Google+

Adriana bagna il naso ai maschietti e indovina il “campione misterioso” Giroud

giugno 15, 2012 Daniele Ciacci

Adriana Ferrari azzecca Olivier Giroud: «Amo Zoff, Del Piero e la Virtus Entella di Chiavari. Le 3 stelle della Juventus non si discutono». Ha un marito genoano e un figlio interista: «Due pecore nere, ma la prima l’ho scelta io».

Sposata con un genoano, ha tre figli: due ragazze juventine e un maschio, interista. Il galateo ci impone di non parlare dell’età, ma Adriana Ferrari, la terza vincitrice del concorso di tempi.it, il campione misterioso, è una ligure sanguigna che non ci sta a comparire “una donnetta”: «Non descrivermi come la classica casalinga che, casualmente, sa qualcosa di calcio». Allora, bando agli indugi: come hai scoperto che l’anonimo giocatore rispondeva ad Olivier Giroud? «Amo la Camargue e conosco bene i campionati stranieri. Gli indizi che mi hanno aiutati sono stati la cresta e il peso». Ma ammette: «Ho dovuto convertire le libbre in chili».

Una storia di fede calcistica che si scontra, fin da subito, con tutti i problemi di un ambiente avverso. «La prima parola che ho detto, dopo mamma e papà, è stata: “Zoff”». Il portiere della Juventus e della nazionale, di cui «mi sono innamorata subito». A quattro anni, ha imbrattato i muri di casa con un bel disegno del suo campione. Ma nelle campagne di Tavareno, nell’entroterra di Sestri Levante, Adriana cresce senza seguire le orme del suo mito: «Ero un’ala. Correvo molto, e ogni tanto facevo pure gol». Per seguire le vicende calcistiche, tuttavia, deve aspettare le superiori: «A miei tempi, mica era facile andare da Chiavari a Torino per vedere la Signora».

Ma l’aria era sempre quella. Aria di vittorie. Non ha dubbi Adriana: «30 scudetti, vinti per manifesta superiorità. L’idea di scrivere sulla maglia “30 sul campo” non mi convince, mi sembra un po’ ipocrita». E ringrazia ancora una volta Alex Del Piero, e la splendida punizione che ha siglato la vittoria scudetto sulla Lazio. «È un delitto che se ne vada – annuncia –, è la nostra bandiera». Anche il rapporto con la squadra locale, la Virtus Entella di Chiavari. è segnato da grandi emozioni: «Quando c’era da tifare i biancocelesti, che lottavano per la serie C, non mi sono mai tirata indietro».

Adesso, la vittoria nel concorso di tempi.it. Tutto è nato «da una scommessa. Un mio amico milanista non credeva che avrei mai potuto vincere questa sfida. Io gli dissi: “Guarda che almeno una volta lo vinco”. Risate generali». Brava Adriana, e adesso fagliele rimangiare.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. I am really impressed with your writing skills as well as with the layout on your blog. Is this a paid theme or did you modify it yourself? Either way keep up the excellent quality writing, it’s rare to see a nice blog like this one these days..

La rassegna stampa di Tempi
Pellegrinaggio iStoria-Tempi in Terra Santa

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il restyling della supercar nipponica porta in dote interventi di dettaglio che rafforzano la vocazione granturistica della versione base, ora forte di 570 cv, mentre la variante estrema Nismo beneficia di superiori valori di deportanza e di un assetto pronto pista.

Il jet che ha fatto scuola. Semplice e stiloso, è un classico che non conosce età e continua a piacere, insensibile alle mode.

Parte il progetto “Unconventional Team”: 8 campioni in 6 sport di scivolamento interpreteranno i valori fondanti del marchio francese

Auto, bici ed elicottero. Un weekend sulle orme degli eroi del Giro d'Italia, lungo le favolose strade delle Dolomiti, soffrendo con lo Squalo

Una leggera hardtail in fibra di carbonio pensata per il cross country, anche quello con la tabella portanumero, ma versatile e divertente. Con prestazioni di livello e un prezzo accessibile è la bici ideale per completare il proprio garage.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana