Google+

Germania: in carcere 53 genitori contrari ai corsi di educazione sessuale

marzo 21, 2011 Benedetta Frigerio

In Germania, dopo la notizia di una madre arrestata per aver tolto il figlio dalle ore di educazione sessuale, si scoprono altri 53 precedenti. Dalla Spagna un appello alle istituzioni a cui aderiscono altre 43 associazioni europee. Astorri: «La Corte Europea si dovrà attenere all’articolo con cui ha difeso l’esposizione del crocifisso in Italia»

Dopo che una donna tedesca è stata arrestata per non aver mandato il figlio a scuola durante le ore di educazione sessuale, si è scoperto che sono ben 53 i genitori già condannati dalla Germania per lo stesso motivo. L’Alliance Defense Found, ente giuridico che difende i diritti delle famiglie tedesche davanti al tribunale dei diritti europeo, ha fatto sapere che la Corte di Strasburgo non ha accettato la richiesta di indicare misure urgenti per liberare la signora in carcere.

Romeo Astorri, preside della facoltà di giurisprudenza all’Università Cattolica di Piacenza ed esperto dei diritti fondamentali dell’Unione Europea, spiega che «il problema è lo stesso sollevato dalla Corte circa il giudizio sul crocifisso nelle aule italiane. Per la Corte di Strasburgo tutti hanno diritto d’istruzione e lo Stato deve tener conto delle opinioni dei genitori. Ciò significa di fatto, se si guardano le sentenze della Corte, garantire un’educazione “neutrale”».

Tanto che per difendere il crocifisso si è dovuto dire che «è un simbolo passivo», che non dice nulla. Ma anche avesse ragione lo Stato, la Corte non è tenuta a dire nulla circa una pena sproporzionata, come in questo caso il carcere? «Sulla questione dell’arresto la Corte non può entrare in merito: può dire solo se un diritto umano è leso o meno, ma non può imporre allo Stato come farlo rispettare. Il tribunale di Strasburgo ha parere vincolante solo per la tutela dei diritti umani, non per l’attuazione di questa». L’articolo 2 del protocollo 1, usato proprio per difendere il crocifisso, garantisce “il diritto dei genitori di provvedere all’educazione e all’istruzione dei loro figli secondo le loro convinzioni religiose, filosofiche e pedagogiche”.

«Il caso Kjeldsen – continua Astorri – che riguarda la Danimarca, parte proprio dalla denuncia di lesione di quell’articolo e aiuta a capire come si muove la Corte. In quel caso alcuni genitori ricorrevano contro le disposizioni della legislazione danese che introducevano un corso obbligatorio di educazione sessuale nella scuola primaria. I giudici di Strasburgo limitano il diritto dei genitori di chiedere per i propri figli l’esenzione dalle attività scolastiche solo nel caso in cui tali attività consistano in un effettivo “indottrinamento”, in grado d’influire sulla formazione psicologica e religiosa dell’allievo e condizionarne lo sviluppo di una attitudine critica. In tale giudizio, del 1976, la Corte europea gettò le fondamenta delle successive pronunce in materia: l’educazione è legittima se fatta “in maniera obiettiva, critica e pluralista”». Astorri quindi fa notare che nel caso specifico «sarebbe utile conoscere i contenuti specifici del corso di educazione sessuale delle scuole tedesche implicate, per provare che c’è un indottrinamento che non tiene conto dei pareri dei genitori».

Intanto, in Spagna l’associazione civile “Profesionales por la Ética” ha promosso una dichiarazione a favore della madre arrestata che è già stata sottoscritta da altre 43 associazioni di Spagna, Irlanda, Italia, Stati Uniti, Slovacchia, Kenia, Filippine, Messico, Norvegia e Germania stessa. La dichiarazione è stata inviata a tutte le istituzioni tedesche e sovranazionali. Si esorta la Germania a rimettere in libertà i genitori arrestati e le istituzioni europee a vegliare sui diritti fondamentali dell’uomo e sulla libertà di educazione.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

9 Commenti

  1. franco melchiorre says:

    una volta ci si chiedeva: “se Hitler avesse vinto la guerra, come avrebbe ridotto l’Europa governata da un regime nazista?” Beh, ora lo vediamo. In fondo Hitler, pur essendo morto, ha vinto la guerra! E grazie ai progressisti.

  2. mario says:

    Proprio quello che Brock Chisholm voleva: “Egli vedeva i genitori come dittatori e soppressori della migliore natura dei bambini e riteneva che l’educazione sessuale
    dovesse essere introdotta in quarta elementare eliminando «le idee dei
    vecchi» se necessario con la forza”. (Brock
    Chisholm, …. primo direttore della Organizzazione Sanitaria
    Mondiale e successivamente presidente della Federazione Mondiale
    di Salute Mentale ha stretti con il movimento del controllo
    demografico e i suoi satelliti in America e [nel mondo])

    Chisholm aveva sposato l’idea di un governo mondiale e
    riteneva che coloro che vi si opponevano erano dei nevrotici egoisti e
    mentalmente malati.
    Egli riteneva che la più persistente barriera allo sviluppo di un
    modo di vivere civile nel mondo era il concetto di «giusto e
    sbagliato»; un concetto che egli pensava dovesse essere sradicato.
    Codici di credenze, regole fisse oppure dogmatismo erano
    anatema per lui. I bambini dovevano essere liberati da pregiudizi
    nazionali, religiosi e culturali imposti loro dai genitori ed autorità
    religiose. ” ( Valerie Riches, autrice dell’opuscolo “Il Genocido Gentile ovvero La corruzione dei bambini” , http://www.nogenocidio.com/2009/01/genocidio-gentile/) Invano questa paladina della famiglia e dei bambini ha tentato di mettere in guardia il Mondo contro l’idea fissa, massone e noemalthusiana, dell’Unico Governo Mondiale e di un nuovo Ordine Mondiale da realizzarsi con il relativismo etico ed un rigido controllo demografico. Anche Giovanni Paolo II nell’Evangelium Vitae ha parlato di una “oggettiva congiura contro la vita”, ma i nostri intellettuali cattolici, “tanti, ma insignificanti”, come diceva Ernesto Galli Della Loggia, hanno voluto vedere in questa frase solo un’aggregarsi casuale di forze del male impersonali. Guai a parlare di complotto orchestrato contro la vita e di neomalthusiani, cioè, di Rockefeller, Ford, Packard, Soros, Turner, Bill Gates, Agnelli, Debenedetti, ecc. Ed ora il carcere a chi si oppone all’indottrinamento sessual-neomalthusiano, per colpa anche dei “…tanti, ma insignificanti”!

  3. Matilde Camagni says:

    In Germania continuano gli esperimenti del dottor Menghele…

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

SCS, ovvero come ti rivoluziono il concetto di frizione. Anche MV Agusta debutta nel segmento delle trasmissioni “evolute” e lo fa con un sistema leggero e versatile. Sarà questo il futuro del cambio?

L'articolo Prova Mv Agusta Turismo Veloce Lusso SCS <br> addio frizione proviene da RED Live.

Il Biscione di Arese trova da sempre il suo habitat naturale tra i boschi del Nürburgring. È dal 1932 che le Alfa Romeo hanno un feeling particolare con i 20,832 chilometri di saliscendi dell’Inferno Verde tedesco, da quando cioè le Gran Premio Tipo B di Caracciola, Nuvolari e Borzacchini monopolizzarono un podio divenuto nel tempo […]

L'articolo Alfa Romeo Giulia e Stelvio Quadrifoglio NRING proviene da RED Live.

I circa 21 km della Nordschleife percorsi dalla super SUV ceca in poco più di 9 minuti. Con una veterana dell'Inferno Verde al volante: Sabine Schmitz

L'articolo Skoda Kodiaq RS, la SUV a 7 posti più veloce del Nürburgring proviene da RED Live.

ECCO I MIGLIORI CASCHI DA BAMBINO La legge parla chiaro: fino al raggiungimento dei 5 anni di età, i bambini non possono essere trasportati su un mezzo a due ruote. C’è di più: oltre all’età, la piccola creatura deve avere le caratteristiche fisiche necessarie (deve arrivare con i piedi alle pedane) e soprattutto indossare attrezzatura […]

L'articolo I migliori caschi da bambino proviene da RED Live.

C’è un dato curioso che riguarda la popolazione italiana a due e quattro zampe. Sembra che negli ultimi cinque anni, il numero di bipedi che si accompagna a un quadrupede sia cresciuta del 15%… Se da un punto di vista socio-psicologico, questo dato fotografa una voglia di affetto (spesso anche la scelta di darne e […]

L'articolo Prova Nissan X-Trail Trainer: “Hulk approved” proviene da RED Live.