Google+

A Marius e Ruth hanno sottratto i cinque figli perché sono «cristiani radicali»?

dicembre 11, 2015 Benedetta Frigerio

Norvegia, il caso di una coppia cui i servizi sociali hanno tolto i figli sospettando abusi di cui però non v’è traccia. Una petizione chiede che i bambini possano tornare a casa

norvegia-bodnariu

Sono stati arrestati, interrogati e subito rilasciati dai servizi sociali norvegesi mentre i figli venivano allontanati da loro, per giorni e senza alcuna spiegazione. Ma questo è solo l’inizio dell’incredibile storia che ha coinvolto i due coniugi Marius e Ruth Bodnariu, lui romeno e lei norvegese, residenti in Norvegia, di cui ora si inizia a sapere qualcosa tramite la voce del loro legale. Per ora, le notizie sono abbastanza frammentate e molti rimangono i punti oscuri.
Solo questa settimana, infatti, sono emerse le motivazioni per cui, da oltre un mese, non è permesso alla coppia di vedere i cinque figli: nei documenti che l’avvocato difensore ha finalmente ottenuto dai servizi sociali, si legge che Marius e Ruth sono «cristiani radicali che stavano indottrinando i loro figli».

«MOLTO CRISTIANI». La mattina del 16 novembre, i servizi sociali norvegesi si erano presentati alla scuola dei bambini più grandi sottraendoli alla custodia dei genitori, per poi recarsi a casa Bodnariu arrestando Ruth e rilasciandola solo dopo un interrogatorio. Anche a Marius, arrestato sul lavoro, era accaduto lo stesso. Ad entrambi non furono date spiegazioni sull’accaduto con la scusa che altrimenti il loro caso si sarebbe aggravato. Ma negli ultimi giorni, grazie all’azione dell’avvocato difensore, i due coniugi sono riusciti ad ottenere alcune informazioni, scoprendo che la segnalazione ai servizi sociali era partita dalla preside della scuola, preoccupata perché le due figlie maggiori avevano parlato di castighi da parte genitori. Nella segnalazione la preside aveva definito i due coniugi come «molto cristiani», spiegando che anche gli zii sono credenti e che la fede della nonna porta a credere in un Dio che punisce i peccati. Pertanto, sebbene convinta che non vi fossero abusi fisici, secondo la preside era necessario un intervento di sostegno familiare da parte dei servizi sociali.

NESSUN ABUSO FISICO. A fare da portavoce ai coniugi Bodnariu è stato il fratello di Marius, un pastore cristiano che giovedì scorso ha scritto un resoconto su quanto l’avvocato della famiglia ha appreso sugli interrogatori ai nipoti. «Cercheremo di essere il più oggettivi possibile», secondo «le informazioni a nostra disposizione», ha cominciato il pastore, ricordando innanzitutto che i bambini sono stati sottoposti a diversi esami medici da cui emerso che non vi è alcun segno di abusi fisici. Nonostante questo è stato domandato loro se fosse vero che ricevevano punizioni. I bambini avrebbero risposto che a volte nascondono le marachelle al padre per evitare sculacciate o tirate d’orecchi, ma che non sono affatto spaventati all’idea di tornare a casa. E sebbene avessero spiegato di non temere mamma e papà, questo è bastato per continuare gli interrogatori chiedendo loro se ricordassero episodi di percosse. Una delle figlie avrebbe detto che il padre una volta aveva «scosso come un tappeto» il figlio minore perché si era aggrappato ai suoi occhiali.

«BAMBINI SONO MANIPOLABILI». Quando Marius è stato informato, ha spiegato come sono andate le cose: «Marius – ha continuato il fratello – mi ha spiegato che era semplicemente felice per il fatto che per la prima volta il figlio (di tre mesi) era riuscito ad afferrare qualcosa» e che quindi gli aveva fatto fare un balzo. Il timore del pastore è che gli assistenti sociali stiano cercando di far dire ai bambini quello che vogliono loro. «I bambini possono essere manipolati e interrogati in modo tale da essere spinti a dire cose inesatte? Certo!». Il pastore ha infine sottolineato che sebbene ci siano casi di abusi da punire «è una responsabilità enorme essere in grado di discernere se l’abuso sia reale».

LE PRESSIONI. Interrogati, Marius e Ruth non hanno nascosto di aver sgridato o di aver provato a sculacciare i bambini. Ruth ha anche subito pressioni da chi l’ha interrogata perché denunciasse il marito: se avesse dichiarato che abusava fisicamente di lei, le avrebbero affidato i figli. «Ma Ruth ha risposto che non poteva, perché è una bugia». I bambini avrebbero scritto anche delle lettere a mamma e papà, che però non sono mai state consegnate. I servizi sociali hanno invece dichiarato che non esistono lettere e che ai bambini non mancano i genitori.
Nella speranza di incontrare i loro figli, i coniugi Bodnariu hanno chiesto preghiere alla comunità cristiana a cui appartengono, che ha risposto con orazioni e digiuni. Intanto, il ricorso dei genitori contro i servizi sociali è stato respinto, l’unica concessione ottenuta venerdì scorso è stata la visita di due ore settimanali al figlio minore, mentre solo Ruth potrà vedere gli altri quattro bambini una volta alla settimana.

«FAMIGLIA NORMALE». Intanto una petizione firmata da quasi 35 mila persone e un’azione di protesta verso il governo hanno portato il caso all’attenzione delle istituzioni internazionali. Settimana scorsa anche un senatore romeno, Titus Corlatean, ha parlato in difesa della famiglia Bodnariu di fronte alla Commissione per l’uguaglianza e la non discriminazione all’assemblea parlamentare del Consiglio europeo riunito a Parigi. Infine, ricordando che Marius e Ruth si erano conosciuti in Romania, dove lui lavorava come ingegnere per un’opera di accoglienza in cui lei prestava volontariato, il pastore ha assicurato: «Testimonio e con veemenza affermo che Marius e Ruth hanno generato figli e li hanno cresciuti come una normale famiglia con valori cristiani. Questi genitori amano i loro figli e hanno fatto tutto il possibile per crescerli con cura amorevole (…). La divisione della loro famiglia da parte dei servizi sociali è un incubo. Ma la loro speranza è fondata e riposta in Dio, che può cambiare ogni situazione e che ha sempre il controllo».


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

17 Commenti

  1. Giulio scrive:

    ………. la fede della nonna porta a credere in un Dio che punisce i peccati.

    wow! quale scandalo per questi pagani.

  2. gabriele scrive:

    quando succederà qui in italia una cosa simile?

  3. nicola scrive:

    Una vicenda sconcertante. Nella “civilissima” Europa…
    Ho il timore purtroppo che stiamo andando in questa direzione. Questi casi si moltiplicheranno, il laicismo di stato sta trionfando in Europa.

    • giovanna scrive:

      Una sculacciata per i figli è una tragedia, mentre essere uccisi nel ventre materno, o comprati come oggetti dalle donne povere del mondo, una bella roba.

  4. SAMING scrive:

    Sarebbe successo lo stesso se fossero stati mussulamni ?
    Si parla della “civilissima” Norvegia” ????
    La civilissima norvegia dove gli aborti sono all’ oprdine del giorno ?
    Mah !!!!!!

  5. SUSANNA ROLLI scrive:

    Non sono nemmeno riuscita a legger fino ala fine dal nervoso!
    Una famiglia che si nota…per forza, è una famiglia normale!!
    Vai te a far dei figli!!
    Secondo me la preside era gelosa del bel quadretto familiare!!
    Vai a vedere te come son cresciuti bene quelli che non hanno mai preso una sculacciata!
    Anche io ho regalato sculacciate a gratis in questi miei 26 anni di matrimonio; dai , forza venite a prendere la sottoscritta cattivona-ona-ona!!
    La sottoscritta non dice bugie -come i coniugi sopra ed i loro figli- ed insegna a fare altrettanto ai suoi figli. Bachettona bigottona cristianona che la domenica si va in Chiesa? Aiuto!!!!, la Chiesa cattolica romana apostolica!!
    Il Santo Rosario, quello di Bernadette?, del Medioevo? ORCHI ASSASSINI!!
    La pace e la gioia, che con la grazia dello Spirito Santo si erano costruiti in quella casa stanno semplicemente cercando di ELIMINARLA; non ce la faranno mai.
    Basta, che poi se no sto male…
    Anche se stanno peggio quei bambini senza i loro genitori, ed i loro genitori senza quei bambini…
    Oremus.

    • Massimo Martini scrive:

      Questa famiglia è normale tanto quanto lo è una famiglia musulmana che mette il velo alle figlie e che insegna ai ragazzi a non farsi la barba per che dio non vuole..

      sono famiglie che violano la libertà religiosa dei figli creando danni a volte irreparabili.

      Come è accaduto a te Susanna che sei stata convinta che i gay sono un abominio.

      Non siete affatto normali.

      • recarlos79 scrive:

        sei veramente un cannato da paura. quando guidi vai da solo perché la vita , la tua ma pure quella degli altri, non ti appartiene. ho pena di te. ti ricorderò nelle mie preghiere.

      • SUSANNA ROLLI scrive:

        Ciao Massimo Martini,
        per me gli omosessuali- io li chiamo così- sono persone innanzitutto, e persone per le quali pregare in modo particolare; anche i miei figli potrebbero essere così, e li amerei comunque, anzi, forse di più, e pregherei di più per loro, nient’altro. Punto.
        Buon Natale, Massimo Martini. Mi dispiace che mi giudichi, io non lo faccio. Io vedo, provvedo -in base alle mie capacità e qualità- ed amo.
        Spero che anche tu lo faccia.

      • gipo scrive:

        Cippa-lippa, a te e a quell’altro (elzeviro) un consiglio:
        prima, metteteci un cicinin di tabacco nei cannoni……

  6. Enrico scrive:

    Ma non si può scrivere tutti noi a questi fuori di testa di seviziatori sociali per fare pressioni “molto civili” per il ritorno a casa dei bambini? Una petizione da inviare a … non saprei, ditemi voi.

    • Elzeviro scrive:

      eppure un legame tra fondamentalismo religioso e violenza sembra esserci,a giudicare da quello che sentiamo ogni giorno e dallo spirito di odio agghiacciante dei commenti-tipo su queste pagine deplorevoli.
      pare che in norvegia facciano bene a tenere aperti occhi e orecchie :)

      • SUSANNA ROLLI scrive:

        Elzeviro, ma che bel nome!!!!!!!!!!!!

      • EquesFidus scrive:

        Sicuro, quasi come l’odio da parte degli anticristiani nei confronti dei cattolici, con gente che passa la propria vita su queste pagine (dirette da gente che manifestamente odiano) solo allo scopo di offendere ed irridere i cattolici e bestemmiare il Signore. Collegare il cervello alle dita mai, vero?

      • SUSANNA ROLLI scrive:

        @ Elzevirio..no, Elzeviro

        Odio agghiacciante!! Hai mai visto e sentito odiare qualcuno per davvero?

        Se chi dico io avesse visto Gesù non dico mentre cacciava con la fune di cordicelle i mercanti dal tempio, e non dico neanche mentre malediva il fico, e nemmeno mentre permetteva ad una intera mandria di porci cadere giù in mare, ma solo mentre guariva i malati e cacciava i demoni -soprattutto cacciava i demoni- sarebbero subito corsi in quel di Nazaret a prelevare Maria e Giuseppe per un’interrogazione…..Perchè per voi i VERI BUONI E GIUSTI sono quelli che non osano alzare mai la voce , interiormente statici ed imperturbabili; capaci, poi, come faceva notare Giovanna sopra, di favorire aborti e compagnia bella (meglio, brutta)
        Ditemi se non è così….
        Datevi una letta al Correttore di bozze, può aiutarvi a capire…

    • SUSANNA ROLLI scrive:

      Andiamo a vedere in citizen go…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Alla versione orientata all’off road dell’ammiraglia Jeep si accompagna il debutto, per Renegade, del cambio a doppia frizione DCT in abbinamento al 1.6 Mjet da 120 cv. Svelati inediti pacchetti di personalizzazione Mopar e nuove serie limitate.

Debutta a Parigi la nuova gamma elettrica della city car tedesca. Il motore a zero emissioni eroga 82 cv ed è disponibile sia per la biposto fortwo coupé/cabrio sia per la cinque porte forfour. Autonomia di 160 km e ricarica più rapida che in passato.

La berlina sportiva del Tridente può ora contare su dotazioni multimediali e di sicurezza allineate alle rivali tedesche. Il V6 3.0 biturbo della versione d’ingresso a benzina eroga 350 cv anziché i precedenti 330 cv. Debuttano i pacchetti Luxury e Sport.

Il contest musicale King Of The Flow accompagna al debutto la crossover compatta giapponese. Tra chi voterà uno degli artisti protagonisti c'è in palio proprio una Toyota C-HR

La Casa svedese torna a proporre una wagon di grandi dimensioni (4,96 metri). Al design ricercato e ai sistemi di sicurezza d’ultima generazione si affiancano moderni quadricilindrici sovralimentati a benzina e gasolio. La guida è un’esperienza sensoriale fatta di lusso e sostanza.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana