Google+

«Io voglio aiutare i ragazzi a diventare santi». Intervista al vescovo di San Francisco, “colpevole” di essere cattolico

marzo 6, 2015 Benedetta Frigerio

Attaccato perché ha chiesto di insegnare la morale cattolica nelle scuole cattoliche, Salvatore Joseph Cordileone ci spiega perché è stato criticato dai media e lgbt Usa

cordileone-joseph-salvatore«C’è una grande confusione e una rinuncia a usare la ragione e a conoscere i fatti. Dicono che sono irremovibile, ma io non posso venire meno al mio compito di vescovo e pastore che deve difendere i più deboli dalla menzogna. Ho sempre ascoltato tutti. Ho spiegato di essere disposto ad aggiungere al regolamento altri punti della dottrina e ho sottolineato la differenza fra pubblico e privato, fra peccato e peccatore». Il “regolamento” di cui parla l’arcivescovo di San Francisco Salvatore Joseph Cordileone con tempi.it è quel documento che lo ha fatto finire in queste settimane sui maggiori giornali statunitensi. Persino il New York Times ne ha parlato e non certo per mettere in buona luce l’alto prelato che porta nel suo cognome chiare origini italiane. Nominato il 27 luglio del 2012 da papa Benedetto XVI a capo di una delle diocesi più liberal d’America, Cordileone non ha mai nascosto le sue idee e non è la prima volta che si trova a difendere pubblicamente la morale cristiana. Questa, volta, però, il caso è del tutto particolare, anche perché ad attaccarlo non ci sono solo i media progressisti o gli attivisti delle associazioni gay, ma gli stessi cattolici.

LE PROTESTE: «SI DIMETTA». Tutto è cominciato il 3 febbraio scorso, quando Cordileone ha dovuto mettere mano al rinnovo dei contratti degli insegnanti delle scuole superiori cattoliche della diocesi. «Il contratto – spiega – deve essere revisionato ogni quattro anni e io ho deciso di inserire diversi punti dottrinali su cui oggi si fa molta confusione, chiedendo che i docenti non li contraddicessero in aula e nella loro vita pubblica». Niente di strano. «Ho semplicemente ribadito che occorre seguire il magistero cattolico». L’arcivescovo ha, infatti, ricordato quale sia la posizione della Chiesa e del catechismo in merito alla morale sessuale, la contraccezione, l’uso delle cellule staminali. È scoppiato un putiferio. Un gruppo di docenti, genitori e alunni ha accusato Cordileone di tradire il Vangelo e di alimentare la discriminazione e la paura. Il Mercoledì delle ceneri è stata organizzata una fiaccolata di protesta davanti alla cattedrale di St. Mary in cui è stata data voce a uno studente omosessuale che ha detto: «Siamo qui a pregare che il cuore del vescovo si converta». Il giorno prima, un gruppo di legislatori democratici gli ha inviato una lettera chiedendogli di dimettersi. Diverse associazioni Lgbt lo hanno attaccato e nella campagna mediatica si è persino fatto avanti Sam Singer, uno dei più maggiori strateghi della comunicazione statunitense: «Stiamo tutti pregando perché papa Francesco rimuova l’arcivescovo di San Francisco».

«PROPONGO LA SANTITA’». «Dicono che fomento l’odio – spiega Cordileone a tempi.it -, ma non capiscono che la condanna dell’errore non coincide con quella della persona. Anzi, come ho ribadito, si condanna il peccato per amore della nostra fragile umanità». Un’umanità sempre più soggetta «alle continue sollecitazioni della mentalità che spinge verso condotte contrarie alla dignità dell’essere umano: mi sono mosso solo per amore verso i nostri ragazzi perché possano vivere da santi».
C’è un antefatto poco conosciuto, ma che spiega quali siano le intenzioni pastorali dell’arcivescovo nei confronti degli studenti e dei docenti delle scuole cattoliche. All’inizio dell’anno accademico, Cordileone parlando ai professori spiegò che i giovani che ogni giorno si incontrano in aula non sono una generazione perduta, come spesso si è portati a credere, ma che anche loro possono raggiungere grandi mete, se solo qualcuno è disposto a indicare loro una via. «Dobbiamo aiutare i ragazzi a diventare santi. Siamo qui per questo. E come si comincia? Bisogna partire dalle virtù eroiche dei servi di Dio che sono l’umiltà e la castità, non come rinunce ma come frutto dello sguardo sul nostro prossimo, creatura di Dio e, dunque, non manipolabile ma degno di rispetto». Dopo quel discorso, ricorda l’arcivescovo, molti professori «chiesero di parlarmi. Incontrai tanta gente di buona volontà che voleva capire come presentare a tutti queste virtù con decisione e carità». Oggi, però, dove sono? «Non mi stupisco che abbiano paura a mostrarsi pubblicamente. In queste quattro settimane sono stato attaccato da tutti i maggiori media, si è creato un clima da caccia alle streghe che penso abbia intimidito la maggioranza».

IL SOSTEGNO. Lui, da par suo, non indietreggia di un millimetro. «Quei politici che mi hanno accusato di voler controllare la condotta privata degli insegnanti, mentono. A loro ho risposto così: “Assumeresti come leader della tua causa qualcuno che parli e agisca pubblicamente contro il partito democratico? Assumeresti un repubblicano che insegni e agisca pubblicamente contro il tuo proposito? Se la risposta alla prima domanda è ‘sì’ e alla seconda è ‘no’, siamo d’accordo”. Io rispetto il tuo diritto ad assumere chi vuoi per portare avanti la tua missione. Semplicemente chiedo lo stesso rispetto».
Oggi l’arcivescovo ammette di sentirsi «spesso solo», anche se sente il sostegno di tanti che gli scrivono. «Ricevo lettere di fedeli da tutti gli Stati Uniti, incontro molti parrocchiani che pregano per me e anche altri preti e vescovi. A non farmi indietreggiare sono la loro vicinanza e le loro preghiere».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

52 Commenti

  1. Paolo Venisi scrive:

    Bene!
    Questo episodio dimostra chiaramente come la volontà di istituire scuole da parte della chiesa sia in realtà rivolta al proselitismo e all’indottrinamento dei giovani come qualunque setta da quattro soldi.

    Shiva101 non mente mai!

    • Cisco scrive:

      @Venisi
      Compresa la setta degli anticlericali, la quale da almeno tre secoli tenta di espropriare la Chiesa e le famiglie cattoliche della propria facoltà di educare invio ani come meglio credono. La libertà di educazione e’ fumo negli occhi per qualunque dittatura, compresa quella giacobino-laicista che ami tanto (e che ti ha indottrinato molto meglio di quanto non sia riuscito a fare Cordileone).

    • Giannino Stoppani scrive:

      Shiva bello, la volontà della Chiesa di divulgare il Vangelo non mi pare sia mai stata negata da Tempi o da noialtri che di solito interveniamo su questo sito, anzi direi che, al contrario, qui si tende piuttosto a criticare chi, nella Chiesa, questa finalità essenziale tende a perderla di vista per piacere al mondo (basta leggere questo articolo).
      Solo un perfetto ebete, inoltre, può pretendere che nelle scuole cattoliche o luterane o dei testimoni di Geova non si insegni a vivere da cattolici, da luterani o da testimoni di Geova, altrimenti, prima di vedere certe maestre sciamannate far sfilare figli in testa alle manifestazioni della CGIL, la gente sarebbe disposta a spendere i propri quattrini per andare in Vanzenzuela a comprare i diplomi un tanto al chilo.
      Insomma, tu credi di aver scoperto il segreto del Codice Da Vinci e invece hai fatto la solita figura da cioccolataio.

    • Tommasodaquino scrive:

      Bene! Questo dimostra che volete fare lo stesso anche nelle scuole che non vi appartengono!

    • Emanuele scrive:

      …visto che ci sei, perché non rispondi alle osservazioni sulla costituzione sull’altro thread invece di trollare?

  2. Edo scrive:

    Finalmente un vescovo che fa il vescovo!

  3. Cisco scrive:

    Gli USA sono il supermercato delle religioni, ormai anche il cattolicesimo ha perso la propria identità: la protestantizzazione avanza impietosa, a maggior ragione dove il protestantesimo ha messo le proprie radici come versione liberal del calvinismo. Non resta che continuare a pregare per noi stessi e per questi grandi testimoni della fede che vengono linciati da sedicenti amanti del prossimo.

    • Geppo scrive:

      Concordo e aggiungo che l’Europa si sta avviando nella stessa direzione : l’economia e il Pil sono i riferimenti. Grazie agli usa.

    • Raider scrive:

      Cisco, ho sempre combattuto i protestanti sul piano dottrinale, ho polemizzato con loro, buttarla in politica non lo trovo sensato. Conosco pentecostali e protestanti di altre cofessioni – buddisti, induisti, islamici – che si disinteressano della politica; altri, no e votano per partiti di Destra, di Sinistra e Centro: tutti sembrano soddisfatti delle loro scelte di fede. Certi cattolici si convertono perché non lo erano più di tanto neppure prima; altri, perché, diciamo così, non trovano rispondenza nella Chiesa e sono, di solito, quelli più intransigenti sul piano etico; altri ancora sperano che la conversione possa rivelarsi redditizia sul piano pecuniario: come mi dicono amici e conoscenti protesanti, che sanno benissimo su cosa si fondino scelte di questo tipo, non avevano fede prima e la perdono sempre, dopo un po’, senza aspettare che i soldi arrivino o che finiscano.
      Ma lo stesso discorso delle conversioni a convenienza possono farsi per l’Islam in Africa, così che – per fare un esempio – Etiopia e Eritrea, dove l’Islam era, fino a pochi decenni fa, circoscritto alla Dancalia, si stanno islamizzando di gran fretta. Nessuno scandalo, in questo caso. Sull’uso politico-religioso del welfare islamico – gli sceicchi non spendono/investono una lira per le zone colpite da calamità, se non c’è trippa per islamici -, scoperta, peraltro, recente da quelle aperti, sulla scorta delle istituzioni umanitarie occidentali, si potrebbe discutere altrettanto a ragione. Non facendolo – cosa lecita, sia chiaro – si avvalora la solita tiritera stucchevole anti-U.S.A. e anti-occidentale: liberissimi di darsi a questa pratica sportiva complottista: ma che senso ha? Le statistiche dicono che, nel giro di qualche generazione, soldi o non soldi, politica o economia, sport e spettacolo, l’Europa diventerà Eurabia più di quanto non lo sia già. La cosa non allarma, sembra, chi si preoccupa delle serti del Cristianesimo: e allora, tutti addosso all’Occidente e agli U.S.A., che ci si fa bella figura – con islamici e filo-islamici che ci sottometteranno, eh, Cisco?

