Google+

Te Deum, Aldo Trento: Per la Tua Misericordia che supera le calunnie dei nemici

dicembre 30, 2012 Aldo Trento

«Guardando la mia vita, presto avrò 66 anni, rimango sempre più commosso e colmo di pace per l’infinita pazienza con la quale il Signore mi porta per mano in ogni momento»

Come ogni anno, l’ultimo numero del settimanale Tempi raccoglie una serie di “Te Deum” di personalità significative all’interno del panorama sociale italiano. Nel numero che trovate in edicola a partire da giovedì 27 dicembre troverete i contributi di Angelo ScolaLuigi NegriAlberto Caccaro, Aldo Trento, Luigi Amicone, Antonio SimoneRoberto Formigoni, Marina Corradi, Renato Farina, Mattia Feltri, Pippo Corigliano, Annalisa Teggi, Costanza Miriano, Davide Rondoni, Giampiero Beltotto, Maria Rita O., Antonio Gurrado, Cecilia Carrettini, Gian Micalessin, Lorella Beretta, Andrea Mariani, Berlicche e molti altri.
Pubblichiamo il Te Deum di padre Aldo Trento.

Pietà di me, o Dio, nel tuo amore; nella tua grande misericordia cancella la mia iniquità./ Lavami tutto dalla mia colpa, dal mio peccato rendimi puro./ Sì, le mie iniquità io le riconosco, il mio peccato mi sta sempre dinanzi./ (…) Ma tu gradisci la sincerità nel mio intimo, nel segreto del cuore mi insegni la sapienza./ Aspergimi con rami d’issòpo e sarò puro; lavami e sarò più bianco della neve.

Cari amici, in questo fine anno desidero esclusivamente parlare della Misericordia di Dio, del suo più bel dono. Per questo metto come premessa alle mie parole il salmo 50. È il cantico alla carità, alla gratuità di Dio verso ognuno di noi. L’autore di questo grido lo conosciamo tutti, come conosciamo il peccato col quale macchiò la sua vita. Il re David un giorno perse la testa a causa di una bella donna e arrivò fino a favorire la morte del marito per impadronirsi di lei. Tuttavia, una volta realizzato il suo progetto dovette fare i conti con Natan, il profeta, che gli rinfacciò la sua grave responsabilità e la punizione di Dio. David riconobbe il suo peccato e il salmo 50 è il frutto di questa coscienza. Guardando la mia vita, presto avrò 66 anni, rimango sempre più commosso e colmo di pace per l’infinita pazienza con la quale il Signore mi porta per mano in ogni momento. Non mi ha mai abbandonato, neanche quando ho fatto di tutto per allontanarmi dalla Sua Presenza, seguendo ideologie o falsi infiniti. Quante volte ho tentato di fuggire da Lui ma me lo sono sempre trovato davanti! L’uomo nasce peccatore perché figlio di Adamo ed Eva. Gesù non è venuto al mondo per fare una passeggiata, ma per salvarci dal peccato, per restituirci la grazia persa. Cristo è la risposta di Dio al peccato dell’uomo.

Senza la “grazia” del peccato non avremmo potuto nemmeno pronunciare il dolce nome di Gesù. A volte dico a me stesso: sì, il paradiso terrestre sarà stato qualcosa di infinitamente meraviglioso, ma quanto più bello, benché riempia di dolore e di fatica, è poter dire: “Tu, o Cristo mio”! Cosa c’è di più grande, di più commovente del fatto del Figlio di Dio fatto carne? Lo abbiamo visto il giorno di Natale nel presepe, lo vediamo tutti i giorni nei sacramenti e in particolare nell’Eucaristia e nella Confessione. Lo vedo nella mia vita, lo vedo nei miei figli che soffrono. San Paolo afferma: «Dove abbonda il peccato sovrabbonda la grazia». La grazia per la quale l’uomo afferrato da Cristo è cosciente e sperimenta la bellezza di quello che afferma il cantico di Isaia: «Il Signore dal seno materno mi ha chiamato, fin dal grembo di mia madre ha pronunciato il mio nome». Che gioia riconoscere che io sto da sempre nel pensiero di Dio e che, pur conoscendomi bene, conoscendo tutto quello che io avrei combinato, mi ha scelto per essere ciò che sono. Mentre oggi tutti ricorrono allo specialista per decidere se sono o non sono adatti per il regno dei cieli, Dio mi ha voluto, mi ha scelto per essere quello che gli specialisti non avrebbero ritenuto idoneo per me. Spesso dico che se dovessi entrare oggi in seminario non mi accetterebbero perché sarei un caso patologico. Invece la modalità di Dio nella sua relazione con l’uomo non ha niente a che vedere con i criteri del mondo moderno.

O Gesù! Come vorrei che fosse la Tua misericordia a guidarci tutti. Durante questo anno ho sofferto sulla mia carne e sulla carne di un amico sacerdote un po’ di quello che Tu hai sofferto davanti a Pilato e a coloro che ti accusavano. Non c’è stato giorno senza sentire il peso delle calunnie, della diffamazione. E la tentazione della ribellione è stata grande. Tuttavia, guardandoti, sostenuti da alcuni amici, abbiamo scelto il silenzio, obbedendo alle circostanze così come si presentavano. Tutte le volte che vado alla Clinica Ti vedo, Gesù, in ogni viso, e questa certezza mi dà l’energia per andare avanti, specialmente in questo momento in cui il mio amico non sta più fisicamente condividendo il cammino. Quando mi inginocchio e do un bacio a un malato di Aids, la cui vita è stata disordinata, non mi fermo davanti al fatto che sia un travestito o che l’omosessuale abbia al suo fianco il proprio compagno, bensì vedo in ognuno il Tuo viso, o Gesù! Molti si scandalizzano quando dico queste cose, tuttavia, come Tu ci hai detto nel capitolo 25 di Matteo, questa è la verità. Come è verità che anche chi ha violato uno dei miei figli ed è in carcere è il Tuo viso, o Gesù! Questa è l’unica certezza che mi permette di vivere con letizia la mia vita quotidiana, una vita completamente dedita a chi è niente o è materiale inutile per il mondo.

O Gesù, alla fine di quest’anno ti chiedo perdono per i miei peccati. Chiederti perdono significa abbracciare tutte le persone che hanno sofferto ingiustizie, hanno conosciuto il dramma della prigione. Che bella la consolazione che deriva dalla certezza che tutti possono condannarmi e giustamente (esistono il Paradiso, l’Inferno e il Purgatorio), ma tuttavia Dio non si dimentica mai dei suoi figli. Ai miei pazienti terminali che non parlano o parlano solo guaraní, chiedo se sono pentiti dei loro peccati e loro alzano il pollice a conferma e allora do loro l’assoluzione…

In fondo basta così poco per essere abbracciati dalla infinita Misericordia di Dio. Auguro a ognuno di voi di sperimentare la bellezza di questa Misericordia, confessandosi ogni settimana, perché il sacramento della penitenza è l’unico che può essere ricevuto in ogni momento. Se Dio nella mia vita ha fatto quello che ha fatto, è stato grazie al mio sì al sacramento della penitenza. La compagnia stessa, quella compagnia che ci rimanda al Destino, è impossibile senza vivere intensamente questo sacramento. «In te, Domine, speravi; non confundar in aeternum».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.