Google+

La vibrante anima della natura di Tiziano

luglio 26, 2012 Mariapia Bruno

Era il 1507 quando un giovanissimo Tiziano (Pieve di Cadore, circa 1485 – Venezia, 27 agosto 1576) iniziò quello che sarebbe stato considerato il suo primo vero capolavoro. Di dimensioni maestose (204×324 cm), La Fuga in Egitto incanta per quella resa nuova e suggestiva del paesaggio, non più semplice cornice del racconto che si svolge al suo interno, ma protagonista vibrante che diventa tutt’uno con la figura umana. Fresco della lezione del Giorgione, nella cui bottega approdò proprio in quell’anno dopo aver lasciato quella di Giovanni Bellini, Tiziano si pone sullo stesso livello dei grandi maestri veneti che tra la fine del Quattrocento e l’inizio del Cinquecento hanno dato una spinta innovativa alla rappresentazione della natura.

Ecco che allora accanto al dolce e delicato abbraccio della Madonna e il Bambino, allo sguardo serio di Giuseppe che scorta la sua famiglia, e all’espressione serena di quel ragazzino, forse San Giovannino, che trascina avanti il mulo, prendono vita frondosi alberi, sbocciano fiori purpurei e godono della fresca ombra grandi e piccoli animali – le pecore, il cervo, la volpe, l’uccello. Nuvole scure minacciano la tranquillità di quella deliziosa finestra sul mondo naturale, della quale Vasari ha elogiato l’originalità e la capacità di saper trasformare in pura pittura un’innovativa e sbalorditiva interpretazione della natura. Custodita da 250 anni all’Ermitage di San Pietroburgo e rinata dopo 12 anni di restauri accurati, questa superba composizione torna in Italia il prossimo 29 agosto come star assoluta della mostra Il Tiziano mai visto. La Fuga in Egitto e la grande pittura veneta, che aprirà le sue porte fino al 2 dicembre 2012 alle Gallerie dell’Accademia di Venezia.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

Commenti Facebook

L’Osservatore Romano

L'Osservatore Romano

Tempi Motori – a cura di Red Live

La berlina media derivata da Panamera, attesa non prima del 2018, potrebbe essere la prima Porsche integralmente elettrica. Grazie alla collaborazione con Audi, verrebbe dotata di batterie con un’autonomia di 400 km.

X5 e X6 ricevono il propulsore più potente mai destinato dalla Casa bavarese a una vettura a trazione integrale. Il V8 4.4 biturbo a iniezione diretta di benzina eroga 575 cv e 750 Nm. Scattano da 0 a 100 km/h in 4,2 secondi.

Annunciata a Milano la vincitrice del concorso, promosso da BMW Group Italia, rivolto ai giovani talenti del design

Sono le nuove ruote destinate a colorare le biciclette più cool del momento, da quelle nate dando nuova vita agli scheletri nell’armadio, a quelle hi-tech, riservate agli esperti dello “skid"

La concept presentata al Salone di San Paolo (Brasile) è un mix tra una crossover sportiva e un pick-up. Resterà una provocazione?

Speciale Nuovo San Gerardo