Google+

In Inghilterra c’è un ministro che vuole rivedere la legge sull’aborto

ottobre 4, 2012 Elisabetta Longo

I progressi fatti dalla medicina in campo delle nascite premature sono un valido motivo per cambiare i termini della legge sull’aborto. Questo è quel che pensa Maria Miller. Subito attaccata dai gruppi pro choice

Ricordatevi questo nome: Maria Miller. Perché nei prossimi mesi sarà la paladina solitaria di una guerra combattuta nelle aule del parlamento inglese. Mrs Miller è l’attuale ministro alla Cultura nominato da David Cameron, e ha appena richiesto che venga cambiato il limite legale in cui in Gran Bretagna è possibile ricorrere all’aborto, riducendo dalle 24 settimane di oggi a 20. I progressi fatti in medicina nel campo dei bambini prematuri permetterebbero infatti di salvare molte vite, ha detto la ministra mamma di tre figli, tra le file dei conservatori dal 2008.

LIMITI. Quello che ha fatto irritare molti dei gruppi pro-aborto è che la ministra si professi una femminista, moderna per di più. «Non stiamo cercando di ostacolare nessuno, solo ci rendiamo conto di quanto impatto abbia sulla vita della donna ricorrere a un aborto così tardivo». Tali gruppi si erano già pesantemente schierati contro il ministro della Salute Jeremy Hunt, che lo scorso mese aveva cercato far ridurre il limite a 12 settimane. Ma il tema è importante, tanto che, occasionalmente, torna al centro del dibattito (lo stesso premier David Cameron aveva detto in un’intervista essere sua intenzione modificare il limite).

RETROMARCIA. È forse anche per questo che Darinka Aleksic, portavoce dei “diritti dell’aborto”, ha attaccato Miller, sostenendo essere “allarmante” il fatto che un ministero responsabile delle donne e dell’uguaglianza voglia restringere i termini per abortire. Così, per ora, tutto rimane nel mondo delle intenzioni. Anche perché il dipartimento della Salute ha fatto sapere non esserci per ora alcuna intenzione di modificare la scadenza, un “affare” che spetta al Parlamento.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana