Google+

I miei soldi. La scommessa dei Pir: prodotto sicuro per le famiglie?

febbraio 21, 2017 Mariarosaria Marchesano

soldi-mutuo-shutterstock_544420159

Con la legge di stabilità per il 2017 è stato introdotto in Italia un nuovo strumento di investimento per le famiglie e i privati. Si chiama Pir (Piano individuale di risparmio) e ha la particolarità di essere stato ispirato da un obiettivo di politica economica positivo come quello di sostenere le piccole e medie imprese del made in Italy. Attraverso questo strumento, che gode di un potente incentivo fiscale (sui Pir non si pagano tasse se i soldi sono accantonati per più di 5 anni), il governo tenta di convogliare il risparmio privato verso quel sistema produttivo che rappresenta l’orgoglio nazionale, fatto di produzione di abbigliamento e accessori, mobili, design, arredo, ma anche high tech ed elettronica. Si tratta per lo più di aziende quotate a piazza Affari, ma non di grandi dimensioni e bisognose di risorse finanziare per svilupparsi e crescere sui mercati internazionali.

Le condizioni poste sono che non si può investire una somma superiore a 30 mila euro all’anno per un totale di 150 mila euro suddiviso in un quinquiennio. Da quel che si sa, l’industria del risparmio gestito è già al lavoro per confezionare prodotti (fondi d’investimento) che abbiano come paniere titoli di queste società e presto assisteremo a campagne di lancio dei primi Pir. Ora, la domanda è se questi strumenti possono rappresentare un’opportunità soprattutto in una fase in cui i rendimenti dei titoli di stato sono tanto bassi.

Tempi lo ha chiesto a un consulente indipendente come Claudio Grossi, responsabile del settore investimenti di Progetica (società che si occupa di educazione e pianificazione finanziaria). “Credo che con troppa disinvoltura i Pir siano stati presentati come una grande opportunità d’investimento”, dice Grossi, “ma bisogna sapere che si tratta di un’opportunità di tipo speculativo, poiché non è detto che si recuperi il capitale investito. Occorre, dunque, ponderare attentamente la scelta sulla base delle proprie disponibilità e dei propri bisogni”. Grossi ne fa soprattutto una questione di metodo.

I principi di base dell’educazione finanziaria, tema su cui c’è grande attenzione anche da parte del Parlamento che ha appena approvato una legge in materia nell’ambito del decreto risparmio (vedere inchiesta sul prossimo numero di Tempi in edicola giovedi 23 febbraio), suggeriscono di rispettare sempre la diversificazione del rischio, cioè mai tutti i risparmi su un prodotto solo. “Il problema è che questi fondi sono, al contrario, costruiti per puntare su un unico tipo di asset il che ne fa strumenti basati su una scommessa di mercato”, spiega Grossi. Un altro fattore importante da valutare è la durata: “Quando investo mi devo sempre chiedere qual è l’orizzonte temporale coerente con i miei obiettivi. Concludendo, posso puntare sui Pir solo se sono pronto ad accollarmi una certa dose di rischio e se sono certo che non avrò bisogno di quei soldi per almeno cinque anni, che è il lasso di tempo richiesto per ottenere il beneficio fiscale. Altrimenti non ha senso”.

Foto da Shutterstock

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rialzata, “rinforzata” nel look ma con lo stesso grande comfort di ogni Classe E, la All Terrain entra di forza nel segmento delle Statio Wagon rialzate. Offre tanto spazio e un comfort sontuoso, ma la sua attitudine off road è reale

L'articolo Prova Mercedes E 220 CDi All Terrain proviene da RED Live.

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi