Google+

Tra realismo autocritico e pensiero metafisico, Roma accoglie Salvador Dalì

giugno 11, 2012 Mariapia Bruno

Visionario, pazzo, surreale, onirico, paranoico: quando si parla di Salvador Dalì  (1904-1989) non c’è aggettivo che tenga. D’altronde come si può definire un uomo che è stato soprattutto un personaggio – interprete di se stesso nella sua egocentrica, presuntuosa eppur virtuosa personalità -, che ha regalato, a chiunque ne osservi le tracce, un sentimento di stupore misto a meraviglia e a volte orrore? Pittore, scultore, cineasta, scrittore, spagnolo e complicato, Dalì è famosissimo per quel suo baffetto all’insù che sfida la forza di gravità, per quegli orologi molli che prendono in giro la nostra corsa contro il tempo (dimostrandoci quanto – in realtà – il tempo sia un concetto assolutamente relativo), e per quelle composizioni a prima vista incomprensibili, dove sotto quei cieli, a volte tersi a volte neri, prendono vita storie fisiche e metafisiche.

Queste fantastiche creazioni non sono altro che il frutto di una ben riuscita e labirintica auto-psicoanalisi, come è evidente nell’opera Autoritratto molle con pancetta fritta (1941), una delle più importanti della mostra romana Dalì. Un artista. Un genio, visibile fino al 1 luglio al Complesso del Vittoriano a Roma. Qui il viso sciolto, la cui mollezza è associata dall’artista al formaggio camembert mangiato la sera prima, è sorretto da alcune stampelle, immagine che ritroviamo spesso nelle sue opere e che rappresentano il dualismo dell’essere umano, composto sia di corpo – un corpo che è destinato inevitabilmente a liquefarsi come la maschera in primo piano –  che di anima. E le formiche che mangiano la pancetta? Quelle non sono altro che un’allusione al cannibalismo “castrante” del padre che, cieco di dolore per la perdita del primogenito (Salvador è stato concepito dopo la morte del fratello), non si è forse mai reso conto del talento del secondo che, a detta di molti, si è rivelato un vero e proprio genio.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

Commenti Facebook

L’Osservatore Romano

L'Osservatore Romano

Tempi Motori – a cura di Red Live

Di queste vetture non ci scorderemo, perché continueranno a far parlare di sé anche in futuro. Ecco la top ten dei modelli che, per stile o raffinatezza tecnologica, hanno segnato l’anno appena trascorso.

In Germania e Svizzera non vige alcun obbligo, ma sono “caldamente raccomandati” e in caso d’incidente con gomme estive… si paga. Gran parte dell’Europa impone le coperture winter, come in Italia. In Portogallo e Grecia? Non sanno cosa siano!

L’edizione speciale della supercar del Toro celebra la storica collaborazione con Pirelli, da oltre cinquant’anni fornitore degli pneumatici di primo equipaggiamento delle vetture di Sant’Agata Bolognese. Meccanica invariata, livrea bicolore.

Versione cabriolet della gigantesca e raffinata berlina Mulsanne Speed, adotta un V8 6.75 biturbo benzina da 537 cv. Radica e pelle a profusione in abitacolo.

Già disponibile nelle concessionarie la crossover di casa Honda, anche nella sua versione più turistica

Speciale Nuovo San Gerardo