti e pensionati con figli a carico, i benefici si vedono quando ricevono la retribuzione mensile, mentre imprenditori e professionisti potranno fruire del beneficio in occasione della dichiarazione dei redditi. Sono considerati familiari a carico dal punto di vista fiscale:

  • il coniuge non legalmente ed effettivamente separato;
  • i figli, compresi quelli naturali riconosciuti, gli adottivi, gli affidati e affiliati;
  • altri familiari (genitori, generi, nuore, suoceri, fratelli e sorelle), a condizione che siano conviventi o che ricevano dallo stesso un assegno alimentare non risultante da provvedimenti dell’autorità giudiziaria.

È prevista una detrazione annua di 950 euro. La detrazione è aumentata a 1.220 euro per ciascun figlio di età inferiore a tre anni. Queste detrazioni sono aumentate di un importo pari a 400 euro per ogni figlio portatore di handicap ai sensi dell’articolo 3 della legge 5 febbraio 1992, n. 104.
Per i dipendenti con più di tre figli a carico la detrazione è aumentata di 200 euro per ciascun figlio a partire dal primo. Lo sconto decresce all’aumentare del reddito, con un meccanismo alquanto complicato da calcolare, fino ad annullarsi del tutto, se il reddito complessivo supera 55.000.

Gli assegni familiari

Come risaputo, tutti i dipendenti hanno diritto anche agli assegni familiari. La domanda deve essere presentata al proprio datore di lavoro, utilizzando il modello Anf/Dip reperibile nel sito dell’Inps. In tale caso, il datore di lavoro deve corrispondere l’assegno per il periodo di lavoro prestato alle proprie dipendenze, anche se la richiesta è stata inoltrata dopo la risoluzione del rapporto nel termine prescrizionale di 5 anni. Il diritto all’assegno decorre dal primo giorno del periodo di paga o di pagamento della prestazione previdenziale, per la quale è prevista l’erogazione accessoria degli assegni per il nucleo familiare, nel corso del quale si verificano le condizioni prescritte per il riconoscimento del diritto (ad es.: celebrazione del matrimonio, nascita di figli) e cessa alla fine del periodo in corso alla data in cui le condizioni stesse vengono a mancare (ad es.: separazione legale del coniuge, conseguimento della maggiore età da parte del figlio).  Qualora spettino assegni giornalieri, il diritto decorre e ha termine dal giorno in cui si verificano o vengono a mancare le condizioni prescritte. L’assegno viene pagato dal datore di lavoro, per conto dell’Inps, ai lavoratori dipendenti in attività, in occasione del pagamento della retribuzione.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. Fabio scrive:

    Salve, le sottopongo il mio quesito. In famiglia siamo 4 persone: due genitori e due figli (io e mio fratello). Mio fratello lavora, mio padre e mia madre sono attualmente disoccupati, io sto per essere assunto e mi hano chiesto di presentare la documentazione per le detrazioni fiscali per i familiari a carico. A quanto so io posso mettere a mio carico mia madre (viviamo nella stessa casa) ma non mio padre (ha la residenza in un’altra casa), però mi sorge un dubbio, nel caso mio padre dovesse anche lui cominciare a lavorare, come si porrebbe la situazione rispetto al familiare a carico? Dovrebbe prendere lui in carico mia madre e quindi percepire l’assegno familiare e le detrazioni fiscali? E a questo punto io dovrei comunicare che mia madre non è più a mio carico? In alternativa, mia madre può rimanere a mio carico per le detrazioni? Grazie mille per qualsiasi aiuto possa darmi, Fabio

  2. carmela scrive:

    ho tre bambini a carico piu mio marito lavoro tre ore al giorno. con un redditi complessivo di 7700 annuo volevo sapere se mi spettano le detrazioni. in ogni dusta paga mi esce 440euro ma mi spettano

  3. Valentina scrive:

    Buonasera,volevo avere info sulla mia situazione.sono una lavoratrice a tempo indeterminato,non sposata,e mamma di una bimba.posso sapere tutto quello che mi spetta??grz di cuore

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download