Google+

Macché Draghi macché Monti, c’è un solo SuperMario (e speriamo che Travaglio tifi Spagna)

giugno 29, 2012 Emmanuele Michela

La doppietta di ieri sera fa zittire le infinite critiche al talento Azzurro, emblema di una squadra intera tanto chiacchierata a inizio Europeo quanto spietata sul campo. Perché è solo lì che valgono le condanne.

Grazie Mario, perché alla fine li hai fatti tacere. Zitti e mosca, tutti a casa. E non parlo solo dei tedeschi: vedere la perfezione del calcio teutonico incrinarsi inesorabile di fronte al tuo bolide del 2-0 è stata una grande goduria che ha fatto riflettere. Proprio tu hai mandato al tappeto quell’austera eccellenza, tu che sei così imperfetto, così criticato, così sopra le righe.

Ma ancor di più fa riflettere aprire i giornali oggi e vedere i titoli dedicati a te e i tuoi compagni: chi non fa altro che silurarti praticamente da quando sei un professionista, stamattina invece ha dovuto tacere ogni critica e riconoscere che fottuto campione sei. Non ci sono più i mugugni con Mourinho e i tifosi dell’Inter, gli insulti dei tifosi della Juve, le villanerie verso un campione come Totti, le freccette ai primavera del City, il fallaccio su Song, la svogliatezza in campo… Chi troppo presto ti ha condannato per i tuoi errori e le tue stravaganze oggi si deve ricredere, e spinge per salire sul carro dei vincitori.

E facciamoli spazio, lasciamoli accomodare. Freghiamocene di pregiudizi e di lotte di principio. Questi titoli, per quanto gli autori non lo vogliano ammettere, sotto il tono entusiasta nascondono l’aria rassegnata di chi deve rendere le armi di fronte al solo detentore del potere. Per l’ennesima volta riconoscono chi comanda veramente nel calcio: non le reprimenda a un ragazzotto di 21 anni, non le accuse troppo libere alla sua maturità, non il vociare sui suoi comportamenti, ma quello che succede in partita. Non mi stancherò mai di ripeterlo: ogni volta il campo è in grado di offrire qualcosa di più interessante, di più imprevedibile e in fondo di più credibile rispetto a tutto quello che si può provare a calcolare prima.

Prendiamo ad esempio tutta l’avventura azzurra a questi Europei. Balotelli è solo l’emblema di un’intera squadra, già data per spacciata all’inizio del cammino. Chi avrebbe scommesso un mese fa che gli Azzurri sarebbero arrivati a mettere sotto in questo modo la Germania in semifinale? Credo nessuno. Invece abbiamo dovuto ricrederci, e più i giorni passavano più la squadra prendeva fiducia. Quella fiducia che tanti le avevano tolto dopo che un mattino la Guardia di Finanza aveva portato via Criscito dal ritiro di Coverciano, dando il là ad una nuova ondata di scandali legati al Calcioscommesse. Qualcuno non voleva addirittura che la squadra partecipasse, ancor di più dopo che erano uscite quelle informative sul suo capitano, Buffon, troppo amante delle scommesse. Per non parlare di tutto quanto si è detto su Cassano dopo le dichiarazioni sui gay.

Tra critiche, pronostici ostili e chiacchiere a non finire quella squadra ha trovato la tranquillità per lavorare bene e stupire tutti. E fa specie pensare che, tra i migliori, possiamo citare proprio quelli che sono stati più al centro dell’attenzione: su Balotelli non serve dire altro, mentre Buffon ieri è stato super nel tenere a galla la squadra, almeno quanto Cassano diventa sempre di più il leader del gruppo insieme a Pirlo; e bisogna citare anche Bonucci, forse uno degli anelli più deboli della catena azzurra, ma sempre autore di prove maiuscole: sembra che il coinvolgimento nell’inchiesta Last Bet non stia facendo nulla al centrale della Juve. Criticati a non finire, ora hanno una Nazione intera ai loro piedi, affascinata letteralmente da quanto espresso fin qui. Chi avrebbe pronosticato una reazione simile? Nessuno, perché tra condanne e pronostici nessuno sa prevedere la sola cosa che conta, ovvero il verdetto del campo. Che per ora è stato insindacabile: Germania a casa, Italia in finale. Con buona pace di Marco Travaglio.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

Chi l’ha detto che per combattere il caldo in moto tocca svestirsi? Le aziende di abbigliamento oggi propongono intimi termici tecnologicamente avanzati, capaci di tenerci al fresco… o quantomeno a temperatura costante. Ecco i migliori intimi termici da moto.

L'articolo I migliori intimi termici da moto proviene da RED Live.

Aldo Drudi, il designer che colora la velocità, si racconta attraverso i suoi lavori, in mostra al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia di Milano fino al 3 giugno.

L'articolo Aldo Drudi in mostra a Milano; “Non chiamatemi artista, io volevo fare il pilota.” proviene da RED Live.

I saloni dell’auto sono di norma la passerella privilegiata per il debutto nuovi modelli ma quando si tratta di parlare di tecnica o di tecnologia, ecco che le Case scelgono altri palcoscenici. L’ultimo esempio lo dà Volkswagen, che al Vienna Motor Symposium svoltosi a fine aprile ha aperto una finestra su alcune succose novità del […]

L'articolo Ibrido e metano: ecco i motori del futuro di VW proviene da RED Live.

A Mattighofen accelerano sui tempi e presentano le KTM EXC 2019. Nuove le grafiche, le sospensioni (riviste nella taratura) e la conformazione della sella.

L'articolo KTM EXC 2019, prima di tutti proviene da RED Live.

In quattro anni se ne possono preparare tante di novità e i ragazzi californiani non si sono certo risparmiati. A partire dal telaio, che dalla lega di alluminio è passato alla fibra di carbonio, nello specifico UHC Advanced con specifiche Felt, per poter meglio distribuire rigidezza e flex nei punti giusti. NUOVO TELAIO  La fibra […]

L'articolo Felt Compulsion m.y. 2018 proviene da RED Live.