      • Cisco scrive:

        @Raider
        Mi perdoni, ma non mi pare che sia io a
        buttarla in politica! Il mio e’ un discorso prettamente religioso, non ho mai fatto cenno a questioni politiche e non sono affatto anti americano. Piuttosto apprezzo persone coraggiose come Cordileone, che deve combattere non solo il protestantesimo vero, ma anche quello strisciante dentro il mondo cattolico! Dover essere costretto a parlare di islam anche quando si giudica l’operato di un vescovo di Santa Romana Chiesa, questa si mi sembra un’ossessione anti-islamica!

        • Geppo scrive:

          Scusi Cisco se mi permetto ma credo che raider si riferisse al mio commento e raider non sopporta gli anti americani, a prescindere , come diceva Totò. Se a me gli usa non stanno simpatici dovrei renderne conto a raider ? (Le ammazza stecchite…)

        • Raider scrive:

          In America, su molti temi, come la difesa della vita e della famiglia ‘tradizionale’, vi sono confessioni protestanti schierate sulla stessa linea della Chiesa: più di quanto non lo siano non pochi preti e molti cattolici qui da noi: e a proposito di islamici, beato chi li vede, se c’è da difendere i valori non negoziabili.
          Abbiamo visto, però, di che sono capaci quanto a difendersi da dodici vignette: e abbiamo visto l’esultanza di tanti loro fan anche su questo blog: dove, altro che Cordileone!, gente di questa risma dà del protettore di corruttori a San Giovanni Paolo II, del massone a papa Giovanni XIII, del protettore degli ebrei a Pio XII e del fomentatore di umori pro-islamici a don Giussani. Mi sembrava che la sua lettura del protestantesimo in chiave esclusivamente liberal fosse riduttiva e precocetta: e che il pericolo per l’Occidente sia l’Islam, che, nella stessa America, come è detto in un altro thread, ottiene che sia festeggiato il Ramadan, mentre il Natale è rimosso come un ingombrante residuo del passato. A lei sembra che fra le due cose, radicalismo politicamente correwtto e islamismo in nome del mutliculturalismo, non vi sia relazione. Ne prendo atto.

          • Cisco scrive:

            @Raider
            Il pericolo islamista e’ certamente più grave di molti altri: e in realtà penso che esista eccome una relazione tra radicalismo nichilista e islamismo in nome del mutliculturalismo, ma semplicemente mi sembrava che esulasse dal tema dell’articolo in questione. Il fatto e’ che per combattere certo radicalismo – causa principale della mollezza occidentale – non si può far leva solo sulla difesa della ragione (cioè dei principi non negoziabili) – ma occorre testimoniare la fede anche attraverso le proprie opere e la propria unità di vita. Il protestantesimo (anche nella versione eretica presente nella stessa Chiesa) ha come conseguenza l’individualismo, che è la premessa del soggettivismo valoriale e comportamentale e che ha come esito o il politicamente corretto (la maggioranza) o la difesa a oltranza di valori senza tuttavia sottolinearne l’incarnazione in una presenza contemporanea. L’Islam si combatte se i cristiani sono uniti, non se predicano il libero esame della Bibbia così come fanno i musulmani con il Corano.

            • Raider scrive:

              Quello che scrive è talmente vero e condivisibile, che parlavo di altro, Cisco. Qualche mio amico d’infanzia e alcuni miei conoscenti sono entrati nelle chiese protestanti, di cui, come può immaginare, non penso benissimo: sulla dottrina come sulla storia del Protestantesimo discutiamo in modo – può immaginare anche questo – piuttosto acceso. Ma nessuno di loro si è convertito per denaro, come viene dato per scontato da tanti che sono portati a attribuire ragioni venali al prossimo: e devo ammettere che questi neofiti vivono la loro fede in maniera intensa e autentica, come, mi dicono, non gli accadeva più nella nostra Chiesa. Molti di loro non votano; altri, sì e per Partiti diversi. Sono piuttosto uniti e la dimensione comunitaria è ritenuta un fattore indispensabile per la salvezza: nessuno si salva da solo, ripetono. Sulla difesa dei valori cristiani nella sfera pubblica sono intransigenti: alcuni di loro, forse perché non dimentichi della comunione cattolica, sostengono di riconoscere al papa un primato in ordine di rappresentanza della fede cristiana. Certo, sono molto meno “rispettosi” del Papa molti cattolici, sia progressisti che tradizionalisti.
              Naturalmente, concordo anche su quello che lei scrive alla fine: le minacce alla libertà e alla fede cristiana – non esclusivamente cattolica – vedono convergere, di fatto – non sono un complottista -, radicalismo nichilista e islamismizzazione in atto nei Paesi occidentali.

  4. Paolo Venisi scrive:

    Soltanto un truffatore si approfitta dei bambini e dei minoremni per fare indottrinamento e renderli propri adepti.

    Se volete fare proselitismo fatelo con chi è adulto e consenziente.

    A voi interessano i bambini altrimenti sparite in una sola generazione.

    • Cisco scrive:

      @Venisi
      In effetti ammetto che le lobby LGBT hanno tracciato la via dell’indottrinamento infantile in maniera molto più efficace di certi cattolici. Ma vedi, il problema e’ che si vive anche prima di diventare adulti, e un figlio inizia a farti domande molto prima della maggiore età: quindi chiunque voglia “indottrinare” (ma io preferisco educare), inizia a farlo fin da subito, in primo luogo con l’esempio. Senza nessun manuale in cui si insegna la masturbazione o la possibilità di scegliere se diventare maschietti o femminucce.

    • To_Ni scrive:

      @Shiva101
      ignorando il concetto di “educazione” che ogni persona deve ricevere per non pagare lo scotto di essere un ebete come te, la confondi con “l’indottrinamento”. Questa valla a cercare tra i sudici promotori di un programma di educazione sessuale a partire da 4 anni, con tanto di giocattoli a forma organi sessuali. Giocattoli di cui sono sicuro ne hai pieno un armadio.

      PS- Hai iniziato presto oggi (06:07) con le minchiate.

  5. maurizio scrive:

    Venisi o Shiva101,come preferisci..in questa restante parte della Quaresima pregherò tanto per te,per la conversione del tuo cuore(come sto facendo per il mio)..perché,vedi,anche se te lo sbeffeggi(“ogni volta che farete questo ad ognuno di questi piccoli-tutti siamo piccoli,cioè fragili e bisognosi di essere perdonati e salvati da Dio-lo farete a me)o pensi di poterne fare a meno,magari vantandotene di ciò-come abitualmente fai anche per darti una posa…Lui é li,accanto a te,che ti cerca,bussa alla porta del tuo perché,che ti piaccia o no,Lui-Lui non Shiva101 che é solo una sigla di comodo perché é certamente più impegnativo ma altrettanto certamente meno restrittivo ed anzi dà un respiro più grande e ragionevole,conveniente al proprio esistere-Lui,nostro Padre e Creatore,é venuto tra noi,si é fatto uno di noi,per noi-per me e per te,sì anche per te(puoi dire altrettanto di Shiva 101,chiunque sia,fosse anche una proiezione di te,dietro cui nasconderti)é morto e risorto. Questa é la Pasqua e per ciò é detta Santa e per questol’Arivescovo di S.Francisco-che straordinaria coincidenza,non certo casuale (perché nulla accade per caso e tutto é voluto per il nostro bene)uno mandato in una città che porta il nome di S.Francesco e che si chiama Cordileone! Avrai,di certo,sentito parlare di Francesco d’Assisi:era uno che amava la vita cosiddetta spensierata ed un po’dissoluta,a cui piacevano la spada e le donne…be’ad un certo punto Dio l’tirato giù da cavallo cioè dalla sua autosufficienza e leggerezza di vita-davanti a suo padre e alla gente di Assisi di é-letteralmente non metaforicamente-spogliato di tutto…dimenticavo c’erano anche il Vescovo e i chierici di allora(i più scandalizzati di ciò ma anche i più pronti poi a proteggerlo).Perché l’ha fatto? Perché,per un attimo ha aperto il suo cuore e Gesù(non Shiva101)é entrato nel suo cuore con la forza di un vento di bora…in realtà si chiamava Spirito Santo…affidandogli come compito quello di ricostruire la Sua Chiesa.Francesco ha pensato,per un attimo che Dio si riferisse alla piccola chiesa di S.Damiano,un po’diroccata-noi pensiamo subito all’apparenza delle cose riducendo cosi il nostro vero,intimo e profondo desiderio-poi ha capito di quale missione il Signore l’aveva investito,dentro una realtà-cristiana alla superficie ma pagana(non tutta,per grazia di Dio) nei comportanti e nei fatti..le guerre tra città e le lotte fra fazioni della stessa città erano all’ordine del giorno- investito,dicevo,del gravoso ma entusiasmante(per lui)compito di ricostruire le fondamenta ed il cuore della realtà Chiesa.É lo stesso compito-che analogia profonda e sconvolgente tra le due situazioni,così lontane nel tempo ma così simile nel loro dato costitutivo-.Anche questo un caso..no!..Dio sa bene come muoversi(e Shiva 101?)e provvede come é giusto e bene che sia per quella realtà.Per questo pregherò tanto anche per Mons Cordileone e per tutti i cristiani di quella città,anche e soprattutto per quelli che gli sono fieramente avversi. Buona Pasqua a te Paolo Venisi e a tutti
    p.s:se qualcuno pensa che io sia un prete alle prese con la sua predica domenicale,lo tranquillizzo subito..niente di tutto ciò..sono un semplice peccatore come tutti che,anzitutto per sé,chiede questa conversione del cuore per proseguire con più slancio,passione e certezza sulla strada della santità cioè dell’incontro ultimo e definitivo con quel Dio misericordioso che mi ha voluto e amato,per sempre.Ciao!!

    • riccardo scrive:

      lasci stare venisi, non perda tempo, ha un demonio poverino (poverino il demonio).
      Ma se preghiamo in tanti presto sarà liberato.

  6. Roberto scrive:

    speriamo che il Papa intervenga a sostenere questo vescovo!!

    • yoyo scrive:

      Lo fa già ogni minuto che passa senza rimuoverlo. 10, 100, 1000 Cordileone a difendere la sana dottrina!

  7. daniperri scrive:

    Qualcuno di questi “fedeli” californiani ha presente che in quanto cattolici si deve obbedienza all’autorità, anche se non sempre si è in sintonia? Del resto quanto espresso da cardinale non è in alcuno modo criticabile. E’ tempo che ci si svegli dal torpore indotto dal pensiero unico.

  8. Alberto scrive:

    Come vorrei un Papa così…

  9. Emanuele scrive:

    venisi, Shiva 101… please, don’t feed the troll. ..

    • Fran'cesco scrive:

      Emanuele, quoto al 100%.
      La sua consistenza e’ sotto gli occhi di tutti, non serve nemmeno controbattere.

  10. Guido scrive:

    La questione è che non solo l’umanità, ma molta parte della stessa Chiesa hanno dimenticato Cristo.
    Cristo è il grande assente dal cuore dell’uomo contemporaneo. Ogni evento come quello di San Francisco – ma ogni giorno si contano innumerevoli manifestazioni che vanno dall’intolleranza all’aperta violenza contro i cristiani in ogni parte del mondo – ne è la conseguenza.
    Prima si voleva impedire ai cristiani di vivere e testimoniare i propri valori nella società, oggi si mette in dubbio che nella stessa Chiesa questo sia possibile. Un’evoluzione orribile delle società “democratiche” che minaccia tutti, non solo i cristiani.
    Viene richiamata di continuo la necessità di un dialogo, ma senza spiegare se non con categorie sociologiche quale dialogo sia possibile con chi abbia abbracciato in maniera cosciente e responsabile un’ideologia di violenza e di disprezzo dell’uomo.
    La parola “testimonianza”, che parte dalla propria consistenza umana di uomini di fede che sanno da dove vengono e dove andare e sono fedeli alla propria identità, è la risposta vera e può essere giocata ad ogni livello: nella propria famiglia, nell’educazione dei propri figli, nel fare informazione e cultura, nella politica e nella difesa dei valori non rinunciabili, nel reagire se necessario alla violenza contro la propria libertà e l’autodeterminazione di un popolo, di una confessione religiosa.

  11. marco scrive:

    Assistono con indifferenza ai cristiani massacrati,ma pronti a tutto per non “offendere” gli islamici,e vorrebbero anche imporre ai cattolici come essere cattolici.

  12. Paolo Venisi scrive:

    xMaurizio

    Shiva101 sa muoversi molto meglio del tuo creatore.. Shiva101 non avrebbe MAI obbligato le creature viventi a scannarsi a vicenda per sopravvivere..

    xCisco

    Si è vero, prima di essere adulti si è bambini ed è proprio in quella fase che bisogna fornire gli strumemti affinche possano DA GRANDI scegliere la PROPRIA religione SE lo vorranno.

    Ma voi no, preferite plagiare i bambini affinché siano da adulti cattolici e sottomessi all’autorità vaticana.

    Shiva101 è la Sapienza!

    • Emanuele scrive:

      Caro Mr. sapienza, perché non rispondi anche all’altro thread sulle paritarie? …la Costituzione non la vuoi più difendere?
      http://www.tempi.it/le-detrazioni-per-chi-manda-i-figli-alle-paritarie-a-sinistra-qualcuno-inizia-a-usare-la-testa

      inoltre, perché la diffusione del cristianesimo supera il tasso di crescita della popolazione (quindi ci sono molti adulti che si convertono)? Compresi paesi dove essere cristiani vuol dire rischiare la vita?

      inizia a crescere, smettila di trollare e ragiona un po’… per Shiva!

    • Emanuele scrive:

      Caro Mr. sapienza, perché non rispondi anche all’altro thread sulle paritarie? …la Costituzione non la vuoi più difendere?

      inoltre, perché la diffusione del cristianesimo supera il tasso di crescita della popolazione (quindi ci sono molti adulti che si convertono)? Compresi paesi dove essere cristiani vuol dire rischiare la vita?

      inizia a crescere, smettila di trollare e ragiona un po’… per Shiva!

      • Paolo Venisi scrive:

        Ma ragiona tu!
        Secondo te come vengono contati i cristiani/cattolici?

        Dimmi un po con quale criterio…..

        Per voi la libertà è la fine del vostro potere.

        Shiva101 è la Conoscenza!

        • Emanuele scrive:

          …con lo stesso criterio con cui vengono contati gli atei, la demografia. .. quindi?

          comunque vedo che l’omnisapiente Shiva è molto bravo a porre le domande, meno a dare risposte (aspetto ancora la risposta sulla costituzione. ..)… diciamo che Shiva non è omnieducato, dato che domandare è lecito, rispondere è cortesia.

          interessante anche il tuo concetto di libertà. .. uno stato è libero di inculcare ai bambini l’educazione che vuole (filo massonica, illiberale, omologata, schiava delle lobby), i genitori non sono liberi di scegliere che educazione dare ai loro figli. .. Ci spieghi un po’, o onnipotente, come funziona questa libertà a corrente alternata. ..

          perché, più che libertà sembra molto la legge del più forte… scenda un attimo dalle nuvole il dio-troll e ci illumini.

        • Emanuele scrive:

          …come si contano gli atei, con le scienze demografiche…. quindi?

          Mi pare poi che l’onnisciente shiva preferisca però fare domande ed evitare di rispondere (infatti, ancora aspetto al risposta sulla Costituzione che fino l’altro ieri difendevi a spada tratta, oggi si vede non va più di moda…) Mi sa che questo shiva non sia omnieducato, dato che domandare è lecito, rispondere è cortesia…

          Sarebbe anche interessante che l’onnipotente ci spiegasse come mai uno stato è libero di inculcare ai bambini qualunque insegnamento (filomassonico, illiberale, servo delle lobby, antistorico, etc.) mentre i cittadini non sono liberi di insegnare ai loro figli cosa gradiscono (cosa peraltro prevista dalla nostra solita Costituzione)… mi pare che questa libertà sia un po’ a corrente alternata.

          Sarebbe utile che il deo-troll scendesse dall web e ci spiegasse come funziona questa libertà, dato che a me sembra molto simile alla legge del più forte…

          • Paolo Venisi scrive:

            L’insegnamento e l’indottrinamento sono due cose DIVERSE!

            Shiva101 ti comanda: fai un corso di educazione civica!!

            Le scienze demografiche NON hanno nulla a che vedere con la religione,
            i cattolici dichiarati sono solo il 30% scarso almeno in Italia.. come fate ad arrivare ad UN miliardo??

            e infatti nelle chiese non ci sono UN miliardo di persone!!

            Sicuro che no nfate i conteggi tramite i registri battesimali?

            Perchè quello è l’UNICO modo per arrivare a quella cifra!

            E infatti SI LEGGE:

            “Riguardo alle statistiche sulle religioni presenti in Italia esiste un problema di calcolo dovuto al fatto che i numeri dei credenti vengono spesso elaborati sulla base dell’ufficialità dell’adesione alle varie religioni attraverso riti quali per esempio il battesimo.”

            Ahahaahah… alla faccia delle tue ricerche demografiche!

            SHIVA101 è la Verità, convertiti!

            • Emanuele scrive:

              …tu hai dei seri problemi mentali… sei sicuro che gli spinelli siano completamente innocui?

              Cosa c’entra il fatto che in Italia si dichiarino cattolici il 30% con il fatto che al mondo ci siano un miliardo di cattolici… che se poi estendiamo questo 30% alla popolazione mondiale arriviamo oltre i due miliardi… cosa volevi dire lo sai solo tu…

              Secondo, dovresti distinguere tra cristiani “simpatizzanti” e “militanti” come dovresti farlo per gli atei… infatti, anche gli atei “duri e puri” come Odifreddi vanno alla messa (purché celibri il Santo Padre) e scattano sugli attenti quando al telefono c’è il Papa… Questi li contiamo tra gli atei o no?

              E infatti SI LEGGE: …” Si legge dove? Su wikipedia? non ha fonti più attendibili l’onniscente Shiva? E, volendo seguire il tuo ragionamento, vorresti dire che chi non è battezzato è ateo? oppure che se uno si dichiara non praticate è ateo? …dove sta scritto?

              guarda un po’ dall’alta tua sede quanti sono gli ATEI dichiarati in italia (non quelli buttati nel gruppo da UAAR e Odifreddi solo perché non praticanti…)

              Poi, visto che in giro ci sono individui fuori di testa come te, non mi meraviglio che alle interviste molti si dichiarino non praticanti o disinteressati se non atei…

              P.S.
              Aspetto ancora la risposta sulla costutuzione… l’onnipotente shiva è forse sordo da questo orecchio?

            • To_Ni scrive:

              Shiva101….

              la colpa non è tua, è la carenza di personale e la mancata assistenza che subisci il sabato e la domenica. Poi so che ancora non ti è passata la sbornia di pillole che hai scambiato per caramelline colorate. Non ti preoccupare, è in un certo senso normale che, dopo che ti hanno portato a discutere con l’Unicorno a puà (rosa) e con il Grande Puffo, diventi verità, conoscenza ecc. Non ti hanno fatto la lavanda gastrica? Se la risposta è no nelle prossime ore pretenderai il premio Nobel per aver inventato l’alabarda spaziale di Goldrake.
              Ti sono vicino, se hai bisogno chiamami.

    • Cisco scrive:

      @Venisi
      E come pensi di fornirgli quegli strumenti, se non attraverso una proposta chiara basata su quello che credi? Forse pensi che l’educazione cattolica sia tale per cui uno da grande non possa scegliere di fare quello che gli pare? Forse che tutti coloro i quali hanno avuto un’educazione cattolica sono diventati cattolici? Stai scherzando vero?

      • Emanuele scrive:

        …purtroppo non scherza… è fuori di brutto…

      • Paolo Venisi scrive:

        “Forse che tutti coloro i quali hanno avuto un’educazione cattolica sono diventati cattolici?”

        Certo che SI! . .da grande NESSUNO può uscire senza problemi dalla chiesa,
        è per questo che si parla di INDOTTRINAMENTO,
        ovvero una forma di plagio mentale e di CONDIZIONAMENTO e di IGNORANZA in base ai quali non si è piu LIBERI di fare una propria scelta.

        Fin da nenonati imponente la vostra religione (indirettamente anche nelle scuole) e per almeno 15ANNI si viene di fatto pressati e obbligati a seguire ogni RITO possibile
        e non si conosce e non si sperimenta NESSUNA ALTRA religione.

        In pratica a 16 anni circa si sono assorbite tutte le scelte che dovrebbe fare un adepto adulto e consenziente,
        invece voi PRIMA fate effettuare ogni tipo di conferma e di ritualizzazione e DOPO quando ormai si è GIA CATTOLICI PRATICANTI si consente di fare una blanda opposizione (che NON consente il definitivo abbandono della chiesa) a scapito di un ENORME fatica per seguire pratiche burocratiche lunghe, subire contrasti familiari, sensi di colpa con l’inevitabile sensazione di RINNEGARE tutte le esperienze fatte nella propria infanzia e…..
        di … “far piangere Gesù”.. costantmente esposto crocifisso sotto gli occhi di tutti.

        Siete PEGGIO dei TdGeova.

        Facciamo una prova: non imponente la vostra religione, bettezate solo i maggiorenni e Shiva101 vi assicura che SPARITE in una sola generazione.

        — xEmanuele

        Sei sicuro che l’incenzo che respiri in continuazione sia del tutto innocuo?

        In Italia il 30% è la parte stimata dei cattolici praticanti ma risulta essere per MAGIA la religione di TUTTI gli italiani,
        con quella stessa MAGIA create la cifra di un miliardo.
        CAPITO adesso?

        Quella magia si chiama IMBROGLIO come vi ho DOCUMENTATO sopra tramite la Wikipedia che se volete potete tranquillamente confutare.

        Orami vi resta solo questo: fare finta di non capire e….. prendervela con gli atei!

        • To_Ni scrive:

          Shiva 101

          ma che parli di indottrinamento. :-) Nella massa di idiozie riversate in maniera compulsiva e senza filtro della decenza, assommi, nella migliore delle ipotesi, tutti i più beceri luoghi comuni che una propaganda, formulata su misurai per quelli con un QI pari al tuo, ti ha installato nei 25 neuroni che hai in quella scatola messa sopra agli occhi.

          Ma rileggi quello che scrivi per renderti conto che farnetichi? Che non sei in grado di CAPIRE – DOCUMENTARE niente perché neanche Wikipedia riesci a leggere e trarne qualcosa con un senso compiuto.

          Chiudi questa giornata ,…. vai a dormire.

        • To_NI scrive:

          E pensare che la vita di una bestia come te verrebbe in ogni circostanza difesa dalla Chiesa.

          • Giannino Stoppani scrive:

            “E pensare che la vita di una bestia come te verrebbe in ogni circostanza difesa dalla Chiesa”

            Sì, ma prima dovrebbe penare non poco per risolvere il conflitto di competenze con Maria Vittoria Brambilla.

  13. Emanuele scrive:

    …con lo stesso criterio con cui vengono contati gli atei, la demografia. .. quindi?

    comunque vedo che l’omnisapiente Shiva è molto bravo a porre le domande, meno a dare risposte (aspetto ancora la risposta sulla costituzione. ..)… diciamo che Shiva non è omnieducato, dato che domandare è lecito, rispondere è cortesia.

    interessante anche il tuo concetto di libertà. .. uno stato è libero di inculcare ai bambini l’educazione che vuole (filo massonica, illiberale, omologata, schiava delle lobby), i genitori non sono liberi di scegliere che educazione dare ai loro figli. .. Ci spieghi un po’, o onnipotente, come funziona questa libertà a corrente alternata. ..

    perché, più che libertà sembra molto la legge del più forte… scenda un attimo dalle nuvole il dio-troll e ci illumini.

  14. marco scrive:

    Secondo Magris si può discutere solo con coloro con cui abbiamo almeno il 60% di idee in comune.Ma vedo molti che, avendo tempo da perdere, continuano discussioni oziose e inutili.Ad ognuno i suoi gusti.

  15. M.G. scrive:

    Sul sito LIFESITENEWS.COM si può firmare una petizione in favore e difesa del Vescovo Cordileone.

  16. la laicità scrive:

    In uno Stato laico le leggi non obbligano nessuno a divorziare, a convivere senza sposarsi, ad abortire, a ricorrere alle tecniche di procreazione assistita, a sottoscrivere il testamento biologico e a chiedere l’eutanasia attiva. Le leggi mettono queste modalità di comportamento a disposizione di coloro che intendono servirsene perché le ritengono adatte alle proprie situazioni esistenziali e in sintonia con il proprio modo di pensare e di sentire. In uno Stato laico tutti sono liberi, qualunque credenza abbiano e anche nessuna, con buona pace dei partiti che sostengono le posizioni restrittive del Vaticano.
    In uno Stato che legifera in sintonia con una credenza religiosa, invece, sono liberi e tutelati nei loro diritti solo coloro che aderiscono a tale credenza.
    Il Vaticano si oppose strenuamente, a suo tempo, alla legge sul divorzio e fece di tutto per farne trionfare il referendum abrogativo, ma, bene o male, ha poi digerito questa prima conquista laica della società italiana e non la ripropone più, anche se ora, in merito alle unioni civili e ai diritti dei conviventi, ha rispolverato gli stessi toni da crociata. Ma le questioni su cui maggiormente insiste sono quelle legate all’inizio e alla fine della vita: da qualche anno a questa parte ha ricominciato ad attaccare, dopo quasi trent’anni dalla legge, l’interruzione volontaria di gravidanza e l’autodeterminazione delle donne.
    A differenza di una autorità religiosa, uno Stato laico, proprio per i momenti più difficili, e molto spesso dolorosi, della vita individuale, non può che riconoscere come asse portante del suo intervento legislativo il rispetto degli uomini e delle donne in carne ossa e mente, delle loro percezioni, sensibilità, responsabilità, libertà di pensiero, capacità e volontà di scelta, in merito all’inizio vita come alla sua fase terminale e in occasione di gravi traumi e malattie insorgenti dopo la maggiore età.
    Le persone che considerano la vita, in qualunque condizione, il dono di un Dio trascendente, lasceranno che il loro male segua il suo corso, anche sostenuto il più a lungo possibile dalle tecnologie mediche. Altri devono poter rifiutare trattamenti anche in grado di salvar loro la vita se vietati dalla loro religione o tali da procurare menomazioni considerate inaccettabili. Altri ancora, non seguaci di alcuna fede, devono poter decidere se affidarsi a qualunque possibilità di allungamento della vita offerta dalla medicina o se porre limiti, o anche respingere fin dall’inizio, trattamenti che non offrono speranze di guarigione e prolungherebbero sofferenze sentite come insopportabili.

    • To_Ni scrive:

      @ La Laicità

      Con il sostenere che “In uno Stato laico le leggi non obbligano nessuno a divorziare, a convivere senza sposarsi, ad abortire, a ricorrere alle tecniche di procreazione assistita, a sottoscrivere il testamento biologico e a chiedere l’eutanasia attiva …” scaraventi la solita tiritera (sì, non sei originale, la tua è la solita salsa …. ultima in ordine di tempo) nel quale si trascura l’elemento che “nessuno vive per conto suo” e che bisogna tenere conto se in certe scelte scaturisce danno che si riflette sul tutto.

      Poi quando parli di laicità, devi tener conto che tra le diverse interpretazioni la tua è quella che impone una assolutizzazione del tuo ateismo. In nome del distacco dalla religione , la religione degli atei diventa l’unica. Di contro c’è un concetto di laicità che non impone niente a nessuno e tiene in pari conto, favorendone la possibilità di espressione, le diverse sensibilità religiose.

  17. maurizio scrive:

    Ora capisco chi mi consiglia di lasciar perdere con te..visto che Shiva101 é onnisciente,cioè sa tutto di me e cosa é bene per me,perché affannarsi a risponderti ,vasta ascoltarti e saremo felici in eterno.C’é un problema,però,..ogni volta che fai parlare il tuo Shiva101,di cui saresti un semplice megafono(alla faccia della libertà)questi dice tutto ed il contrario di tutto in poche righe…davvero portentoso!.Qualche es: “Shiva101 sa muoversi meglio del mio creatore perché nom avrebbe mai obbligato le creature viventi a scannarsi per sopravvivere..” Non avrebbe o non ha? É solo onnisciente ma non onnipotente o é un tutt’uno delle due cose?Perché nel primo caso,eh no non mi basta proprio,nel secondo é un falsario perché tu mi sai fare un es.di un periodo o luogo della storia dove l’umanità(purtroppo)non si é scannata e neppure,semplicemente,per pura sopravvivenza,ma proprio per sete di potere? In un altro passaggio dei tuoi deliri irrefrenabili dici…”da grande nessuno può uscire dalla Chiesa senza problema…forse che tutti quelli che hanno avuto un educazione cattolica,sono diventati cattolici da adulti..certo che si(perché plagiati e indottrinati)…poi però contesti la cifra del miliardo perché-ad es.-in Italia solo il 30/%vanno a messa..”Allora non é vero che tutti sono cattolici(nel senso di praticanti veri)e dunque o il plagi/indottrinamento non ha funzionato ed é fasullo o l’uomo é sempre libero perché Cristo e la Chiesa lo fa e lo lascia libero!!
    Infine”provate a battezzarli adulti e vedrete che in una generazione sparirete..”Ma Shiva101″l’onnisciente dovrebbe sapere che se,nell’ occidente(in Europa in particolare)la fede cristiana é meno vissuto-qui la gente si battezza da piccoli-in Africa ed Asia-pur essendo ancora quasi ovunque minoranza ed anche perseguitati-sono in continua crescita(e qui,i più sono battezzati da adulti). Tu che sei così intimo con lui,dì a Shiva101 che qualcosa non torna! O,forse,non torna in te..ti consiglio un bel screening psichiatrico/psicoanalitico o,meglio ancora,di andare da un esorcista…ti farà comunque bene,io intanto pregherò per te il mio Creatore!!

  18. maurizio scrive:

    Volevo aggiungere per diretta informazione a Shiva101…fine della corsa…perché il dialogo ha senso se serio e propositivo,ma quando é,evidentemente e volutamente,un menar per il naso gli altri per soddisfare le proprie vanesie e contorte ansie di protagonismo e,appunto,di giocare infantilmente con l’altrlo…non vi sto più…buon viaggio nell’ iperuranio del tuo io…Shiva101.Quanto torni tra noi e,soprattutto,torni ad essere te stesso fammelo sapere che tornerò ben volentieri a discorrere con te..per ora,rinnovando le preghiere per te,…ciao!

  19. teresina magrini scrive:

    Coraggio e avanti Cordileone!

La rassegna stampa di Tempi
Pellegrinaggio iStoria-Tempi in Terra Santa

Tempi Motori – a cura di Red Live

La monovolume francese a sette posti cambia radicalmente, crescendo in dimensioni e abitabilità sulle orme della “sorella minore” Scénic. Debutta un inedito powertrain ibrido a gasolio. Dotazione di sicurezza molto completa.

La seconda generazione di 3008 cresce nelle dimensioni, nella capacità di carico e nella ricchezza delle dotazioni sia di sicurezza sia multimediali. Confermato il controllo della trazione evoluto Grip Control. Motori turbo benzina o diesel con potenze da 130 a 180 cv.

La Classe E si rinnova profondamente a partire dai motori, più potenti ed efficienti, e diventa così intelligente da farsi carico della parte stressante della guida, per lasciare a chi siede al volante solo quella più piacevole. Prezzi a partire da 51.100 euro.

Purezza di linee, design minimalista e un cuore storico. La bella special presentata a Villa d'Este è un omaggio a un modello che ha rappresentato un punto di svolta per la casa bavarese, e non solo.

Arriverà a settembre la versione più matura e di maggior cilindrata del fortunato tre ruote giapponese. L'ABS è di serie

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana