Google+

Follie amministrative tra Pd e Pdl alleati, Comuni commissariati e Moccia sindaco

maggio 7, 2012 Chiara Rizzo

A Verona Tosi è solo contro tutti, e vince. A Pozzallo Pd e Pdl si alleano. A Sasso di Castalda si presenta un solo candidato, che perde. A Rosello viene eletto Federico Moccia. Le più belle storie elettorali.

Ecco una breve rassegna di casi politici e di storie di provincia che contraddistinguono questa tornata elettorale tra alleanze improbabili, armate brancaleone, candidati unici che riescono a perdere e Federico Moccia che diventa sindaco.

Verona: Secondo le proiezioni Emg per il Tg La7, il leghista Flavio Tosi sarà rieletto al primo turno. Alle 18 viaggia con proiezioni del 56 per cento. Risultato prevedibile, anche se va detto che Tosi è sostenuto solo dalla Lega. Il rivale di sinistra, Michele Bertucco (22 per cento) vanta uno schieramento che comprende Pd, Idv, Sel e Federazione della sinistra. Lo schieramento tutto rosso lascia fuori  solo Alternativa comunista. Il rivale di centrodestra Luigi Castelletti può contare sull’inedita “rialleanza” Pdl-Fli-Udc-Nuovo Psi: roba da vecchia Casa della libertà, che tanta fortuna portò nel 2001, ma non in questo caso.

Palermo: All’altro capo della penisola la battaglia è tutta interna alla sinistra, tra Idv e Pd-Sel-socialisti. Il Pdl, nella regione del cappotto, è fatto fuori così come l’Mpa del presidente della Regione, Raffaele “don arrafaè” Lombardo. Dopo la sconfitta alle primarie di Rita Borsellino e la vittoria di Fabrizio Ferrandelli, sostenuto dai maggiorenti locali del Pd (Lumia e Cracolici, che nel Parlamento regionale sostengono l’alleanza con Lombardo al posto del Pdl) da Sel e appunto dai riformisti, si è candidato anche Leoluca Orlando (Idv), annunciandolo in aramaico e in tutte le lingue del mondo. Ora è proprio Sinnaccollando, come lo chiamano a Palermo, in testa (47 per cento alle 18); a sorpresa Ferrandelli è lontano, al 17 per cento circa. Distanziati anche gli altri avversari.

Pozzallo (Rg): Passerà alla storia: Roberto Ammatuna è il candidato unico di Pdl e Pd nel Comune che si trova a rischio default. Comunanza di programmi o inedito laboratorio di intese politiche? Il caso Pozzallo non nasce da nessuna delle due cose. Semplicemente, il Pdl non aveva un proprio candidato mentre il Pd ne ha proposto uno convincente. E così si sono alleati.

Sasso di Castalda (Pt): Poteva esserci un plebiscito, nel piccolo comune della Basilicata. Il candidato sindaco infatti è uno solo, Rocco Perrone: ma sui 1.145 aventi diritto al voto, alle urne sono andati solo in 534, il 46 per cento. Non si è raggiunto il quorum, e ora il Comune sarà commissariato per un anno, fino a nuove elezioni.

Rosello (Ch): Nel piccolo centro abruzzese (300 elettori) il plebiscito invece c’è stato. Sorprendente l’esito. Esce vincitore al primo turno il candidato Federico Moccia, lo scrittore di “Tre metri sopra il cielo”. Ha raccolto l’89,47 per cento dei voti. «Sono molto felice e per niente preoccupato – fa sapere Moccia –: non credo sarà un lavoro difficile, basta avere delle iniziative».

Lucca e Carrara: Nella prima città si gioca la vera grande partita elettorale della Toscana. Lucca è infatti amministrata da decenni – a parte 4 anni tra il 1994 e il 1998 – da Dc ed ex Dc. Qui la Balena Bianca, con lo scudo crociato o riciclata in altri partiti, è rimasta in sella. Non a caso la carta d’identità dell’attuale candidato di punta, il sindaco uscente Mauro Favilla (Pdl), segna 78 anni. Lucca è diventata così una specie di pentola a pressione elettorale, tanto che quest’anno, per reazione, si è raggiunto il record di candidature: 11 sindaci, 24 liste, 700 candidati al consiglio comunale. La sinistra ha proposto il più “fresco” Alessandro Tambellini (professore, 57 anni), presentandosi unita (Pd-Idv-Sel-Federazione della sinistra). E con il 52 per cento dei voti Tambellini è riuscito a colorare di rosso anche la “macchia bianca” della Toscana. Il secondo caso storico si gioca a Carrara, che vanta un particolare primato. Dal 1976 infatti nessun sindaco ce l’ha mai fatta a vincere al secondo turno. Per la prima volta il socialista Andrea Zubbani, apprezzatissimo sindaco, oggi è sostenuto da quella che i giornali definiscono “non una coalizione, ma un’armata di sinistra”: e con il 48,6 per cento dei voti dovrebbe farcela.

Taranto: Dopo la decisione di Vendola e Bersani di presentare un candidato comune, il sindaco uscente Ippazio Stèfano si era costituito un comitato spontaneo al grido di “fateci scegliere”, che ha raccolto le firme necessarie alla discesa in campo di Michele Pelillo. Il quale, probabilmente sotto pressione, all’ultimo momento si è ritirato. Così Stèfano è stato sostenuto da una strana coalizione, che ripropone l’alleanza di Vasto (Pd-Sel-Idv) allargata ad Api e Udc. Per capire il clima, basti dire però che giovedì scorso il governatore Nichi Vendola a Taranto è stato fischiato e contestato da alcuni giovani ambientalisti con una curiosa bandiera: Svendola città, con la S disegnata da dollari, per denunciare la situazione dello stabilimento L’Ilva. Non va dimenticato poi il caso Cito: mentre l’ex deputato di destra Giancarlo Cito (quello che voleva «tarantizzare l’Europa»), un pezzo di storia cittadina, è in carcere con condanna definitiva per falso, abuso e tangenti, il figlio Mario si è candidato per raccoglierne l’eredità. Potrebbe essere il vero rivale di Stèfano, ai danni del Pdl.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. I precisely desired to thank you very much all over again. I am not sure the things that I might have sorted out in the absence of the secrets documented by you relating to such a situation. It had become a very frustrating difficulty in my position, however , seeing the very specialised style you solved it took me to weep with fulfillment. I am just grateful for the help and as well , believe you find out what an amazing job that you are putting in teaching the mediocre ones with the aid of a site. I’m certain you’ve never come across all of us.

  2. Lyle Levans says:

    I just want to mention I am just new to blogging and site-building and seriously savored this web-site. Probably I’m planning to bookmark your blog . You actually come with very good articles and reviews. Thanks a lot for revealing your blog.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.