Google+

Blogger atea si converte: «Il cattolicesimo è più razionale di ogni filosofia»

giugno 25, 2012 Benedetta Frigerio

L’intellettuale di Yale, Leah Libresco, blogger dell’Huffington post, spiega ai lettori: «Il periodo migliore in cui vivere è quando ti accorgi che quasi tutto ciò che pensavi vero, in realtà è falso».

«Non potevo più nascondere che il cristianesimo dimostrasse meglio di ogni altra filosofia quello che riconoscevo già come vero: una morale dentro di me che però il mio ateismo non riusciva a spiegare»: sono le parole che hanno scioccato milioni di atei. Scritte il 18 giugno scorso sul portale Patheos Atheist da Leah Libresco, filosofa laureata a Yale e collaboratrice dell’Huffington Post, e postate su Facebook 18 mila volte, hanno portato alla sua pagina web ben 150 mila contatti. Secondo il direttore del portale, Dan Welch, i contatti sulla pagina della donna sono aumentati di 20-30 volte.

Il post in cui annuncia la conversione al cattolicesimo ha ricevuto migliaia di commenti. Molti di questi sono carichi di sgomento, altri riportano le congratulazioni di credenti che, al pari di tanti atei, seguivano il blog. Alcuni hanno persino pregato per lei: «Sono così felice per te Leah! Ho pregato per te e ora lo farò ancora di più. L’avventura è appena cominciata». La blogger ha confessato di aver ancora molto da capire e studiare di quello che sostiene la Chiesa sulla morale. «Ad esempio – ha detto – sono ancora confusa sull’omosessualità, ma non è un problema». Libresco non ha paura perché tutto ciò di cui si è convinta «è ragionevole», ha scritto sul suo blog.

La donna ha spiegato così la sua conversione: «Per anni ho tentato di argomentare da dove derivasse la legge morale universale che riconoscevo presente in me, oggettiva come lo è la matematica e le leggi fisiche. Cercavo risposte, ad esempio nella psicologia evolutiva che parla delle disposizioni morali dentro di noi che avrebbero vinto sull’egoismo». Ma tutto ciò non è sufficiente a rendere ragione della sua posizione. Finché la blogger non partecipa a un dibattito con gli alunni di Yale «proprio il giorno della domenica delle Palme», sottolinea scherzando sulla sua «sintonia con la liturgia». Mentre cerca di spiegare da dove derivi la legge morale, viene interpellata da un ragazzo: «Cercava di farmi ragionare – ricorda la donna – chiedendomi non di portare le spiegazioni di altri, ma di dire cosa ne pensassi io. “Non lo so”, rispondevo, “non ho un’idea certa”. “La tua migliore ipotesi?”, continuava lui. “Non ne ho una” risposi. “Avrai pur qualche idea” disse. “Non lo so… non ho idea… insomma penso che la morale sia innamorata di me o qualcosa del genere”. Lui mi disse cosa pensava. “Ok, ok – risposi – ho sentito quello che hai detto. Dammi un secondo e fammi pensare se è così anche per me”. Mi accorsi che, come lui, credevo che la morale fosse oggettiva, un dato indipendente dalla volontà umana». La blogger si rese così conto che credeva in un ordine, che implica qualcuno che lo abbia pensato: «Intuivo – spiega ancora – che la legge morale come la verità potesse essere una persona. E la religione cattolica mi offriva la strada più ragionevole e semplice per vedere se la mia intuizione fosse vera. Perché dice che la Verità è vivente, che si è fatta uomo. Ho chiesto a quel ragazzo che cosa mi suggeriva di fare. Ho iniziato a pregare con lui la compieta nel Libro dei salmi e ho continuato a farlo sempre, anche da sola». Intervistata dalla Cnn, Libresco ha poi spiegato che «la morale non è una cosa che costruiamo noi al pari dell’architettura. È una cosa che scopriamo come l’archeologia», solo che da atea non riusciva a dimostrarlo.

Dopo la conversione la ragazza ha cercato anche una comunità di cattolici, scandalizzando «i miei amici. Ma se mi chiedono come sto oggi rispondo che sono felice, (…) questa porta si era aperta cinque o sei volte. Il periodo migliore in cui vivere è quando ti accorgi che quasi tutto ciò che pensavi vero, in realtà è falso», spiega ancora la blogger sul suo ultimo post da atea. Ora che ha preso sul serio l’ipotesi cristiana la donna sta riscoprendo molte cose, come se fosse nata una seconda volta. Ha raccontato sempre alla Cnn: «È bellissimo partecipare alla Messa e sapere che lì c’è Dio fatto carne». Un fatto che, continua, spiega tante cose altrimenti inspiegabili.

Libresco ha poi raccontato sul suo blog di voler discutere con gli atei convinti, come faceva prima con i cattolici. Perché «se uno è leale, non ha paura di mettersi in discussione. Io ho ricevuto una risposta a quello che cercavo perché ho accettato di mettermi in discussione davvero. La cosa interessante di molti atei è che fanno critiche e chiedono le prove. Una cosa utilissima alla Chiesa, di cui non deve aver paura perché sta dalla parte dei fatti e della ragione». Infine, scrive la donna salutando i suoi lettori atei e annunciando di cambiare titolo al suo blog: «Qualunque sia il tuo credo religioso (…) fermarsi e pensare a quello in cui si crede è una buona idea (…) e se così capisci che c’è qualcosa che ti costringe a cambiare idea, non spaventarti e ricordati che la tua decisione può solo migliorare la tua visione delle cose».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. lu8051 says:

    Embè ?????

    • Alberto Ghidotti says:

      Quinto capo verso in neretto (l’ultimo), seconda riga virgolettata. Tutto parte da lì…
      Meglio un “avventura” vissuta con ragione che una calda poltrona dove crogiolarsi delle proprie vittorie e certezze intellettuali.

  2. Klaud says:

    Non drammatizziamo, è semplicemente una che non è riuscita a farcela da sola.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

In questo momento storico, l’immagine che identifica maggiormente la californiana Tesla è quella della dea Shiva che, facendo roteare le otto braccia di cui è dotata, elargisce schiaffi a destra e a manca a tutti i brand concorrenti. Il costruttore americano, parallelamente all’unveiling della straordinaria supercar elettrica Roadster, accreditata di 10.000 Nm di coppia e […]

L'articolo Tesla Semi Truck: il camion elettrico è una belva proviene da RED Live.

L’alternativa alle note Lotus 3-Eleven, KTM X-Bow e Radical SR8 è italiana. E costa (almeno) 200.000 euro. Forte di una lunghissima esperienza nelle competizioni, la parmense Dallara Automobili, specializzata in telai e vetture da pista, ha presentato il primo modello targato della propria storia. Una vettura, non a caso denominata “Stradale”, nata quale barchetta estrema, […]

L'articolo Dallara Stradale: la prima volta proviene da RED Live.

Gestito da appassionati motociclisti, lo Spidi Store milanese di via Telemaco Signorini 12, mette a disposizione le ultime novità del marchio oltre a un servizio di tute su misura e di installazione di interfoni su caschi. Per festeggiare il suo primo anno di vita il negozio ha organizzato, in occasione di EICMA 2017, una serata all’insegna […]

L'articolo Spidi Store Milano spegne la prima candelina proviene da RED Live.

Tesla la tocca piano… presentando a sorpresa, in occasione dell’unveiling dell’atteso camion a batteria, l’erede dell’ormai storica Tesla Roadster. Una vettura che la Casa americana, con grande morigeratezza, non esita a definire “l’auto più veloce del Pianeta”. Una supercar elettrica che, ancora una volta, spiazza la concorrenza promettendo di ridefinire il concetto di performance a zero […]

L'articolo Tesla Roadster: zitti tutti proviene da RED Live.

Dopo la nuova generazione di Trafic SpaceClass, presentata lo scorso ottobre, Renault torna sull’argomento “business” con il lancio della nuova gamma Executive, studiata per rendere sempre più confortevole e ricca di tecnologia la vita a bordo di chi si sposta per lavoro. La Casa della Losanga dota quindi di contenuti premium tre vetture della sua scuderia, […]

L'articolo Gamma Executive, l’allestimento premium di Renault proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download