Google+

Adriana bagna il naso ai maschietti e indovina il “campione misterioso” Giroud

giugno 15, 2012 Daniele Ciacci

Adriana Ferrari azzecca Olivier Giroud: «Amo Zoff, Del Piero e la Virtus Entella di Chiavari. Le 3 stelle della Juventus non si discutono». Ha un marito genoano e un figlio interista: «Due pecore nere, ma la prima l’ho scelta io».

Sposata con un genoano, ha tre figli: due ragazze juventine e un maschio, interista. Il galateo ci impone di non parlare dell’età, ma Adriana Ferrari, la terza vincitrice del concorso di tempi.it, il campione misterioso, è una ligure sanguigna che non ci sta a comparire “una donnetta”: «Non descrivermi come la classica casalinga che, casualmente, sa qualcosa di calcio». Allora, bando agli indugi: come hai scoperto che l’anonimo giocatore rispondeva ad Olivier Giroud? «Amo la Camargue e conosco bene i campionati stranieri. Gli indizi che mi hanno aiutati sono stati la cresta e il peso». Ma ammette: «Ho dovuto convertire le libbre in chili».

Una storia di fede calcistica che si scontra, fin da subito, con tutti i problemi di un ambiente avverso. «La prima parola che ho detto, dopo mamma e papà, è stata: “Zoff”». Il portiere della Juventus e della nazionale, di cui «mi sono innamorata subito». A quattro anni, ha imbrattato i muri di casa con un bel disegno del suo campione. Ma nelle campagne di Tavareno, nell’entroterra di Sestri Levante, Adriana cresce senza seguire le orme del suo mito: «Ero un’ala. Correvo molto, e ogni tanto facevo pure gol». Per seguire le vicende calcistiche, tuttavia, deve aspettare le superiori: «A miei tempi, mica era facile andare da Chiavari a Torino per vedere la Signora».

Ma l’aria era sempre quella. Aria di vittorie. Non ha dubbi Adriana: «30 scudetti, vinti per manifesta superiorità. L’idea di scrivere sulla maglia “30 sul campo” non mi convince, mi sembra un po’ ipocrita». E ringrazia ancora una volta Alex Del Piero, e la splendida punizione che ha siglato la vittoria scudetto sulla Lazio. «È un delitto che se ne vada – annuncia –, è la nostra bandiera». Anche il rapporto con la squadra locale, la Virtus Entella di Chiavari. è segnato da grandi emozioni: «Quando c’era da tifare i biancocelesti, che lottavano per la serie C, non mi sono mai tirata indietro».

Adesso, la vittoria nel concorso di tempi.it. Tutto è nato «da una scommessa. Un mio amico milanista non credeva che avrei mai potuto vincere questa sfida. Io gli dissi: “Guarda che almeno una volta lo vinco”. Risate generali». Brava Adriana, e adesso fagliele rimangiare.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. I am really impressed with your writing skills as well as with the layout on your blog. Is this a paid theme or did you modify it yourself? Either way keep up the excellent quality writing, it’s rare to see a nice blog like this one these days..

Tempi Motori – a cura di Red Live

Paradiso e inferno, qui, sono una cosa sola. Lo sanno bene gli oltre 4.000 HEROes che si sono confrontati sul più duro, spettacolare e panoramico percorso di mountain bike al mondo. C’eravamo anche noi

Al volante della rinnovata City Car torinese, nuova in 1900 particolari, ma sempre fedele allo stile che l’ha resa inconfondibile. Una icona del Made in Italy oggi ancora più sicura e connessa

Grazie alla nuova piattaforma MQB è più lunga di 13 cm, più spaziosa, comoda e con una ricca dotazione di sicurezza. Prezzi premium

L'appuntamento è in Alta Valtellina, nel weekend del 4-5 luglio

La prima edizione della 12h di Monza è stata un successo e noi di Red eravamo in pista. Non a fare interviste e foto ma a pedalare. Forte... Ecco cosa è successo nelle 12 ore più strane che l'autodromo di Monza abbia mai visto.

Speciale Nuovo San Gerardo