Google+

Bitcoin. Un altro furto e un’altra banca che fallisce. Ma il sistema non era sicuro?

marzo 5, 2014 Redazione

Domenica alcuni hacker hanno derubato 896 bitcoin, circa 600 mila dollari, dalla banca canadese Flexicoin. Dopo il crack da 350 milioni di dollari di Mt.Gox, un’altra piattaforma di scambio della moneta virtuale chiude

La conferma che comprare bitcoin non è uno dei metodi più sicuri del globo per difendere le proprie finanze da ladri e speculazioni – come sostengono invece i promoter della valuta virtuale – arriva a pochi giorni di distanza del crack da 350 milioni di dollari di Mt.Gox. Dopo il fallimento della più grande piattaforma di scambio di monete virtuali e membro influente della Fondazione Bitcoin, Mt.Gox, a essere ripulita domenica da un attacco hacker è stata Flexicoin. La banca canadese, per mancanza di risorse economiche, è stata costretta a chiudere i battenti.

FURTO DA 600 MILA DOLLARI. La somma sottratta al caveau virtuale di Flexicoin, ha informato l’azienda in un comunicato stampa, è pari 896 bitcoin, circa 600 mila dollari. Una cifra di poco conto, se paragonata ai 350 milioni svaniti nel nulla con Mt. Gox e il suo proprietario, che però mette in risalto i problemi di sicurezza del sistema bitcoin. L’azienda ha comunque dichiarato che non tutti i beni della società sono stati rubati. Flexcoin ha tenuto parte dei suoi bitcoin in “celle frigorifere”, ovvero dispositivi non connessi a Internet, su richiesta di quegli utenti che hanno pagato una tassa di “stoccaggio” pari allo 0,5 per cento della somma versata. Flexicoin ha promesso di restituire tutte le monete ai legittimi proprietari.

ATTACCHI HACKER. Appena sei giorni fa, l’azienda che ora ha chiesto l’aiuto delle autorità per trovare l’autore del furto, si vantava di essere indenne dai problemi che hanno portato Mt.Gox alla chiusura. Lo stesso giorno in cui Flexicoin dichiarava la sicurezza del sistema bitcoin, l’azienda è stata ripulita. E non è stata la sola. Anche Poloniex, un’altra banca che commercia la moneta virtuale, ha ammesso di aver subito un furto e che il 12,3 per cento delle sue riserve sono state rubate da hacker. Diverse altre aziende bitcoin hanno subito attacchi hacker in questi mesi. Bitcoinc, Inputs.io e MyBitcoin sono stati violati e hanno peso migliaia di bitcoin.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Daniele scrive:

    I bitcoin non sono fatti per essere tenuti in “banca”. Uno dei principi ispiratori delle crittovalute è proprio quello dell’eliminazione degli intermediari, banche in primis.
    Chi tiene le proprie chiavi private in un “cold storage” (che non ha niente a che fare con una “cella frigorifera”!!!) dorme sonni tranquilli, e sorride alla superficialità di queste “notizie”.

  2. Luca Spinelli scrive:

    Già le prime tre righe fanno storcere il naso, non parliamo poi del titolo.
    Una banca che fallisce? Gox era un exchange, nulla a che vedere con una banca. Paragonereste mai un mercato (quelli di paese per intenderci) ad una banca? Io non lo farei ed è una metafora molto interessante per capire la mia precisazione.

    Parliamo poi delle prime tre righe:
    “La conferma che comprare bitcoin non è uno dei metodi più sicuri del globo per difendere le proprie finanze da ladri e speculazioni […]”
    Parliamone. Forse è vero o forse no, il problema è non far coincidere il crollo di Gox con l’affermazione. In questo caso sarebbe una considerazione completamente errata ed estremamente maliziosa.

    Articolo un po’ così così se mi permettete. Sarei curioso di conoscere il livello di preparazione dell’autore riguardo il protocollo e la community (leggasi anche come insieme di servizi ad essa legata).

    Un saluto,
    Luca.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana