Google+

Camera, via libera al dl Irpef. Sel spaccata

giugno 18, 2014 Chiara Rizzo

Approvato in via definitiva, con 332 sì e 149 no, il decreto che introduce il bonus di 80 euro in busta paga: sì alla riduzione progressiva dell’Irap fino al 10 per cento nel 2015. Rinviata alla legge di stabilità il bonus per famiglie numerose e incapienti

Con 332 sì, 149 no e 8 astenuti anche Montecitorio ha approvato il decreto Irpef, che contiene tra l’altro l’introduzione fissa del bonus 80 euro. Sul voto si è “diviso” Sel, con due deputati, Giulio Marcon e Giorgio Airaudo, che si sono astenuti in dissenso con la linea di “dialogo” con il premier scelta alla fine dalla maggioranza del partito. Nichi Vendola ha spiegato che «Il decreto è ricco di contraddizioni, tuttavia interviene su una platea vasta che vive un disagio sociale straordinario. Tutto quello che assomiglia a una riparazione dei danni fatti alle famiglie va bene. Resta una perplessità di fondo sulle fonti di finanziamento del decreto».

IL BONUS. Gli 80 euro in busta paga vengono introdotti nel 2014 con la previsione di diventare permanenti dal 2015, per i lavoratori dipendenti (compresi quelli in cassa integrazione, mobilità e disoccupati con sussidio) con reddito inferiore a 24mila euro lordi: per tutta questa platea sono stanziati appunto 640 euro annui, ovvero 80 euro. La platea di lavoratori con reddito tra 24 e 26 mila euro riceveranno un bonus di importo progressivamente inferiore. Rinviata alla legge di stabilità l’estensione del bonus alle famiglie numerose: secondo quanto annunciato dal premier in precedenza, sempre nella legge di Stabilità si dovrebbe introdurre l’estensione del bonus per incapienti e partite Iva.

RIDUZIONE IRAP. Il decreto legge approvato oggi in via definitiva introduce anche la riduzione dell’Irap del 10 per cento nel 2015, con una fase di riduzione progressiva già a partire da quest’anno, con l’aliquota alle imprese che passa dal 3,9 al 3,5 per cento.

TASI. Approvato anche l’emendamento introdotto dal Governo già al Senato che consente di far slittare il pagamento della prima rata Tasi al 16 ottobre, per tutti i comuni che non hanno già deliberato le aliquote entro il 23 maggio: in quelli che delibereranno entro il 10 settembre, il pagamento sarà rinviato al 16 dicembre con un’unica rata con un’aliquota all’1 per mille. Il ministero dell’Interno anticiperà il 50 per cento delle presunte entrate ai comuni ritardatari, calcolandole in base ai dati dell’anno: tale anticipo sarà però recuperato attraverso l’Agenzia delle entrate entro ottobre.

FONDO PER SVILUPPARE RAPPORTI COMMERCIALI. Tra le misure introdotte anche la creazione di un fondo presso il ministero degli Esteri da 15 milioni di euro nel 2015, e 13 milioni nel 2016: tale fondo servirà ai consolati e alle ambasciate italiane all’estero per “sviluppare iniziative e contatti di natura politica, economico-commerciale e culturale nell’interesse del Paese”. Sono stati eliminati gli assegni di rappresentanza per i reggenti, i sostituti capi della diplomazia e per i dipendenti della Farnesina all’estero.

TAGLIO TASSE. Diventa strutturale la norma che prevede l’immissione delle risorse recuperate nel contrasto alla frode fiscale nel Fondo per la riduzione della pressione fiscale. Il governo è stato impegnato però ad attuare un programma che consenta di recuperare almeno 2 miliardi dal contrasto all’evasione fiscale.

RAI. Confermato il taglio di 150 milioni di euro alla Rai. Il testo approvato oggi tuttavia è quello che giunge dal Senato, dove era stata introdotta l’assicurazione del mantenimento di una sede Rai per ogni regione: potranno invece essere cedute le quote di Rai way e potrà essere dismessa la struttura Rai world.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

No, decisamente la Volkswagen non poteva restare a guardare. Il segmento delle B-Suv, vale a dire delle sport utility compatte, vive un momento di grande fermento e successo. La Casa tedesca, che sinora aveva nella Tiguan la proposta più “piccola”, doveva correre ai ripari. Ecco dunque avvicinarsi la presentazione ufficiale, prevista in occasione del Salone […]

L'articolo Volkswagen T-Roc: pronta alla battaglia proviene da RED Live.

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana