Google+

I miei soldi. La scommessa dei Pir: prodotto sicuro per le famiglie?

febbraio 21, 2017 Mariarosaria Marchesano

soldi-mutuo-shutterstock_544420159

Con la legge di stabilità per il 2017 è stato introdotto in Italia un nuovo strumento di investimento per le famiglie e i privati. Si chiama Pir (Piano individuale di risparmio) e ha la particolarità di essere stato ispirato da un obiettivo di politica economica positivo come quello di sostenere le piccole e medie imprese del made in Italy. Attraverso questo strumento, che gode di un potente incentivo fiscale (sui Pir non si pagano tasse se i soldi sono accantonati per più di 5 anni), il governo tenta di convogliare il risparmio privato verso quel sistema produttivo che rappresenta l’orgoglio nazionale, fatto di produzione di abbigliamento e accessori, mobili, design, arredo, ma anche high tech ed elettronica. Si tratta per lo più di aziende quotate a piazza Affari, ma non di grandi dimensioni e bisognose di risorse finanziare per svilupparsi e crescere sui mercati internazionali.

Le condizioni poste sono che non si può investire una somma superiore a 30 mila euro all’anno per un totale di 150 mila euro suddiviso in un quinquiennio. Da quel che si sa, l’industria del risparmio gestito è già al lavoro per confezionare prodotti (fondi d’investimento) che abbiano come paniere titoli di queste società e presto assisteremo a campagne di lancio dei primi Pir. Ora, la domanda è se questi strumenti possono rappresentare un’opportunità soprattutto in una fase in cui i rendimenti dei titoli di stato sono tanto bassi.

Tempi lo ha chiesto a un consulente indipendente come Claudio Grossi, responsabile del settore investimenti di Progetica (società che si occupa di educazione e pianificazione finanziaria). “Credo che con troppa disinvoltura i Pir siano stati presentati come una grande opportunità d’investimento”, dice Grossi, “ma bisogna sapere che si tratta di un’opportunità di tipo speculativo, poiché non è detto che si recuperi il capitale investito. Occorre, dunque, ponderare attentamente la scelta sulla base delle proprie disponibilità e dei propri bisogni”. Grossi ne fa soprattutto una questione di metodo.

I principi di base dell’educazione finanziaria, tema su cui c’è grande attenzione anche da parte del Parlamento che ha appena approvato una legge in materia nell’ambito del decreto risparmio (vedere inchiesta sul prossimo numero di Tempi in edicola giovedi 23 febbraio), suggeriscono di rispettare sempre la diversificazione del rischio, cioè mai tutti i risparmi su un prodotto solo. “Il problema è che questi fondi sono, al contrario, costruiti per puntare su un unico tipo di asset il che ne fa strumenti basati su una scommessa di mercato”, spiega Grossi. Un altro fattore importante da valutare è la durata: “Quando investo mi devo sempre chiedere qual è l’orizzonte temporale coerente con i miei obiettivi. Concludendo, posso puntare sui Pir solo se sono pronto ad accollarmi una certa dose di rischio e se sono certo che non avrò bisogno di quei soldi per almeno cinque anni, che è il lasso di tempo richiesto per ottenere il beneficio fiscale. Altrimenti non ha senso”.

Foto da Shutterstock

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download