Google+

«Juve, lascia stare Van Persie e compra Lewandowski»

giugno 13, 2012 Daniele Guarneri

Luciano Moggi fa il punto sul calciomercato, tralasciando la questione ancora in evoluzione di Thiago Silva: «La Juve deve prendere Lewandowski, l’Inter deve tenersi Longo».

«State tranquilli – ha dichiarato il dg rossonero Ariedo Braida – Thiago Silva non lo vendiamo». E solo la settimana scorsa Adriano Galliani: «Thiago rimane con noi al 99.9 per cento». Intanto però sembra tutto fatto per il difensore brasiliano al Paris Saint-Germain. Secondo voci insistenti mancherebbe solo la firma, secondo rivelazioni dell’ultima potrebbero esserci ripensamenti da parte della presidenza rossonera. L’addio comunque porterebbe nelle casse del club di Berlusconi 46 milioni di euro, che diventeranno 50 considerando i bonus. Per il centrale brasiliano un contratto di 5 anni da circa 10 milioni di euro. Se tutto dovesse essere confermato si tratterebbe del difensore più pagato della storia, sia come stipendio che come cartellino. Se il Milan è in affanno la Juventus sembra muoversi in anticipo su tutte. Marotta è riuscito a soffiare a Branca il cileno Isla e con lui arriverà un altro udinese, il centrocampista ghanese Asamoah. «Sono dei buoni acquisti, servono per rinfoltire la rosa a disposizione di Conte, che l’anno prossimo disputerà anche la Champions League», dice convinto Luciano Moggi. «Un affare ben fatto, anche se non sono giocatori che ti fanno fare il salto di qualità». Eppure fino a questo momento la Juventus sembra indirizzata su giocatori di questo tipo: Omar El Kaddouri, belga di origini marocchine, è a un passo dalla firma con la squadra di Agnelli. Stesso percorso, da Brescia a Torino, per il portiere Nicola Leali, un classe 1993 di grandissima prospettiva, l’erede di Buffon secondo gli addetti ai lavori. Per la fascia sinistra il nome più probabile è Federico Peluso dell’Atalanta.

Arriverà o no un top player?
Arriverà, ma questi acquisti si fanno ad agosto. Conte agli europei ha visionato Van Persie e Lewandowski. L’olandese è meglio lasciarlo perdere. Il polacco è un acquisto perfetto. Lo conosco bene, l’ho visto giocare dal vivo molte volte perché ho molti amici nella dirigenza del Borussia Dortmund. È molto giovane (1989) e quest’anno ha segnato 22 volte, senza rigori. Fa al caso della Juventus e si adatterebbe benissimo al gioco di Conte: è forte di testa, agile, sa puntare l’uomo ed è un ottimo finalizzatore. L’unico problema è il costo: non parte per meno di 20/25 milioni di euro. Ma sarebbero ben spesi.

Anche l’Inter si è già mossa. Cosa pensa del riscatto di Guarin e dell’acquisto di Palacio?
Stesso discorso fatto per la Juve: non migliorano di molto il gioco, ma servono nella rosa. Palacio ha fatto bene come prima punta mentre all’Inter probabilmente farà l’esterno. Guarin è un buon centrocampista, niente di più, non è un fuoriclasse. Sono giocatori che non cambiano l’aspetto della squadra. C’è però una differenza con i bianconeri: prima abbiamo citato giocatori molto giovani, qui stiamo parlando di un 1982 e un 1986».

Moratti vuole ringiovanire la rosa, ma Chivu (1980) ha appena rinnovato per due anni con opzione per il terzo e come lui Castellazzi. E su Lucio non c’è ancora chiarezza.
Il solito problema dell’Inter: non c’è un progetto chiaro. Dovrebbero avere la pazienza di puntare sui giovani che hanno e invece continuano a rinnovare i contratti a gente che ha più di 30 e passa anni.

A proposito di giovani, l’Inter Primavera ha appena vinto il campionato di categoria che segue il trofeo della prima edizione della Next Generations.
Hanno dei giovani molto molto validi. In questo caso la dirigenza nerazzurra ha agito ottimamente. Ora devono avere il coraggio di puntare su di loro.

Ha in mente qualcuno in particolare?
Ibrahima Mbaye, difensore del 1994, talento puro, se ne accorse anche Mourinho anni fa. Joseph Duncan, centrocampista di rottura, possente e grintoso. E poi Samuele Longo di cui tutti parlano. Se fossi nei dirigenti non lo lascerei andare via. Tra lui e Mattia Destro in prospettiva preferisco il primavera nerazzurro. Lo terrei nel gruppo e lo farei crescere a fianco dei campioni, non lo darei nemmeno in prestito, è già maturo, va solo svezzato.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana