Google+

Germania: in carcere 53 genitori contrari ai corsi di educazione sessuale

marzo 21, 2011 Benedetta Frigerio

In Germania, dopo la notizia di una madre arrestata per aver tolto il figlio dalle ore di educazione sessuale, si scoprono altri 53 precedenti. Dalla Spagna un appello alle istituzioni a cui aderiscono altre 43 associazioni europee. Astorri: «La Corte Europea si dovrà attenere all’articolo con cui ha difeso l’esposizione del crocifisso in Italia»

Dopo che una donna tedesca è stata arrestata per non aver mandato il figlio a scuola durante le ore di educazione sessuale, si è scoperto che sono ben 53 i genitori già condannati dalla Germania per lo stesso motivo. L’Alliance Defense Found, ente giuridico che difende i diritti delle famiglie tedesche davanti al tribunale dei diritti europeo, ha fatto sapere che la Corte di Strasburgo non ha accettato la richiesta di indicare misure urgenti per liberare la signora in carcere.

Romeo Astorri, preside della facoltà di giurisprudenza all’Università Cattolica di Piacenza ed esperto dei diritti fondamentali dell’Unione Europea, spiega che «il problema è lo stesso sollevato dalla Corte circa il giudizio sul crocifisso nelle aule italiane. Per la Corte di Strasburgo tutti hanno diritto d’istruzione e lo Stato deve tener conto delle opinioni dei genitori. Ciò significa di fatto, se si guardano le sentenze della Corte, garantire un’educazione “neutrale”».

Tanto che per difendere il crocifisso si è dovuto dire che «è un simbolo passivo», che non dice nulla. Ma anche avesse ragione lo Stato, la Corte non è tenuta a dire nulla circa una pena sproporzionata, come in questo caso il carcere? «Sulla questione dell’arresto la Corte non può entrare in merito: può dire solo se un diritto umano è leso o meno, ma non può imporre allo Stato come farlo rispettare. Il tribunale di Strasburgo ha parere vincolante solo per la tutela dei diritti umani, non per l’attuazione di questa». L’articolo 2 del protocollo 1, usato proprio per difendere il crocifisso, garantisce “il diritto dei genitori di provvedere all’educazione e all’istruzione dei loro figli secondo le loro convinzioni religiose, filosofiche e pedagogiche”.

«Il caso Kjeldsen – continua Astorri – che riguarda la Danimarca, parte proprio dalla denuncia di lesione di quell’articolo e aiuta a capire come si muove la Corte. In quel caso alcuni genitori ricorrevano contro le disposizioni della legislazione danese che introducevano un corso obbligatorio di educazione sessuale nella scuola primaria. I giudici di Strasburgo limitano il diritto dei genitori di chiedere per i propri figli l’esenzione dalle attività scolastiche solo nel caso in cui tali attività consistano in un effettivo “indottrinamento”, in grado d’influire sulla formazione psicologica e religiosa dell’allievo e condizionarne lo sviluppo di una attitudine critica. In tale giudizio, del 1976, la Corte europea gettò le fondamenta delle successive pronunce in materia: l’educazione è legittima se fatta “in maniera obiettiva, critica e pluralista”». Astorri quindi fa notare che nel caso specifico «sarebbe utile conoscere i contenuti specifici del corso di educazione sessuale delle scuole tedesche implicate, per provare che c’è un indottrinamento che non tiene conto dei pareri dei genitori».

Intanto, in Spagna l’associazione civile “Profesionales por la Ética” ha promosso una dichiarazione a favore della madre arrestata che è già stata sottoscritta da altre 43 associazioni di Spagna, Irlanda, Italia, Stati Uniti, Slovacchia, Kenia, Filippine, Messico, Norvegia e Germania stessa. La dichiarazione è stata inviata a tutte le istituzioni tedesche e sovranazionali. Si esorta la Germania a rimettere in libertà i genitori arrestati e le istituzioni europee a vegliare sui diritti fondamentali dell’uomo e sulla libertà di educazione.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

9 Commenti

  1. franco melchiorre scrive:

    una volta ci si chiedeva: “se Hitler avesse vinto la guerra, come avrebbe ridotto l’Europa governata da un regime nazista?” Beh, ora lo vediamo. In fondo Hitler, pur essendo morto, ha vinto la guerra! E grazie ai progressisti.

  2. mario scrive:

    Proprio quello che Brock Chisholm voleva: “Egli vedeva i genitori come dittatori e soppressori della migliore natura dei bambini e riteneva che l’educazione sessuale
    dovesse essere introdotta in quarta elementare eliminando «le idee dei
    vecchi» se necessario con la forza”. (Brock
    Chisholm, …. primo direttore della Organizzazione Sanitaria
    Mondiale e successivamente presidente della Federazione Mondiale
    di Salute Mentale ha stretti con il movimento del controllo
    demografico e i suoi satelliti in America e [nel mondo])

    Chisholm aveva sposato l’idea di un governo mondiale e
    riteneva che coloro che vi si opponevano erano dei nevrotici egoisti e
    mentalmente malati.
    Egli riteneva che la più persistente barriera allo sviluppo di un
    modo di vivere civile nel mondo era il concetto di «giusto e
    sbagliato»; un concetto che egli pensava dovesse essere sradicato.
    Codici di credenze, regole fisse oppure dogmatismo erano
    anatema per lui. I bambini dovevano essere liberati da pregiudizi
    nazionali, religiosi e culturali imposti loro dai genitori ed autorità
    religiose. ” ( Valerie Riches, autrice dell’opuscolo “Il Genocido Gentile ovvero La corruzione dei bambini” , http://www.nogenocidio.com/2009/01/genocidio-gentile/) Invano questa paladina della famiglia e dei bambini ha tentato di mettere in guardia il Mondo contro l’idea fissa, massone e noemalthusiana, dell’Unico Governo Mondiale e di un nuovo Ordine Mondiale da realizzarsi con il relativismo etico ed un rigido controllo demografico. Anche Giovanni Paolo II nell’Evangelium Vitae ha parlato di una “oggettiva congiura contro la vita”, ma i nostri intellettuali cattolici, “tanti, ma insignificanti”, come diceva Ernesto Galli Della Loggia, hanno voluto vedere in questa frase solo un’aggregarsi casuale di forze del male impersonali. Guai a parlare di complotto orchestrato contro la vita e di neomalthusiani, cioè, di Rockefeller, Ford, Packard, Soros, Turner, Bill Gates, Agnelli, Debenedetti, ecc. Ed ora il carcere a chi si oppone all’indottrinamento sessual-neomalthusiano, per colpa anche dei “…tanti, ma insignificanti”!

  3. Matilde Camagni scrive:

    In Germania continuano gli esperimenti del dottor Menghele…

La rassegna stampa di Tempi
Pellegrinaggio iStoria-Tempi in Terra Santa

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dal 9 all'11 settembre, a Mandello, torna in scena la passione dei Guzzisti. Un week-end di eventi per festeggiare il 95° compleanno del marchio dell'aquila e cominciare il conto alla rovescia che porterà al Centenario.

Più difficile a leggerlo che a spiegarlo... Sono le nuove ruote top di gamma in alluminio che DT Swiss presenterà all'Eurobike. Rivestimento ceramico, leggerezza, scorrevolezza e compatibilità tubeless a 998 euro.

La Casa giapponese è quasi pronta a immettere sul mercato la prima trasmissione a tre frizioni e 11 marce al mondo. Promette di ridurre i consumi, incrementare il comfort e garantire una rapidità sconosciuta ai cambi tradizionali.

Forme più slanciate e sportive per la Kia più venduta, giunta alla quarta generazione

Più comfort con le nuove sospensioni: è la promessa per Touring e CVO, rinnovate per il 2017

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana