Google+

E tu che rompi l’anima tutti i giorni sul Sud, ogni tanto ci torni e lo trovi insopportabile

novembre 1, 2017 Filippo Facci

Il punto non è che nelle principali metropoli italiane stanno mettendo la fibra ottica mentre in certe isolette del Sud hanno appena messo l’elettricità; il punto è che stanno progredendo sia le metropoli che le isolette del Sud

mare-città-ansa

«Ti odio perché io sono del Nord e tu sei del Sud, mondi diversi, civiltà e storia diverse, un divario che non verrà superato mai nonostante l’equivoco seguiti a far capolino dai giornali e sia fermo a un dibattito di trent’anni fa, un divario che però è fisiologico perché corrisponde alle differenze che semplicemente ci sono tra Nord e Sud, punto, e che sono storiche, ambientali, climatiche, etniche, quel che vuoi, ma che corrispondono anche alle diverse tempistiche e modalità di sviluppo che spesso ci sono tra il Nord e il Sud del Pianeta, punto.

Io ti frequento, ti conosco, ti stimo, lavoro con te, ti sposo pure, ma fa niente, perché da un polo all’altro del pianeta non esiste parallelo geografico che non corrisponda a suo modo a un divario, a un diverso contesto socio-economico dove infinite combinazioni giustificano il ritardo o l’anticipo con cui un’area giunga all’appuntamento col progresso. Ma tu te ne fotti e sotto sotto mi odi pure, perché non ti accontenti che la velocità di sviluppo non sia differenziata, non ti fai bastare che non aumenti troppo il distacco tra le due realtà. Tu ogni tanto torni al Sud, dopo averci spaccato le palle sul Sud – sempre, praticamente tutti i giorni – e trovi il Sud insopportabile, lo trovi.

Eppure nel tuo Sud ci sono stati gli stessi incredibili cambiamenti che ci sono stati al Nord, o meglio: non gli stessi cambiamenti, ma l’ampiezza della loro portata. In Italia però c’è questo cazzo di buonsensismo secondo il quale tendiamo a cimentarci nello straordinario pur difettando nell’ordinario, a fantasticare cioè su grandi opere dimenticando le fragilità e i ritardi di quelle piccole: come le ferrovie, le strade trascurate, le località escluse dalle direttrici dei trasporti, eccetera. Ma non esisterà mai un paese in cui le infrastrutture non si sviluppino con timing diversi: il punto, per dire, non è che nelle principali metropoli italiane stanno mettendo la fibra ottica mentre in certe isolette del Sud hanno appena messo l’elettricità; il punto è che stanno progredendo sia le metropoli che le isolette del Sud, capito, idiota? Ma non ci si può fermare ad aspettare tutte le tue isolette: da qualche parte si troverebbe sempre una strada dissestata, un acquedotto insufficiente, qualcosa che impedisca ad altri di fungere da locomotiva. Eliminare ogni divario tra Nord e Sud allora diventerebbe facilissimo: basterebbe, anziché premere sulla corsa del Sud, fermare o far arretrare il Nord. Come a dire: fermare la locomotiva per aspettare i vagoni. Eh no, è dal Dopoguerra che ci provate, te lo scordi».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

L'evento sarà ospitato all'interno del Parco Fellini di Rimini, oltre 25.000 metri quadrati a disposizione degli appassionati di bici, in tutte le sue declinazioni

L'articolo Italian Bike Festival, 31 agosto-2 settembre. Info e prenotazioni proviene da RED Live.

Delle monoposto a emissioni zero (245 cv in configurazione gara, per 225 km/h di velocità massima) che si sono sfidate il sabato 14 aprile lungo un tracciato cittadino di circa 2,8 km ricavato nel quartiere Eur, non si è parlato più di tanto, ancorché all’incontro capitolino del venerdì precedente abbia partecipato anche il Direttore del […]

L'articolo Renault: elettriche avanti tutta proviene da RED Live.

La Swift Sport punta a farsi largo tra le hot hatch puntando su un invidiabile bilanciamento tra telaio e meccanica. Anche il rapporto prezzo/dotazione è vincente

L'articolo Prova Suzuki Swift Sport <br> fame di curve proviene da RED Live.

Moto dotate di radar? Presto saranno realtà. Ducati ha in cantiere un ambizioso programma chiamato “Safety Road Map 2025” che prevede lo sviluppo di molti progetti a tema sicurezza, uno dei quali si chiama Ducati ARAS. Primi arrivi nel 2020

L'articolo Ducati ARAS, presto le moto con il radar proviene da RED Live.

Voglia di avventura, di scoprire nuove strade (bianche) in località toscane ricche di fascino. Senza fretta. La prima di tre tappe andrà in scena a Buonconvento il 29 aprile, in occasione della Nova Eroica

L'articolo Gravel Road Series, da aprile a ottobre. Info e iscrizioni proviene da RED Live.