Google+

Miss Pennsylvania spiazza l’America: «Sono nata da uno stupro. Ringrazio Dio di essere qui»

marzo 9, 2014 Benedetta Frigerio

Valerie Gatto, 25 anni, laureata con lode, ha spiegato ai giornalisti: «Sapere come sono stata concepita non mi ha impedito di crescere. Anzi il sacrificio di mia madre mi ha fortificato»

valerie-gatto-miss-pennsylvaniaMiss Pennsylvania 2014 si è laureata cum laude all’università di Pittsburgh, ma non è questa la notizia. Valerie Gatto, classe 1989, è una cristiana praticante che ha stupito mezza America quando si è raccontata così: «Dio è la ragione del mio essere al mondo». Di più, la reginetta di bellezza ha raccontato senza alcuna esitazione, neanche davanti ai giornalisti, di essere “figlia” di una violenza sessuale, e la sera dell’incoronazione ha pensato subito di ringraziare il Signore «per avermi condotta fin qui. Per questo non mi faccio fermare dal mio passato o dalle avversità».

LA VIOLENZA. La ragazza non ha mai fatto mistero del dramma in cui è stata concepita. Quel giorno sua madre, all’epoca diciannovenne, fu aggredita e violentata all’uscita dal lavoro. L’uomo, con un coltello in mano, minacciava anche di ucciderla. Fortunatamente, però, una luce si accese lungo la strada e lo stupratore, spaventato, scappò lasciando libera la donna. «Penso a quella luce come all’angelo custode di mia madre e mio», dice oggi la Miss.

valerie-gatto-miss-pennsylvania-hLA FAMIGLIA. Sua madre inizialmente aveva pensato di dare la bambina in adozione, ma alla fine decise di tenerla anche grazie alla famiglia, che le promise tutto il supporto necessario: «Se Dio permette una cosa ti dà la forza di portarla», disse la nonna di Valerie a sua madre. La piccola crebbe in una casa piena di amore, dove fu educata alla speranza e alla fede che «è al primo posto della mia vita: sono cresciuta nella comunità cristiana e ho visto anche mia madre aiutare i bisognosi». Per anni, infatti, la madre di Valerie si è occupata del servizio ai più poveri della parrocchia, insegnando alla figlia che «non importa quanto poco hai, occorre ridare quanto si è ricevuto».

LA LUCE NEL BUIO. «Sapere come sono stata concepita non mi ha impedito di crescere», ha ribadito Miss Pennsylvania ai cronisti stupefatti. «Anzi mi ha fortificato: vedere il sacrificio di mia madre e della mia famiglia mi ha fatto capire che non importa cosa ti sia successo, anzi i limiti e le difficoltà ti rafforzano. Ho imparato a trarre vantaggio da ogni ostacolo». Durante il concorso la ragazza ha ricordato che sua madre le diceva sempre che era la luce della sua vita: «Sento il compito di essere una luce nel buio. Dal momento del concepimento nella mia vita c’è sempre stata la luce associata al buio: la mia storia è dura ma ha aiutato tante persone». Oltre a recitare, Valerie attualmente lavora nel settore marketing ed è impegnata nel volontariato con i bambini svantaggiati e contro le violenze sulle donne.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

55 Commenti

  1. Shiva101 scrive:

    «Se Dio permette una cosa ti dà la forza di portarla»

    Dio avrebbe permesso lo stupro della madre e lei ringrazia??

    complimenti…. proprio un bel messaggio.

    • Ceci scrive:

      Sì Shiva, Dio ha permesso lo stupro di sua madre. Perché Dio ci lascia liberi di scegliere, e l’abominevole scelta dell’uomo è stata ripagata dall’amorevole scelta della madre, quella di metterla al mondo.
      Ecco come una violenza diventa amore.

      • Shiva101 scrive:

        Quindi ogni basta che dopo un qualuqnue crimine la vittima compia un gesto in qualche modo caritatevole e tutto passa come un frutto “misericordioso” del Creatore…

        forse siete in confusione…

        • Toni scrive:

          Si vince il male con il bene… ed avvolte è molto difficile.

          ma che sarà mai per te ….. shiva101 …. ahahahahha

        • sofia scrive:

          Le donne stuprate non riescono a superare il trauma subito e diverse si suicidano, anche se i giornali non lo dicono. Avere un bambino le aiuta a superare questo trauma perché ridà un senso alla loro vita. Ci sono diverse testimonianze in questo senso e non vuote ideologie, come fanno alcuni in questo blog

  2. filomena scrive:

    Ma vi rendete conto che questa ha sfruttato la sua storia, peraltro simile purtroppo a tante altre perché i giornali come voi parlino di lei. Cosa ha studiato? Marketing…. ma va!?
    Questo è un personaggio costruito ad arte.
    Se fosse tanto timorata di Dio quantomeno dovrebbe essere coerente e non farsi fotografare seminuda invece di ah ah ah stuzzicare voi maschietti devoti.

  3. filomena scrive:

    Ma vi rendete conto che questa è una volpona che sfrutta la sua storia per andare sui giornali e stuzzicare voi maschietti devoti con foto seminude.
    Se fosse tanto pia si coprirebbe come sosteneva il vostro amico Paolo.

    • beppe scrive:

      filome’. statte calma. come sei svelta nel giudicare. ne abbiamo lette tante di storie e biografie ”furbette” , perchè non accettare anche questa. aspettiamo il racconto della prima miss concepita in provetta. il fatto che ti dia così fastidio la storia di valerie è già un segno che mi fa credere che sia vera. statte buo’, filome’

    • Cisco scrive:

      Ecco il lato bacchettone dell’ideologia. Ammesso e non concesso che la ragazza in questione voglia farsi pubblicità, un po’ come Luxuria che se ne va a Sochi con la bandiera arcobaleno (ma nessuno la considera, poverina), nulla toglie al fatto che sua madre è stata stuprata, e nonostante questo ha deciso di metterla al mondo. E che lei sia di questo felice. Quanto agli accenni ai pruriti di noi maschietti, forse si tratta solo di invidia, tua e “del nostro amico Paolo”…

    • giovanni scrive:

      Filomena, mi stupisci! I tuoi commenti non sono mai superficiali, vanno sempre al cuore della questione, e in ogni situazione vedi sempre il lato positivo. Grazie!

    • giovanni scrive:

      Ahahahahahahahahahahah!

    • Ellas scrive:

      Ma come Filmena, tu bacchetti sempre se si critica un millimetro di gonna più lungo invece chepiù corto e ti lamenti di questa? (E’ un paragone!)

      C’è un’altra storia simile e più soft:

      http://www.aleteia.org/it/stile-di-vita/news/sacerdote-nato-da-uno-stupro-perdona-il-padre-e-lo-confessa-5320217362169856

      E tu Remo che cavolo dici! Lo stupro non è una cosa con cui scherzare.

    • Giorgia scrive:

      Certo, pensa solo a farsi pubblicità, esattamente come quelle del GF8-9-10! Va in giro a vantarsi di essere cristiana, concepita per stupro,contro l’aborto! Proprio una pubblicità spietata!
      Pensa se una Miss può essere eletta sfilando in burqua, pensa che per farsi pubblicità si vanta di lavorare per donne e bambini!
      Proprio una vergogna che non abbia ancora fatto un calendario nuda, cos’ha al posto del cervello questa?

    • Menelik scrive:

      Io penso che te non hai uno straccio di idea di chi siano i cristiani e le cristiane, a parte le boiate che volete credere voi.

    • Toni scrive:

      Questo non me l’aspettavo… un colpo di scena… pure puritana!

      Comunque conosco i miei polli: se fosse stata miss-trans e la madre non fosse stata cristiana certi commenti sarebbero stai diversi

  4. Remo scrive:

    Quando verrà stuprata dirà: “mi raccomando mettimi incinta, almeno da questa violenza nascerà qualcosa di buono”

  5. Giovanna scrive:

    L’importante e non venire al mondo attraverso la fecondazione assistita, che è pratica innaturale e immorale.

    • filomena scrive:

      Dunque meglio lo stupro che la fecondazione assistita, ma sei matta?
      A Cisco che non ha capito sull’ironia di voi maschietti, la cosa eta più raffinata: per Paolo intendevo il vostro San Paolo

      • Cisco scrive:

        Guarda Filomena che ho capito che ti riferivi a San Paolo, mentre sei tu che non hai capito che anch’io mi riferivo a lui come risposta ironica.

      • Chiara scrive:

        Lo stupro è una cosa abominevole! Penso che quello che volesse dire Giovanna, e che penso anch’io, è che dare la vita a un bambino frutto di uno stupro è una cosa di cui andare fieri (per la donna, che porta avanti la gravidanza, ovviamente, non per la bestia che l’ha stuprata), mentre la fecondazione assistita spesso prevede che vengano fecondati più ovuli e selezionati embrioni come fossero oggetti, e la vita umana non è mai un oggetto!!!

      • giovanna scrive:

        Filomena e Chiara, il commento, completamente fuori tema, sulla fecondazione assistita, non è mio, ma del mio affezionato trollone. E comunque anche il trollone non ha capito un tubo di questa storia, che non è a sostegno dello stupro, ma della vita. La vita di una ragazza che oggi non ci sarebbe , non potrebbe essere felice, se la madre fosse stata sola e abbandonata, con le istituzioni che premono per eliminare con l’aborto il problema. Pensa ad avere come amici o parenti gente come Filomena…o Shiva…o il trollone….brrrrr….questa ragazza non si sarebbe salvata e la madre avrebbe sofferto un milione di volte di più !
        Nemmeno riescono a riconoscere lontanamente la bellezza di questa storia, per loro , come per tanti, uno più , uno meno, che conta, l’importante è farsi gli affari propri !

    • Shiva101 scrive:

      ma dov’e’ l’immoralita?

      immoralità di CHI? rispetto a cosa?

      pratica innaturale? tutta la medicina è innaturale, la chemoiterapia di pare “naturale”?

      Ma smettila di farti imbrogliare?

      • Shiva101 scrive:

        Questa ragazza sta dicendo che Dio ha pianificato la sua nascita con uno stupro e lei ringrazia pure?

        • beppe scrive:

          shiva, smettila di travisare tutto. guardando indietro a tutta la sua vita questa ragazza ha visto dei segni che le hanno fatto vedere il positivo sgorgare dal più odioso dei delitti. dalla forza della madre e dal suo amore ha potuto dispiegarsi un’esistenza. la su a storia meriterebbe di essere conosciuta anche se non fosse una miss ma una semplice ragazza. voi invece avreste preferito un aborto in più. quello si sarebbe stato un grande contributo per l’umanità.

        • Cisco scrive:

          Povero/a Shiva, non riesce a capire la differenza tra “permettere” è “pianificare”: urge un vocabolario! Dio permette, non pianifica, il male. In questo modo spera, ma nel tuo caso invano, di far capire all’uomo quanto è pirla.

        • Laura scrive:

          Shiva,
          Dio non pianifica gli stupri, ma rispetta la libertà anche malvagia delle persone, dato che ci ha pensati e voluti liberi, con autonomia di coscienza (non manichini), e Dio, immensa sapienza, non rinnega sé stesso privandoci della libertà.
          Ma quando il male avviene (e chi l’ha compiuto ne risponderà) Dio ne trae il bene, se c’è la collaborazione delle persone, trasformando tragedie orribili (come lo stupro) in doni immensamente più grandi come questa figlia intelligente, bella e serena che è cresciuta in una culla d’amore e lo testimonia a tutti.
          Sono discorsi talmente ovvi e talmente consolanti che mi meraviglio di doverli fare.

          • Shiva101 scrive:

            Allora ringrazia Dio di cosa??

            di aver “permesso” lo stupro?

            è una cosa ugualmente ridicola e MOLTO diseducativa!

            Laura se cerchi “discorsi consolanti” allora va bene una setta qualunque.

            • Laura scrive:

              Shiva
              Ringrazia Dio per la vita, per i numerosi doni ricevuti, per l’amore che l’ha cresciuta, per il coraggio e la determinazione della sua famiglia !
              Il suo è un Cantico d’amore !
              Quella delle sette poi non l’ho capita !!
              Qui non si parla di consolazione qui si parla di gioia scoppiettante (basta guardare la sua foto)
              Perché Dio fa nuove tutte le cose, anche le più immonde, se l’uomo corrisponde.
              Shiva, lasciati prendere dal bello, una volta tanto !

              • Shiva101 scrive:

                Non è esatto quello che dici…non esiste un dio che fa nuove tutte le cose..

                per la precisione SEI TU che dici esiste un dio che “fa nuove tutte le cose”, come potrebbe dirlo chiunque latro di una qualunque altra divinità inventata da altre persone.

                Un crimine non va predonato: va punito secondo quando dice la legge.

                • LawFirstpope scrive:

                  Intanto Dio non l’ha “inventato” Laura, ma è Lui che è entrato nella storia per parlarci.
                  Per la precisione SEI TU che dici che non esiste un Dio che fa nuove tutte le cose e che nella vita Dio non si possa incontrare, come potrebbe dirlo qualsiasi altra persona cui fa comodo escluderne l’esistenza a priori per non sentire la propria volontà di potenza limitata…

                  E chi ti ha detto che il crimine non è stato punito?
                  Sentiamo, quale doveva essere la “punizione”?

            • Toni scrive:

              Ti penso e mi viene da piangere.
              Quello che scrivi è pietoso.

      • Giannino Stoppani scrive:

        Ma davvero non sai che nei processi di fecondazione assistita vengono uccisi o congelati embrioni umani?

      • Menelik scrive:

        Una cosa è alterare MOMENTANEAMENTE con dei composti chimici una qualche funzione dell’organismo che sta lavorando IN MODO ANOMALO, ben altra cosa è creare una persona umana sinteticamente.

        • Eloisa scrive:

          non è possibile creare un organismo umano “sinteticamente”, finora lo si può fare solo prelevando gameti naturali dal corpo umano e farli incontrare in una provetta con un processo che non altera, ma imita la natura.

  6. domenico b. scrive:

    sua madre è stata veramente molto coraggiosa. Un grazie a lei per aver deciso di farla nascere e un altro grazie per averle trasmesso la fede in Dio, che si vede benissimo dalla luce dei suoi occhi.
    Oltretutto è anche una bella ragazza, e si capisce se può suscitare qualche invidia

  7. VivalItalia scrive:

    Un po de vergogna a posta qui de seguito a cotanti fregnacce un po lo provo…

    Come ar solito quelli che se professan liberi pensatori prima o poi, fanno la parte dei bigottoni: la permalosità e saccenteria de precedenti commenti de Filomena se hanno da inchinà ar bigottismo der su penultimo post

  8. Massimiliano scrive:

    Storia molto toccante, forse non tutti hanno capito che la ragazza ha messo l’accento sulla vita di sua madre e sulla sua (difficilissima) scelta e non tanto su quella sua. La ragazza non ha benedetto lo stupro in sè, non a caso si occupa di donne vittime di violenze, ma il gesto d’amore della madre che ha saputo trasformare in amore un gesto violento. Valerie è la testimonianza vivente di questo gesto.

    • Menelik scrive:

      Eh, diglielo va’, che mi pare che né Shiva né Filomena l’abbiano capita, o almeno fanno finta.
      E sì che non ci vuole tanto.

  9. Giuseppe scrive:

    C’è la farò un giorno a vedere un mondo senza più filomene? Senza più tanta brava gente, senza macchia n’è peccato? Un
    Mondo dove noi poveri e ignoranti peccatori saremo liberi di farci perdonare? Lo spero tanto… Intanto auguro a tutte le filomene del mondo un po’ di sana meschinità, scintilla per una simpatia a tempo indefinito.

  10. ms scrive:

    Bella la vicenda della nascita.
    Per il resto……poveri Tempi.

  11. Eloisa scrive:

    Che dovrebbe significare questa testimonianza? E’ ovvio che questa ragazza essendo nata, e avendo avuto molta fortuna nella vita, è felice di esserci, e passa pure sopra lo stupro della madre e le è grata. Se non fosse nata, non ci sarebbe nessuno a piangere per questo fatto, non si sarebbe mai formato un soggetto umano in grado di essere felice o infelice per qualche cosa.
    In ogni caso, l’aborto,soprattutto in caso di stupro soprattutto, deve essere possibile (non obbligatorio) per tutelare la salute mentale e la libertà della donna (non quella di un futuro bambino), una donna che, altrimenti, nel caso specifico dello stupro, si troverebbe costretta a subire una gravidanza e un parto contro ogni sua volontà; potrebbe accadere che una donna che mai si sarebbe fatta fecondare consensualmente, si troverebbe costretta a fare un figlio a causa di un rapporto sessuale imposto da un altro soggetto, una violenza sulla violenza. Poi, se la donna in questione crede nel valore assoluto della vita biologicamente intesa e desidera sacrificarsi perché l’embrione che si è formato nel suo corpo diventi comunque una nuova persona umana, è liberissima di farlo e liberissima la persona che da quell’embrione è derivata di esserle grata (anzi la cosa è dovuta e ragionevole).

    • giovanna scrive:

      Lo vedi , “Eloisa “, che ci sei arrivata anche tu al significato di questa testimonianza ? Che la mamma ,che è stata sostenuta nell’accettare la vita nel suo grembo, è stata felicissima della sua decisione, invece di rimpiangere tutta la vita suo figlio, come tantissime donne disgraziate, e anche la figlia è stata felicissima di essere stata accettata col suo carico di dolore e anche di gioia.
      D’altronde può darsi che, se anche tu non fossi nata, nessuno avrebbe sentito la tua mancanza o può darsi che tua madre sia felice di non averti abortito e che da quell’ “embrione ” che non ha ucciso sia venuta alla luce tu.

      • giovanna scrive:

        E siccome per la scienza ( ma anche un bambino lo capisce !) non è che noi deriviamo dall’embrione, ma siamo stati quell’embrione, maschio o femmina, come siamo quell’uomo o quella donna, come saremo quell’anziano o quell’anziana, cioè siamo sempre noi, unici e irripetibili in diverse fasi della NOSTRA vita…vorrei far notare che il dominio di un uomo sull’altro , a seconda del grado di potere che ha, oltre che alla possibilità di uccidere un bambino nel ventre della madre, oltre che all’eliminazione già avvenuta di ebrei e omosessuali e neri e malati di mente, potrebbe portare un domani all’eliminazione degli anziani …ah, no, questo già succede !

  12. luciano tropeolo scrive:

    Grande la madre e la famiglia. Grande anche l’elaborazione della propria nascita da parte della regazza….ma speriamo che non esageri ora con foto ammiccanti ed osé se no tutto il discorso cristiano un pochino va a scemare.

  13. Franco scrive:

    Tutto molto interessante . Posizioni diverse ma tutte vere . Vera la posizione di chi va oltre il fatto e percepisce il fiore che nasce da un atto delittuoso . Vera la posizione di tutti i coloro che hanno una rabbia interiore che non accettano la Presenza come un DIO PRESENTE MA ASSENTE . Anche io che mi considero cristiano sono perennemente in cerca di una ragione a quanto succede . Ma non arrivo a soluzioni ragionevoli . Ci sarebbe tanto da parlare sul Male ma quello che si è scritto testimonia in una maniera o in un’altra la voglia di tutti di un controllo del Male che evidentemente e ‘ pura Utopia . Prendiamone atto .

  14. Shady scrive:

    D’accordissimo con Filomena!!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Tempo di restyling per una delle vetture meno convenzionali – almeno esteticamente – degli ultimi anni. In occasione del Salone di Shangai, la crossover Lexus NX beneficia di un lifting di dettaglio cui si accompagnano affinamenti a livello tecnico volti a incrementare il comfort dei passeggeri e a rendere più dinamico il comportamento della vettura. […]

L'articolo Lexus NX: il restyling è sportivo proviene da RED Live.

Non è la prima volta che BMW utilizza la dicitura Rallye per la sua GS: accadde già nel 2013, quando fu una vistosa versione Rallye con telaio rosso e colori Motorsport a celebrare l’uscita di scena del motore ad aria. Ora la dicitura torna in auge sulla BMW R 1200 GS Rallye, che per la […]

L'articolo Prova BMW R 1200 GS Rallye 2017 proviene da RED Live.

Vi abbiamo già parlato del legame (inconsueto) che c’è tra l’ibericissima Seat e l’italianissima Ducati (entrambe con un tedeschissimo proprietario). Un po’ come se lo Jamon Serrano si gemellasse con il Prosciutto di Parma. L’accordo di collaborazione Seat-Ducati una delle tappe nella consegna di una Leon Cupra nuova fiammante ai piloti Ducati Dovizioso e Lorenzo. Nonostante un […]

L'articolo Un Leon di pilota, Dovizioso va in CUPRA proviene da RED Live.

COSA: BIKE FESTIVAL GARDA TRENTINO, quest’anno dura un giorno in più  DOVE E QUANDO: Riva del Garda, Trento, 28-30 aprire e 1° maggio Tra le più importanti rassegne outdoor del comparto ruote grasse il Bike Festival Garda Trentino quest’anno aggiunge un giorno in più al suo (sempre) ricco programma di iniziative. Eventi speciali, escursioni, gare, test, un […]

L'articolo RED Weekend 28-30 aprile e 1° maggio, idee per muoversi proviene da RED Live.

A volte ritornano. Oltretutto quando meno te lo aspetti. Dopo dodici anni di assenza dal panorama europeo, lo storico marchio inglese MG annuncia il rientro nel Vecchio Continente. Un’operazione che avrà inizio nel 2019 e che vedrà protagonista la cinese Saic, dal 2005 proprietaria del brand. Il successo con le spider negli Anni ‘60 La […]

L'articolo MG, il ritorno in Europa è in salsa cinese proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana