Google+

«Dimettiamo Formigoni». Lo dice Beppe Grillo. Via Skype. Coi piedi a mollo nel mare sardo

luglio 9, 2012 Chiara Sirianni

«Lo tampineremo sulle barche». contro il governatore della Lombardia poche decine di persone e un messaggio video. Direttamente dalla Costa Smeralda

“Formigoni lo dimettiamo noi”. Questo il titolo dell’iniziativa svoltasi sabato, in piazza Cairoli, a Milano. È l’inizio della campagna del Movimento 5 stelle per ottenere le dimissioni del presidente lombardo Roberto Formigoni. Poche decine di persone in piazza: ci sono i cartelloni con la barca di Pierangelo Daccò, c’è un cartonato di Formigoni a grandezza naturale e in costume da bagno, con tanto di fila per farsi fotografare al suo fianco, come a Gardaland. E Beppe Grillo? È sul palco? Non proprio. Lo spiega a denti stretti Mattia Calise, consigliere comunale a Milano e astro nascente del Movimento 5 Stelle: «Interverrà tra venti minuti, via Skype».
L’ex comico si trova infatti al mare, in Sardegna, più precisamente in Costa Smeralda («voi lì a Milano con 40 gradi»). Ma la gente è scarsa, fa caldo, e un messaggio video è meglio di niente. Dopo qualche «mi senti Beppe?» «Mi sentite, grilli?» il collegamento parte. La folla sente poco. Non si vede assolutamente nulla: sul mega-schermo batte il sole. Ma tanto basta per scaldare gli animi. Dallo schermo di un piccolo computer Grillo annuncia una «guerra senza esclusione di colpi», perché «Forminchioni se ne deve andare».

Il motivo? I toni sono sobri, come di consueto: «Sorride come un chierichetto stuprato dal parroco», tuona Grillo, «questa è gente che oltre a essere incompetente è in bancarotta mentale, che va schiodata. Se non lo facciamo con le leggi lo faremo in altre maniere». Vale a dire? «Andremo al Pirellone tutti i giorni, con le pentole, lo tampineremo sulle barche, nei porticcioli, nelle ville, sempre. Lo massacreremo ai fianchi fianchi fino a quanto non sarà esaurito fisicamente e psicologicamente».

In attesa di sapere se Grillo inizierà a “tampinare” il governatore direttamente da Portocervo, Formigoni ha così risposto al comico: «Aspetto Grillo. Mi ha dichiarato guerra in contumacia perché non era presente, ma vorrei ricordare di averlo già sfidato alle elezioni regionali del 2010 dove ha preso l’1,5 per cento». Il vicepresidente del Pdl alla Camera, Maurizio Lupi, ha stigmatizzato l’attacco «scomposto e sconclusionato» del comico genovese. «Non meriterebbe repliche. Nonostante questo vorrei ricordare a Grillo che la democrazia partecipata, che lui dice di difendere, ha premiato per più volte Formigoni confermandolo alla guida di una delle Regioni più importanti d’Italia. E questo è avvenuto per la buona amministrazione di questi anni. I lombardi sanno riconoscere chi ha ben governato».

Per il presidente del gruppo del Pdl in Regione, Paolo Valentini, si è trattato di «un colossale flop, nonostante il ripetuto traino offerto dai principali organi di stampa. Grillo stesso non ha partecipato direttamente, ma a preferito starsene rintanato al sole della Costa Smeralda, dimostrando di non credere nemmeno lui, e fa bene, alla caduta di Formigoni». E l’intervento? «Solo insulti. E ignoranza, visto che ha parlato dei bond greci, dimenticando che con l’operazione bond la Regione ha risparmiato diversi milioni di euro». Nessuno sembra però notare la contraddizione, nemmeno sul web, che difende il leader sempre e comunque. Tranne qualche voce isolata: «Sarò sempre dalla parte di Grillo, ma mi sorge un dubbio. Un gruppetto di gente normale, sotto 40 gradi all’ombra a protestare contro uno che ha fatto una vacanza in Sardegna. A ribadire il concetto c’è Grillo, che si gode una vacanza in Sardegna. Giustamente, tra l’altro, un po’ di meritato riposo. Ma non vi sembra un tantino paradossale?»

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Luigi Lupo scrive:

    Grillo è in vacanza in Sardegna e magari la vacanza se la paga e tiene le ricevute, e dei politici di rango fanno i commenti su una iniziativa del movimento 5 stelle.
    Intervengono: il vicepresidente della camera, noto politico coerente basta vedere come ha votato sul caso Ruby, e il presidente del gruppo PDL alla regione Lombardia.
    Ma se al raduno c’erano poche persone, tranne quelle in fila per la foto con Formigoni, quante persone di rango del PDL sarebbero intervenute se al raduno fossero stati di più? Penso che si sarebbe scomodato addirittura LUI il Berlusca, festino permettendo.
    Il celeste non è intervenuto, forse è in vacanza, speriamo tenga le ricevute.
    Penati non ha fatto commenti, sa che lui è del PD e non del PDL, nonostante la digestione delle cozze pelose sa ancora distinguere.

  2. libero scrive:

    Se prima o poi dovessi conoscere uno che tiene le ricevute delle vacanze credo proverei per lui molta tristezza. Come le avrà passate?
    Grillo poi, come ognuno, da quello che ha; lui sembra dare proprio poco ma, ahimè, è il suo massimo. L’importante è accorgersene e non berle proprio tutte, perchè qualora dovessimo iniziare a credere che gli asini volano avremmo rinunciato definitivamente all’uso della ragione.
    Pensando poi a grillini, fatto quotidiano, repubblica, il giornale, libero, corriere & co., mi viene in mente C.T., quelo che scriveva sui marciapiedi di Milano. Ricordate? “Popolo bue, ti uccidono coll’onda…”

    Aiutiamoci, perchè non è bello seppellirci a vicenda con largo anticipo…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana