Google+

Yemen. Nel 2016 le bombe saudite hanno ucciso oltre 600 bambini

ottobre 5, 2017 Redazione

L’Onu dovrebbe inserire a fine mese l’Arabia Saudita tra i paesi che «uccidono i bambini in guerra». Riyad bombarda lo Yemen dal 2015 e l’anno scorso ha colpito anche 38 scuole e ospedali

epa05522297 A Yemeni child stands over the rubble of a destroyed house targeted by an alleged Saudi-led airstrike in Bait Marran district, Sana'a province, Yemen, 03 September 2016. According to reports, at least nine Yemenis, including five children, were killed and two others injured when an alleged Saudi-led airstrike targeted their house in the northern vicinity of the rebel-held Sana'a, as the Saudi-led military coalition intensifies airstrikes on several cities across Yemen.  EPA/YAHYA ARHAB

Non si ferma dopo oltre due anni la guerra in Yemen e non sembrano avere fine le atrocità commesse dalla coalizione araba a guida saudita nel paese. A farne le spese sono soprattutto i bambini e l’Arabia Saudita ha enormi responsabilità. Per questo le Nazioni Unite hanno inserito Riyad in una lista di paesi che «uccide e minaccia i bambini in zone di guerra».

BOME SU SCUOLE E OSPEDALI. Nella bozza che dovrà essere approvata a fine mese si legge che solo nel 2016 l’Arabia Saudita ha ucciso con bombardamenti indiscriminati 683 minori, mentre in altre 38 occasioni ha colpito con i suoi ordigni scuole e ospedali. Riyad si è difesa spiegando di non aver mai colpito civili o infrastrutture civili strategiche «di proposito», ma sono dichiarazioni che impallidiscono di fronte ai numeri diffusi dall’Onu: da quando nel marzo del 2015 è cominciata la campagna di bombardamenti in Yemen, sono morte 8.530 persone, nel 60 per cento dei casi civili, e altre 48 mila sono rimaste ferite. Venti milioni di abitanti hanno bisogno di assistenza umanitaria e l’emergenza sanitaria e alimentare portata dalla guerra ha causato la peggiore epidemia di colera del mondo.

L’ESCLUSIONE DEL 2016. Secondo quanto riportato da AsiaNews, «il rapporto Onu riconosce anche che la coalizione “ha messo in atto misure” per “migliorare” protezione e tutela dei bambini. Abdallah al-Mouallimi, rappresentante permanente dell’Arabia Saudita all’Onu, non ha voluto commentare la bozza del rapporto, fino a che non verrà diffusa la versione ufficiale alla fine di ottobre». L’anno scorso, dopo un’enorme pressione politica, Riyad era riuscita a farsi escludere dalla lista nonostante nel 2015 avesse ucciso 510 bambini in Yemen e feriti altri 667. Quest’anno sembra che non riuscirà a ottenere il medesimo risultato.

CAOS E MORTE. Il caos si è impadronito del poverissimo paese arabo fin dall’inizio del 2015: nel gennaio di due anni fa gli Houthi hanno conquistato i principali centri di potere nella capitale Sana’a. I ribelli discesi dal nord del paese, un tempo diviso dal sud, chiedevano da tempo di essere più rappresentati negli organi decisionali. L’assalto, che ha portato alla cacciata del premier e alla fuga del presidente Abdrabuh Mansur Hadi in Arabia Saudita, ha aperto uno scontro tra gli sciiti, le milizie fedeli al presidente e i secessionisti del sud. A marzo l’Arabia Saudita, temendo un nuovo dominio sciita al confine, ha cominciato a bombardare il paese a tappeto per stanare i ribelli. Oggi molte parti del paese sono finite in mano a Isis e Al-Qaeda.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

In quattro anni se ne possono preparare tante di novità e i ragazzi californiani non si sono certo risparmiati. A partire dal telaio, che dalla lega di alluminio è passato alla fibra di carbonio, nello specifico UHC Advanced con specifiche Felt, per poter meglio distribuire rigidezza e flex nei punti giusti. NUOVO TELAIO  La fibra […]

L'articolo Felt Compulsion m.y. 2018 proviene da RED Live.

Kia Stinger è un’auto che segna per l’azienda coreana un nuovo approccio: 380 cavalli, quattro posti, design e grinta da sportiva. per questo anche le attività di marketing e comunicazione seguono un percorso diverso. Stinger approda in tv con “Wishlist, il metodo Stinger”, una mini-serie di 3 episodi da 30 minuti, in onda sul NOVE la […]

L'articolo Kia Stinger, mini serie per la tv proviene da RED Live.

Ispirata dalle moto café racer (e non solo), questa edizione limitata vuole segnare un'epoca. Con una personalizzazione originale e stilosa, sia fuori sia dentro l'abitacolo

L'articolo DS 3 Café Racer, quando la DS suona il rock proviene da RED Live.

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.