Google+

Drogba e Scholes. Davvero nel calcio non ci sono più bandiere?

maggio 24, 2012 Emmanuele Michela

C’è bandiera e bandiera. Anche in Inghilterra. C’è chi vive per una squadra, ci è nato, cresciuto e se potesse ci morirebbe anche, e chi la ama, ci dà la vita, vince, ma quando si sente pago, prende e se ne va. Prendi Scholes, per esempio. Un anno fa mollava il calcio: coi suoi 37 anni e rotti non era più in grado, secondo lui, di poter scorrazzare al centro della mediana del Manchester United, cosa che faceva più o meno da quando aveva perso i denti da latte. Era rimasto comunque nel giro dei Red Devils, allenando la squadra riserve del team di Ferguson, allenatore che, quando a gennaio vedeva il suo centrocampo dimezzarsi per gli infortuni come neanche i comuni in mano alla Lega alle ultime elezioni, non si è fatto problemi a chiedere al Silent Hero di tornare a vestire la maglia rossa. Sembra una di quelle storie da favola: il cavaliere che torna in campo quando i suoi rischiano di essere sopraffatti, lui zitto zitto si mette al comando di un gruppo sgangherato e li porta alla vittoria. Ok, è un cliché trito e ritrito, e tralaltro non del tutto veritiero, dato che alla fine lo United non è riuscito a vincere. Ma un fondo di esattezza ce l’ha, dato che Scholes si è effettivamente ripreso le chiavi del centrocampo di Ferguson: da gennaio la squadra ha cambiato rotta, e la debacle finale non è certo da imputare a lui, che è stato invece sempre preciso e costante, e ha impreziosito il suo ritorno pure con qualche gol. Troppo grande il richiamo del campo per resistervi, tanto da decidere di cedervi anche per un altro anno, rinnovando il contratto fino a giugno 2013.

Chi invece ha vinto (anzi, stravinto) è Didier Drogba, autentico protagonista del successo di sabato sera del Chelsea in Champions League. L’importanza dell’ivoriano per la stagione dei Blues non può essere ridotta al bel gol messo a segno contro il Bayern: da quando Di Matteo l’ha rivalorizzato il suo impatto sulla squadra è stato ottimo, arricchito da alcune reti preziose (ad esempio col Napoli, o all’andata col Barça). Eppure ieri ha fatto sapere che non rinnoverà il suo contratto: a 34 anni dopo 8 stagioni se ne va da Stamford Bridge, lasciandosi dietro, oltre a una Coppa Campioni, 3 Premier League, 2 Carling Cup, 4 FA Cup e 2 Charity Shield, oltre a più di 150 reti. Difficile capire le sue ragioni: forse sente il peso degli anni, forse non vuole trovarsi di nuovo in concorrenza con Torres, forse cerca nuovi stimoli, forse la dirigenza ha piacere a scaricarlo. Ma tant’è che il suo nome è tornato d’attualità sui taccuini dei presidenti, reso ulteriormente caldo dal prezzo, pari a 0: Milan e Marsiglia forse lo vogliono, ma pare probabile un suo approdo in Cina.

Scholes e Drogba: due storie diverse, due esempi diversi di come si può vivere la propria anzianità sportiva. E due tipi diversi di legame con la propria squadra. Nessuno vuole denigrare l’ivoriano perché lascia il Chelsea, anzi, a Londra devono solo ringraziarlo per tutto quello che ha fatto. Però la sua scelta valorizza ancora di più quella di Scholes. Una frase che si dice e stradice è che «ormai non ci sono più bandiere nel calcio». Non è vero, poche resistono. E vanno valorizzate, perché ulteriormente eroiche in un calcio dove sempre di più si fanno imperanti sponsor e milioni. Ma prendi il centrocampista inglese: fango sulle ginocchia, testa bassa, fiato da vendere. Quante squadre un pensierino su di lui lo farebbero ancora? Ma per Scholes non c’è milione, panchina o pre-pensionamento che tenga. Conta solo un colore: il rosso del suo Manchester.
colpodireni.wordpress.com 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

Tempi Motori – a cura di Red Live

La seconda generazione della supercar elettrica tedesca porta al debutto il sistema di guida autonoma destinato nel 2017 alla nuova ammiraglia A8.

Il Concorso d’Eleganza comasco è uno degli auto show più esclusivi al mondo e, anche quest’anno, ha ospitato prototipi straordinari. Ecco le più belle concept del 2015.

La concept tedesca s’ispira alla CSL del 1972, puntando alla massima leggerezza grazie al massiccio ricorso al carbonio. Il 6 cilindri benzina è abbinato a un inedito modulo elettrico.

La concept dell’atelier milanese adotta un V8 4.2 Maserati da 405 cv. Pesa 1.000 kg e si ispira alla storica 450S Coupé Costin/Zagato del 1957. Scocca in carbonio.

La Lambo di serie più potente di sempre? Eccola. Con 750 cv, trazione integrale, ammortizzatori magneto-reologici e sterzo adattivo. Impressionante, sorprendentemente reattiva. E non solo per piloti. Costa 327190 euro tasse escluse

Speciale Nuovo San Gerardo