Google+

Adriana bagna il naso ai maschietti e indovina il “campione misterioso” Giroud

giugno 15, 2012 Daniele Ciacci

Adriana Ferrari azzecca Olivier Giroud: «Amo Zoff, Del Piero e la Virtus Entella di Chiavari. Le 3 stelle della Juventus non si discutono». Ha un marito genoano e un figlio interista: «Due pecore nere, ma la prima l’ho scelta io».

Sposata con un genoano, ha tre figli: due ragazze juventine e un maschio, interista. Il galateo ci impone di non parlare dell’età, ma Adriana Ferrari, la terza vincitrice del concorso di tempi.it, il campione misterioso, è una ligure sanguigna che non ci sta a comparire “una donnetta”: «Non descrivermi come la classica casalinga che, casualmente, sa qualcosa di calcio». Allora, bando agli indugi: come hai scoperto che l’anonimo giocatore rispondeva ad Olivier Giroud? «Amo la Camargue e conosco bene i campionati stranieri. Gli indizi che mi hanno aiutati sono stati la cresta e il peso». Ma ammette: «Ho dovuto convertire le libbre in chili».

Una storia di fede calcistica che si scontra, fin da subito, con tutti i problemi di un ambiente avverso. «La prima parola che ho detto, dopo mamma e papà, è stata: “Zoff”». Il portiere della Juventus e della nazionale, di cui «mi sono innamorata subito». A quattro anni, ha imbrattato i muri di casa con un bel disegno del suo campione. Ma nelle campagne di Tavareno, nell’entroterra di Sestri Levante, Adriana cresce senza seguire le orme del suo mito: «Ero un’ala. Correvo molto, e ogni tanto facevo pure gol». Per seguire le vicende calcistiche, tuttavia, deve aspettare le superiori: «A miei tempi, mica era facile andare da Chiavari a Torino per vedere la Signora».

Ma l’aria era sempre quella. Aria di vittorie. Non ha dubbi Adriana: «30 scudetti, vinti per manifesta superiorità. L’idea di scrivere sulla maglia “30 sul campo” non mi convince, mi sembra un po’ ipocrita». E ringrazia ancora una volta Alex Del Piero, e la splendida punizione che ha siglato la vittoria scudetto sulla Lazio. «È un delitto che se ne vada – annuncia –, è la nostra bandiera». Anche il rapporto con la squadra locale, la Virtus Entella di Chiavari. è segnato da grandi emozioni: «Quando c’era da tifare i biancocelesti, che lottavano per la serie C, non mi sono mai tirata indietro».

Adesso, la vittoria nel concorso di tempi.it. Tutto è nato «da una scommessa. Un mio amico milanista non credeva che avrei mai potuto vincere questa sfida. Io gli dissi: “Guarda che almeno una volta lo vinco”. Risate generali». Brava Adriana, e adesso fagliele rimangiare.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

Commenti Facebook

4 Commenti

  1. With havin so much content and articles do you ever run into any problems of plagorism or copyright infringement? My site has a lot of completely unique content I’ve either authored myself or outsourced but it seems a lot of it is popping it up all over the internet without my permission. Do you know any ways to help stop content from being stolen? I’d really appreciate it.

  2. Ezequiel Marco scrive:

    How goes it, By the title I was expecting this would be on something boring. But it was a good read and you made some interesting points. I’ll definitely bookmark you to check out new stuff you post to your blog in the future.

  3. I am really impressed with your writing skills as well as with the layout on your blog. Is this a paid theme or did you modify it yourself? Either way keep up the excellent quality writing, it’s rare to see a nice blog like this one these days..

  4. Elliott Epson scrive:

    Thanks for these pointers. One thing I also believe is always that credit cards offering a 0% rate often appeal to consumers along with zero monthly interest, instant acceptance and easy internet balance transfers, nonetheless beware of the top factor that is going to void your own 0% easy road annual percentage rate and as well as throw you out into the bad house in no time.

L’Osservatore Romano

L'Osservatore Romano

Tempi Motori – a cura di Red Live

Da prototipo da 20.000 sterline a prodotto di serie, il passo sarà breve? No, ma la strada è segnata e le potenzialità della nuova tecnologia 3D ancora poco esplorate

Se noi siamo un popolo di navigatori, gli americani sono sicuramente un popolo di viaggiatori in aereo e, come tali, si ingegnano di conseguenza…

La vettura di serie più simile a una Formula 1 mai realizzata dalla Casa di Maranello. Erede di F40, era mossa da un V12 4.7 da 520 cv e adottava una struttura monoscocca in carbonio. Nata nel 1997, oggi vale oltre 1 milione di euro

Speciale Nuovo San Gerardo