Google+

Tra realismo autocritico e pensiero metafisico, Roma accoglie Salvador Dalì

giugno 11, 2012 Mariapia Bruno

Visionario, pazzo, surreale, onirico, paranoico: quando si parla di Salvador Dalì  (1904-1989) non c’è aggettivo che tenga. D’altronde come si può definire un uomo che è stato soprattutto un personaggio – interprete di se stesso nella sua egocentrica, presuntuosa eppur virtuosa personalità -, che ha regalato, a chiunque ne osservi le tracce, un sentimento di stupore misto a meraviglia e a volte orrore? Pittore, scultore, cineasta, scrittore, spagnolo e complicato, Dalì è famosissimo per quel suo baffetto all’insù che sfida la forza di gravità, per quegli orologi molli che prendono in giro la nostra corsa contro il tempo (dimostrandoci quanto – in realtà – il tempo sia un concetto assolutamente relativo), e per quelle composizioni a prima vista incomprensibili, dove sotto quei cieli, a volte tersi a volte neri, prendono vita storie fisiche e metafisiche.

Queste fantastiche creazioni non sono altro che il frutto di una ben riuscita e labirintica auto-psicoanalisi, come è evidente nell’opera Autoritratto molle con pancetta fritta (1941), una delle più importanti della mostra romana Dalì. Un artista. Un genio, visibile fino al 1 luglio al Complesso del Vittoriano a Roma. Qui il viso sciolto, la cui mollezza è associata dall’artista al formaggio camembert mangiato la sera prima, è sorretto da alcune stampelle, immagine che ritroviamo spesso nelle sue opere e che rappresentano il dualismo dell’essere umano, composto sia di corpo – un corpo che è destinato inevitabilmente a liquefarsi come la maschera in primo piano –  che di anima. E le formiche che mangiano la pancetta? Quelle non sono altro che un’allusione al cannibalismo “castrante” del padre che, cieco di dolore per la perdita del primogenito (Salvador è stato concepito dopo la morte del fratello), non si è forse mai reso conto del talento del secondo che, a detta di molti, si è rivelato un vero e proprio genio.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

Commenti Facebook

L’Osservatore Romano

L'Osservatore Romano

Tempi Motori – a cura di Red Live

Novità a raffica da Michelin e vittoria ai Tire Technology Awards in ben due categorie, Michelin ha infatti vinto il premio di produttore di pneumatici dell'anno, nonché il premio Tyre Technology of the Year al recente Tyre Technology Expo di Colonia, in Germania.

La berlina inglese fa dell’alluminio il proprio credo, dimagrendo di oltre 150 kg rispetto al passato. Il passo è più lungo di 5 cm, a tutto vantaggio dell’abitabilità posteriore. Motori 2.0 td da 163 o 180 cv, 3.0 td da 300 cv oppure benzina 2.0 da 240 cv e 3.0 da 340 o 380 cv.

Bastano due gomme stradali da 28 mm e la ciclocross di Canyon, oltre a boschi e strade bianche, si trova a sua agio anche in città. Con Shimano Ultegra 11v e freni a disco idraulici costa 1.699 euro. L’abbiamo testata sulle vie dell’Expo

Evoluzione della SUV M, condivide il layout della plancia con Classe C e adotta il sistema Dynamic Select con 6 programmi di marcia. Pressoché immutata la gamma motori, fatta eccezione per il debutto della versione ibrida da 442 cv e oltre 30 km/l.

Tocca i 326 cv il fiore all’occhiello della gamma td Audi, ovvero il V6 3.0 TDI biturbo appannaggio della mini gamma competition formata da A6, A6 Avant e A7 Sportback. Prezzi da 70.200 euro.

Speciale Nuovo San Gerardo