Google+

Adriana bagna il naso ai maschietti e indovina il “campione misterioso” Giroud

giugno 15, 2012 Daniele Ciacci

Adriana Ferrari azzecca Olivier Giroud: «Amo Zoff, Del Piero e la Virtus Entella di Chiavari. Le 3 stelle della Juventus non si discutono». Ha un marito genoano e un figlio interista: «Due pecore nere, ma la prima l’ho scelta io».

Sposata con un genoano, ha tre figli: due ragazze juventine e un maschio, interista. Il galateo ci impone di non parlare dell’età, ma Adriana Ferrari, la terza vincitrice del concorso di tempi.it, il campione misterioso, è una ligure sanguigna che non ci sta a comparire “una donnetta”: «Non descrivermi come la classica casalinga che, casualmente, sa qualcosa di calcio». Allora, bando agli indugi: come hai scoperto che l’anonimo giocatore rispondeva ad Olivier Giroud? «Amo la Camargue e conosco bene i campionati stranieri. Gli indizi che mi hanno aiutati sono stati la cresta e il peso». Ma ammette: «Ho dovuto convertire le libbre in chili».

Una storia di fede calcistica che si scontra, fin da subito, con tutti i problemi di un ambiente avverso. «La prima parola che ho detto, dopo mamma e papà, è stata: “Zoff”». Il portiere della Juventus e della nazionale, di cui «mi sono innamorata subito». A quattro anni, ha imbrattato i muri di casa con un bel disegno del suo campione. Ma nelle campagne di Tavareno, nell’entroterra di Sestri Levante, Adriana cresce senza seguire le orme del suo mito: «Ero un’ala. Correvo molto, e ogni tanto facevo pure gol». Per seguire le vicende calcistiche, tuttavia, deve aspettare le superiori: «A miei tempi, mica era facile andare da Chiavari a Torino per vedere la Signora».

Ma l’aria era sempre quella. Aria di vittorie. Non ha dubbi Adriana: «30 scudetti, vinti per manifesta superiorità. L’idea di scrivere sulla maglia “30 sul campo” non mi convince, mi sembra un po’ ipocrita». E ringrazia ancora una volta Alex Del Piero, e la splendida punizione che ha siglato la vittoria scudetto sulla Lazio. «È un delitto che se ne vada – annuncia –, è la nostra bandiera». Anche il rapporto con la squadra locale, la Virtus Entella di Chiavari. è segnato da grandi emozioni: «Quando c’era da tifare i biancocelesti, che lottavano per la serie C, non mi sono mai tirata indietro».

Adesso, la vittoria nel concorso di tempi.it. Tutto è nato «da una scommessa. Un mio amico milanista non credeva che avrei mai potuto vincere questa sfida. Io gli dissi: “Guarda che almeno una volta lo vinco”. Risate generali». Brava Adriana, e adesso fagliele rimangiare.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. I am really impressed with your writing skills as well as with the layout on your blog. Is this a paid theme or did you modify it yourself? Either way keep up the excellent quality writing, it’s rare to see a nice blog like this one these days..

La rassegna stampa di Tempi
Pellegrinaggio iStoria-Tempi in Terra Santa

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Casa giapponese è quasi pronta a immettere sul mercato la prima trasmissione a tre frizioni e 11 marce al mondo. Promette di ridurre i consumi, incrementare il comfort e garantire una rapidità sconosciuta ai cambi tradizionali.

Forme più slanciate e sportive per la Kia più venduta, giunta alla quarta generazione

Più comfort con le nuove sospensioni: è la promessa per Touring e CVO, rinnovate per il 2017

Crescono cilindrata e prestazioni, calano vibrazioni e consumi: il bicilindrico americano cambia in profondità, con le quattro valvole per cilindro e il rumore mitigato. Esordisce in tre versioni sulla gamma Touring e CVO 2017

Appena presentata e già sul tetto del mondo. Grazie all'oro conquistato a Rio da Nino Schurter, la nuova Spark si candida per diventare la superstar del 2017.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana