Google+

La legge contro l’omofobia è omofoba: il ragionamento dell’Espresso è da Nobel

luglio 23, 2013 Redazione

Non è scontato che sia tutto oro ciò che luccica nella proposta di legge che sta per essere discussa e che approderà, salvo rinvii, in aula a Montecitorio il prossimo 26 luglio. Una prima trappola, che potrebbe trasformarsi in un boomerang, è stata preparata su un piatto d’argento (secondo alcuni inconsciamente, secondo altri su indicazione furba del Vaticano) dal Pdl. Si tratta di questo: anziché modificare la legge Reale-Mancino punto per punto, il centrodestra ha indicato la strada di promulgare una norma a sé, che di fatto estenda la legge in vigore anche ai casi di omofobia e transfobia. Ecco però che, nell’impianto complessivo della legge in vigore, sono previsti alcuni reati di opinione (come la propaganda contro il genocidio nazista degli ebrei) che, se non saranno chiaramente esclusi dalla fattispecie omofobica, rischiano di introdurre reati che la Costituzione difficilmente può considerare compatibili con l’uguaglianza fra i cittadini. Mi spiego: una cosa è affermare che non vi fu lo sterminio degli ebrei, altra classificare prese di posizione omofobiche, per quanto gravi, a reati di propaganda nazista. Elemento questo che assume un rilievo ancora più pesante se si pensa che la battaglia stessa che le associazioni omosessuali combattono, giustamente, da anni è quella per affermare che l’orientamento sessuale è una condizione naturale dell’essere umano e trasversale alla società, e che quindi nulla ha a che vedere con l’etnia o la trasmissione genetica di qualsivoglia caratteristica personale. Sarebbe quindi inspiegabile che, proprio una norma a tutela dei gay, affermasse, sebbene in modo non diretto, il contrario.
Tommaso Cerno, “Omofobia, legge con trappola”, espresso.repubblica.it, 22 luglio 2013

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

4 Commenti

  1. Remo scrive:

    Primo, la legge Mancino ci non vieta il negazionismo sull’olocausto, vi state confondendo con una legge tedesca; secondo, se mai è stato finora condannato per reati d’opinione fondanti sul razzismo o altro previsto dalla legge mancino, non vedo come tale eventualità possa avverarso ora con l’estenzione per omofobia o transofobia, a meno che voi non consideriate l’istigazione alla strega di una semplice opinione

    • ugobagna scrive:

      Voi vi state confondendo chi? E’ l’estratto di un articolo di la Repubblica…

    • Giulio Dante Guerra scrive:

      Che è “l’istigazione alla strega”? Forse un modo “creativo” di dire “la caccia alla streghe”? A proposito della quale: perché nessuno menziona più l’interpretazione “tossicologica” della stregoneria? Se si leggono con attenzione le composizioni – in massima parte comprendenti piante e funghi allucinogeni – degli unguenti delle streghe, ci si accorge che questi antichi “sabba stregoneschi” somigliavano molto a moderni “narcotic parties”…
      Ma, già, dimenticavo che, in maggioranza, la gente come Remo vuole anche la libera circolazione della droga.

      • Mappo scrive:

        Penso che “l’istigazione alla strega” sia solo un errore di battitura per ” l’istigazione alla stregua di una semplice opinione”

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

La seconda generazione della crossover coreana beneficia di lievi ritocchi estetici e di un moderno sistema d’infotainment. Debutta il 1.6 turbo benzina da 204 cv di derivazione Pro_cee’d 1.6 T-GDi GT.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana